Cerca

Sabato 25 Febbraio 2017 | 17:25

Umbria

Smog, ecco i Comuni a rischio

Smog, ecco le zone a rischio

Smog da inquinamento automobilistico e da riscaldamento. Sono questi i due principali problemi da combattere e che sono stati al centro di un primo confronto voluto dall’assessore regionale all’Ambiente, Fernanda Cecchini, che ha riunito mercoledì 15 febbraio nella sede dell’assessorato, il “Tavolo istituzionale per la qualità dell’aria”, composto dai sindaci dei Comuni a rischio di superamento dei limiti delle concentrazioni degli inquinanti in atmosfera (Perugia, Terni, Foligno, Città di Castello, Corciano e Narni), dai rappresentanti dell’Arpa Umbria, l’Agenzia regionale per l’ambiente, e degli uffici regionali competenti. Dall'incontro è emerso l'impegno a investire 80 milioni di euro per interventi mirati alla riduzione dei consumi energetici, sia degli edifici sia dei processi produttivi, e alla mobilità sostenibile. Durante il summit sono stati resi noti i dati dell'Arpa relativi al 2015 che evidenziano alcune problematicità delle concentrazioni di inquinanti nel territorio regionale, in particolare per le polveri sottili (Pm10) nelle “aree di superamento” individuate dal Piano Regionale per la qualità dell’aria, per i metalli pesanti (Nichel) nella Conca Ternana e  per il Benzo(a)pirene (derivato in gran parte dall’uso di biomasse legnose per il riscaldamento e anche dal traffico) che ha elevati valori e supera i valori obiettivo definiti dalla normativa in tutto il territorio regionale.

Più letti oggi

il punto
del direttore