D'Alema che non t'aspetti

D'Alema che non t'aspetti

10.01.2017 - 12:39

0

Più che alla filmografia è passata alla politica la famosa frase di Nanni Moretti che in una sua pellicola di qualche anno fa, piazzato davanti allo schermo televisivo chiede a D’Alema, allora capo del governo e leader del centro sinistra, di “dire qualcosa di sinistra". L'attesa di Moretti andò delusa e da allora la frase è divenuto una specie di tormentone evocato per segnare in negativo quella che in molti ritenevano la deriva destrorsa del dirigente ex comunista, della sua figura politica e delle scelte del suo partito. Ora, c’è voluto un po’ di tempo, ma le cose sono cambiate. D’Alema è tornato a dire qualcosa di sinistra. L’ha fatto, per chi ha voluto e potuto ascoltarlo, anche di recente a Perugia, alla Sala dei Notari, nel corso del tour per il No al referendum che l’ha visto impegnato in tutta Italia. Nelle ultime settimane l’ha replicato, in maniera più compiuta e impegnata, in un editoriale per giornale della Fondazione che dirige. La sua analisi muove dal fatto che la sinistra ha perso perché ha smarrito le ragioni costitutive che la legano al suo tradizionale blocco sociale, quei ceti popolari e le masse meno protette e povere che più duramente sono stati oggetto dei colpi della globalizzazione e del liberismo economico. Se smarrisce i suoi caratteri, dice D’Alema, la sinistra è destinata a perdere, a essere identificata con maggiori responsabilità di altri nell'establishment dominante e il senso di delusione che ne deriva spinge, paradossalmente, i suoi naturali interlocutori sociali e le classi meno ricche al voto verso destra. D’Alema cita la vittoria di Trump in America che si è rivolto demagogicamente “ai dimenticati” della globalizzazione, salvo poi a riempire il suo governo di ricconi e manager ferocemente antioperai. Quali sono le ragioni costitutive della sinistra smarrite alle quali allude D’Alema? L’emancipazione e la giustizia sociale, la lotta alle disuguaglianze e alla povertà, quella per restituire dignità e voce ai lavoratori e al lavoro e dare diritti a chi non ce li ha. Occorre, questo è il passo chiave del "nuovo" credo d'alemiano, far ammenda all'errore e all'illusione di aver creduto che la globalizzazione e il liberismo fossero di per se un fatto positivo e liberatorio e di esserne divenuti sostanzialmente culturalmente succubi e subalterni. Su questa falsariga lo scritto di D'Alema, che è lungo e articolato, prosegue rivolto ai socialisti e alla sinistra in Europa ed in Italia per proporre una "svolta politica" che torni a far acquisire a questa parte dello schieramento politico caratteri e cultura autonomi e alternativi alla destra, tanto nel programma (dalle politiche economiche, alla concezione della democrazia) quanto in quella dei rapporti politici (liberarsi dalle larghe intese e dalla collaborazione subalterna con il centro destra). Ora, questo D’Alema vestito di nuovo, suscita due sentimenti controversi. Il primo, insieme alla sorpresa, è un atto di accusa. Dov’era D’Alema negli anni nei quali si consumava la deriva culturale verso destra, sulla quale egli esprime oggi un ripensamento? Dallo scioglimento del Pci si è consumato un duro scontro politico culturale tra sinistra moderata e sinistra alternativa che, pressappoco sosteneva le tesi che D’Alema sembra scoprire oggi. Egli, consapevolmente o meno, porta grandi responsabilità in quel “nuovismo” (giunto alla abdicazione teorico culturale) che ha finito con lo snaturare la sinistra e confonderne da ultimo il profilo. L'altro sentimento, diverso o opposto al primo, è la soddisfazione. Sembra, D’Alema, un amico ritrovato. Le cose che ha scritto sono importanti, incoraggianti, un contributo di livello alla difficile impresa della ricostruzione e del riposizionamento della sinistra e si può sperare che riflettano un’opinione più larga nel socialismo europeo. Come valutarle dunque? Con scetticismo o entusiasmo? Di sicuro sono una novità.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Roma (askanews) - "Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico e gli ha affidato il compito di verificare la possibilità di una intesa di maggioranza parlamentare tra M5s e Pd per costituire il governo". Meno di trentasei ore per rendere possibile quello che fino ad oggi sembrava impossibile: un governo di larghe intese ...

 
Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Roma, 23 apr. (askanews) - "The Happy Prince", il principe felice: prende il nome dalla favola di Oscar Wilde il film che Rupert Everett ha dedicato al grande scrittore irlandese, alla sua vita rutilante nella società londinese di fine Ottocento e al suo crollo quando la sua omosessualità divenne di pubblico dominio. Oscar Wilde è un ruolo che Everett ha ricoperto anche in teatro. Dal festival di ...

 
Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Sorrento, (askanews) - Intervistato al Festival di Sorrento, Rupert Everett racconta del suo impegno in un progetto caro al cuore dell'Italia, una serie tv Fox tratta dal "Nome della Rosa" di Umberto Eco, girata a Perugia: Guglielmo sarà John Turturro. E Umberto Eco, dice, Everett, sarebbe contento. "Penso che sarebbe contento: rispetto al film che doveva riassumere così tanti temi del libro, noi ...

 
Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

L'intervista

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

Paolo Fresu e Giovanni Sollima, sardo il primo, siciliano l’altro. Due musicisti eclettici e virtuosi che su sollecitazione dell’Orchestra da camera di Perugia hanno ...

18.04.2018