D'Alema che non t'aspetti

D'Alema che non t'aspetti

10.01.2017 - 12:39

0

Più che alla filmografia è passata alla politica la famosa frase di Nanni Moretti che in una sua pellicola di qualche anno fa, piazzato davanti allo schermo televisivo chiede a D’Alema, allora capo del governo e leader del centro sinistra, di “dire qualcosa di sinistra". L'attesa di Moretti andò delusa e da allora la frase è divenuto una specie di tormentone evocato per segnare in negativo quella che in molti ritenevano la deriva destrorsa del dirigente ex comunista, della sua figura politica e delle scelte del suo partito. Ora, c’è voluto un po’ di tempo, ma le cose sono cambiate. D’Alema è tornato a dire qualcosa di sinistra. L’ha fatto, per chi ha voluto e potuto ascoltarlo, anche di recente a Perugia, alla Sala dei Notari, nel corso del tour per il No al referendum che l’ha visto impegnato in tutta Italia. Nelle ultime settimane l’ha replicato, in maniera più compiuta e impegnata, in un editoriale per giornale della Fondazione che dirige. La sua analisi muove dal fatto che la sinistra ha perso perché ha smarrito le ragioni costitutive che la legano al suo tradizionale blocco sociale, quei ceti popolari e le masse meno protette e povere che più duramente sono stati oggetto dei colpi della globalizzazione e del liberismo economico. Se smarrisce i suoi caratteri, dice D’Alema, la sinistra è destinata a perdere, a essere identificata con maggiori responsabilità di altri nell'establishment dominante e il senso di delusione che ne deriva spinge, paradossalmente, i suoi naturali interlocutori sociali e le classi meno ricche al voto verso destra. D’Alema cita la vittoria di Trump in America che si è rivolto demagogicamente “ai dimenticati” della globalizzazione, salvo poi a riempire il suo governo di ricconi e manager ferocemente antioperai. Quali sono le ragioni costitutive della sinistra smarrite alle quali allude D’Alema? L’emancipazione e la giustizia sociale, la lotta alle disuguaglianze e alla povertà, quella per restituire dignità e voce ai lavoratori e al lavoro e dare diritti a chi non ce li ha. Occorre, questo è il passo chiave del "nuovo" credo d'alemiano, far ammenda all'errore e all'illusione di aver creduto che la globalizzazione e il liberismo fossero di per se un fatto positivo e liberatorio e di esserne divenuti sostanzialmente culturalmente succubi e subalterni. Su questa falsariga lo scritto di D'Alema, che è lungo e articolato, prosegue rivolto ai socialisti e alla sinistra in Europa ed in Italia per proporre una "svolta politica" che torni a far acquisire a questa parte dello schieramento politico caratteri e cultura autonomi e alternativi alla destra, tanto nel programma (dalle politiche economiche, alla concezione della democrazia) quanto in quella dei rapporti politici (liberarsi dalle larghe intese e dalla collaborazione subalterna con il centro destra). Ora, questo D’Alema vestito di nuovo, suscita due sentimenti controversi. Il primo, insieme alla sorpresa, è un atto di accusa. Dov’era D’Alema negli anni nei quali si consumava la deriva culturale verso destra, sulla quale egli esprime oggi un ripensamento? Dallo scioglimento del Pci si è consumato un duro scontro politico culturale tra sinistra moderata e sinistra alternativa che, pressappoco sosteneva le tesi che D’Alema sembra scoprire oggi. Egli, consapevolmente o meno, porta grandi responsabilità in quel “nuovismo” (giunto alla abdicazione teorico culturale) che ha finito con lo snaturare la sinistra e confonderne da ultimo il profilo. L'altro sentimento, diverso o opposto al primo, è la soddisfazione. Sembra, D’Alema, un amico ritrovato. Le cose che ha scritto sono importanti, incoraggianti, un contributo di livello alla difficile impresa della ricostruzione e del riposizionamento della sinistra e si può sperare che riflettano un’opinione più larga nel socialismo europeo. Come valutarle dunque? Con scetticismo o entusiasmo? Di sicuro sono una novità.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Il rapper italiano Ghali, che sta scalando le classifiche delle hit più ascoltate e che vanta decine di milioni di visualizzazioni su Youtube, è stato scelto dal leader dell'intrattenimento digitale Ubisoft per rendere omaggio all'ultimo capitolo della saga di "Assassin's Creed" (Assassin's Creed Origins), il videogioco da 110 milioni di copie, in uscita il 27 ottobre. Ghali veste i panni del ...

 
Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

El Alamein (askanews) - Le autorità egiziane e più di 35 delegazioni straniere hanno commemorato il 75esimo anniversario della battaglia di El Alamein del 1942, importante vittoria alleata sui nazisti, in un Egitto in lutto per la morte ieri in un attentato di almeno 35 poliziotti. La cerimonia si è svolta al cimitero della Commonwealth War Graves Commission, dove riposano i resti dei soldati ...

 
Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Capri (askanews) - Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, boccia la proposta di doppia moneta lanciata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dal palco del convegno dei giovani imprenditori. "No, non ci convince la doppia moneta - ha detto Boccia a margine del meeting degli under 40 di Confindustria - riteniamo che possa incrementare solo elementi inflattivi. La grande sfida del ...

 
Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Madrid (askanews) - Il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, riunito in un Consiglio dei ministri durato un paio di ore, ha deciso di fare ricorso all'Articolo 155 della Costituzione per revocare una serie di prerogative della Generalitat della Catalogna, il governo regionale autonomo, dopo che questo ha fatto votare un referendum per l'indipendenza. "Applichiamo l'Articolo 155 della ...

 
Concerto dai balconi di piazza del Mercato

Tanta gente in centro

Concerto dai balconi di piazza del Mercato

A Terni, fino alla tarda serata di sabato 21 ottobre, si è svolta con grande successo, in piazza del Mercato, l’iniziativa "Concerto dai balconi", organizzata ...

21.10.2017

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017