Il Perugia sul mercato: accordo con il portiere Leali, poi un terzino mancino

Nicola Leali (LaPresse)

CALCIO SERIE B

Il Perugia sul mercato: accordo con il portiere Leali, poi un terzino mancino

29.12.2017 - 11:02

0

 Si chiama Nicola Leali il primo rinforzo del Perugia nel mercato di gennaio. Il portiere di Castiglione delle Stiviere, classe 1993, è di proprietà della Juventus ma in questa stagione è in prestito allo Zulte Waregem, squadra belga che ha partecipato alla recente Europa League nel girone della Lazio. I dirigenti biancorossi chiuderanno nelle prossime ore il prestito con diritto di riscatto, una trattativa fotocopia di quella orchestrata sempre con il club bianconero per far arrivare Brignoli lo scorso gennaio. Leali - che vanta 172 presenze nei professionisti - ha esordito in Serie A con il Brescia nella stagione 2010/2011, lo acquista la Juventus per 3,8 milioni di euro per farne il nuovo Buffon e inizia una serie di esperienze in prestito (Lanciano e Spezia in B, Cesena e Frosinone in A) tra cui le ultime all’estero con l’Olympiacos in Grecia (esordio in Europa League) e il Waregem con cui però l’ultima partita giocata risale al 22 ottobre. Prenderà il posto di Antonio Rosati ormai fuori dal progetto tecnico del Perugia. In uscita ci sono anche Simone Emmanuello, Yanik Frick e Mattia Mustacchio, Filippo Falco potrebbe chiedere di andare via, mentre Samuel Di Carmine sembra dipendere tutto dalla volontà del calciatore: tre club di B (Palermo, Parma e Carpi) sono infatti pronti a soddisfare le richieste fissate dal Perugia per trattare (due milioni subito e un altro in caso di promozione). Ma non è detto che il calciatore abbia intenzione di lasciare il Grifo e che lo stesso club voglia privarsene. Ha mercato anche Salvatore Monaco così come un’offerta importante è stata recapitata a Matteo Brighi da parte del Santarcangelo (Serie C) per mano del direttore tecnico Crespini (fu lui a cederlo dal Rimini alla Juventus nell’ormai lontano 2000). Per il centrocampista sarebbe un ritorno all’antico perché in Romagna è stato messo in piedi un progetto di spessore con la fusione tra il Santarcangelo, il Rimini e altre società grazie a importanti investitori croati e Brighi sarebbe il primo di una grande serie di operazioni. Infine, nonostante non sia più protagonista assoluto, tante sirene aleggiano su Han Kwang Song ma il nordcoreano del Cagliari resterà a Perugia sino a giugno e poi dopo sarà asta (la Juventus ha pronto un assegno da 12 milioni per lui e Barella, ma piace anche a Inter, Milan e Fiorentina). Dunque il 7 gennaio, data fissata per la ripresa degli allenamenti, Breda potrà contare oltre che sul nuovo portiere Leali anche su un terzino mancino mentre per ulteriori operazioni dipenderà molto dallo sviluppo del mercato considerando l’esigenza di asciugare una rosa con troppi elementi che sono stati impiegati pochissimo.

Nicola Uras

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Milano, (askanews) - "Guardi non fanno più notizia, sto iniziando a sbagliare i gerundi magari riesco a fare più notizia, visto che non parla mai del merito ma di queste cose. Tra l'altro a quei signori che hanno fatto i maestrini ho risposto che quella forma è corretta e lo dicono anche fior fiore di persone che si occupano di grammatica. Vedo sempre questi maestrini che ci correggono ...

 
Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

PyeongChang (askanews) - "Abbiamo voluto pensare a Carolina per riconoscenza, per gratitudine per questa meravigliosa carriera che ha fatto": così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha annunciato e motivato la scelta di Carolina Kostner come portabandiera azzurra alla cerimonia di chiusura dei Giochi olimpici invernali di PyeongChang. Un omaggio a tutta la sua carriera e un auspicio perché ...

 
Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

PyeongChang (askanews) - "Medaglie che hanno ancora più valore a fronte delle maggiori difficoltà che nel nostro Paese le donne continuano ad avere per poter fare sport a livelli importanti". In questo modo il presidente del Coni Giovanni Malagò ha voluto rendere omaggio alle molte medaglie conquistate da atlete nei Giochi invernali di PyeongChang.

 
Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

PyeongChang (askanews) - Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, da PyeongChang ha tracciato un bilancio della spedizione italiana alle Olimpiadi invernali sudcoreane. Dieci medaglie, di cui tre d'oro, "un risultato per il quale tutti avremmo firmato prima di partire". Un risultato che migliora quelli degli ultimi Giochi invernali e che ora, per le prossime edizioni, ci impone di fare ancora ...

 
I tanti universi del Fuseum

Alla scoperta dell'arte

I tanti universi del Fuseum

In mezzo al verde e alla natura di Montemalbe, bella collina di Perugia, da una casa museo s’alza il richiamo di una nuova stagione. Quella casa è l’universo dei tanti ...

23.02.2018

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

In concerto

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

Qualcuno si ricorderà quella notte d’inverno di quattordici anni fa. Metà gennaio del 2004, giorno più giorno meno. A Perugia c’era ancora il Norman, e il più delle volte i ...

23.02.2018

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

Dal palco dell'Ariston

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

L’eco di Sanremo 2018 si fa sentire. Con l’arrivo di due big. Mercoledì 28 febbraio alle 17.30 il centro commerciale Quasar Village di Ellera di Corciano ospiterà il ...

23.02.2018