D'Alema che non t'aspetti

D'Alema che non t'aspetti

10.01.2017 - 12:39

0

Più che alla filmografia è passata alla politica la famosa frase di Nanni Moretti che in una sua pellicola di qualche anno fa, piazzato davanti allo schermo televisivo chiede a D’Alema, allora capo del governo e leader del centro sinistra, di “dire qualcosa di sinistra". L'attesa di Moretti andò delusa e da allora la frase è divenuto una specie di tormentone evocato per segnare in negativo quella che in molti ritenevano la deriva destrorsa del dirigente ex comunista, della sua figura politica e delle scelte del suo partito. Ora, c’è voluto un po’ di tempo, ma le cose sono cambiate. D’Alema è tornato a dire qualcosa di sinistra. L’ha fatto, per chi ha voluto e potuto ascoltarlo, anche di recente a Perugia, alla Sala dei Notari, nel corso del tour per il No al referendum che l’ha visto impegnato in tutta Italia. Nelle ultime settimane l’ha replicato, in maniera più compiuta e impegnata, in un editoriale per giornale della Fondazione che dirige. La sua analisi muove dal fatto che la sinistra ha perso perché ha smarrito le ragioni costitutive che la legano al suo tradizionale blocco sociale, quei ceti popolari e le masse meno protette e povere che più duramente sono stati oggetto dei colpi della globalizzazione e del liberismo economico. Se smarrisce i suoi caratteri, dice D’Alema, la sinistra è destinata a perdere, a essere identificata con maggiori responsabilità di altri nell'establishment dominante e il senso di delusione che ne deriva spinge, paradossalmente, i suoi naturali interlocutori sociali e le classi meno ricche al voto verso destra. D’Alema cita la vittoria di Trump in America che si è rivolto demagogicamente “ai dimenticati” della globalizzazione, salvo poi a riempire il suo governo di ricconi e manager ferocemente antioperai. Quali sono le ragioni costitutive della sinistra smarrite alle quali allude D’Alema? L’emancipazione e la giustizia sociale, la lotta alle disuguaglianze e alla povertà, quella per restituire dignità e voce ai lavoratori e al lavoro e dare diritti a chi non ce li ha. Occorre, questo è il passo chiave del "nuovo" credo d'alemiano, far ammenda all'errore e all'illusione di aver creduto che la globalizzazione e il liberismo fossero di per se un fatto positivo e liberatorio e di esserne divenuti sostanzialmente culturalmente succubi e subalterni. Su questa falsariga lo scritto di D'Alema, che è lungo e articolato, prosegue rivolto ai socialisti e alla sinistra in Europa ed in Italia per proporre una "svolta politica" che torni a far acquisire a questa parte dello schieramento politico caratteri e cultura autonomi e alternativi alla destra, tanto nel programma (dalle politiche economiche, alla concezione della democrazia) quanto in quella dei rapporti politici (liberarsi dalle larghe intese e dalla collaborazione subalterna con il centro destra). Ora, questo D’Alema vestito di nuovo, suscita due sentimenti controversi. Il primo, insieme alla sorpresa, è un atto di accusa. Dov’era D’Alema negli anni nei quali si consumava la deriva culturale verso destra, sulla quale egli esprime oggi un ripensamento? Dallo scioglimento del Pci si è consumato un duro scontro politico culturale tra sinistra moderata e sinistra alternativa che, pressappoco sosteneva le tesi che D’Alema sembra scoprire oggi. Egli, consapevolmente o meno, porta grandi responsabilità in quel “nuovismo” (giunto alla abdicazione teorico culturale) che ha finito con lo snaturare la sinistra e confonderne da ultimo il profilo. L'altro sentimento, diverso o opposto al primo, è la soddisfazione. Sembra, D’Alema, un amico ritrovato. Le cose che ha scritto sono importanti, incoraggianti, un contributo di livello alla difficile impresa della ricostruzione e del riposizionamento della sinistra e si può sperare che riflettano un’opinione più larga nel socialismo europeo. Come valutarle dunque? Con scetticismo o entusiasmo? Di sicuro sono una novità.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Milano (askanews) - Partire dal paesaggio extraterreste... per tornare a casa. Potremmo forse riassumere così la mostra "Planetarium" di Flavio De Marco che è allestita sui due piani della galleria M77 di via Mecenate a Milano. Potremmo farlo perchè l'artista, leccese con base a Berlino, ha scelto di partire dagli altri pianeti del Sistema solare e dal loro registro cromatico per strutturare i ...

 
Francia, la sinistra radicale divisa sul voto a Macron

Francia, la sinistra radicale divisa sul voto a Macron

Roma, (askanews) - Votare per Emmanuel Macron - per molti di loro il rappresentante dell'odiata borghesia capitalista - pur di sbarrare la strada all'estrema destra di Marine Le Pen? Oppure astenersi, rischiando così di favorirne l'ascesa? E' il dilemma davanti al quale si trovano i sostenitori di Jean-Luc Mélenchon, il candidato della sinistra radicale arrivato quarto al primo turno delle ...

 
Nonostante le sanzioni, negozi Metro e Auchan aperti in Crimea

Nonostante le sanzioni, negozi Metro e Auchan aperti in Crimea

Sinferopoli, (askanews) - Carrelli, parcheggi e persino l insegna. Quasi tutto come in Unione europea. Ma il luogo è Sinferopoli, la città della sanzionata Crimea, che ospita l'unico scalo aereo internazionale. La presenza della catena tedesca Metro e della francese Auchan hanno scatenato molte polemiche, proprio perché le attività commerciali si svolgono sotto quei brand sul territorio della ...

 
Ivanka Trump invitata da Merkel al summit delle donne a Berlino

Ivanka Trump invitata da Merkel al summit delle donne a Berlino

Roma, (askanews) - L'imprenditrice e stilista Ivanka Trump ha fatto il suo debutto oltreoceano come 'First Daughter' del presidente americano Donald Trump al summit delle donne a Berlino, il G20 Germany 2017. A fare gli onori di casa la cancelliera tedesca Angela Merkel, tra le ospiti di rilievo la francese Christine Lagarde, attuale direttrice del Fondo Monetario internazionale (Fmi). A una ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...

Il parco giochi con Marco Bocci e Laura Chiatti

Il taglio del nastro con Marco Bocci e Laura Chiatti

La sorpresa

Il parco giochi con Marco Bocci e Laura Chiatti

Un battesimo targato Marco Bocci e Laura Chiatti quello de “L’isola di Peter Pan”, il nuovo parco giochi per bambini che da sabato scorso ha iniziato la sua avventura a Marsciano. ...