Il Perugia non molla più, adesso chiamatela "zona Breda"

Breda e il suo Perugia sono in serie positiva da quattro partite (LaPresse)

CALCIO SERIE B

Il Perugia non molla più, adesso chiamatela "zona Breda"

10.12.2017 - 22:46

0

Una volta c’era Renato Cesarini, l’italoargentino della Juventus degli anni Trenta che diede il nome ai gol a tempo quasi scaduto e oltre, appunto la “zona Cesarini”. Ora è il momento della “zona Breda”. Sì perché da quando il tecnico trevigiano si è seduto sulla panchina del Perugia i grifoni hanno imparato a recuperare (o vincere) le partite che si mettono per il verso sbagliato.

IL PAREGGIO DI SALERNO 

La “zona Breda” nasce nelle ultime tre partite. Il 26 novembre a Terni, nel derby con le Fere, i padroni di casa sono andati avanti con un rigore di Montalto nel corso del primo tempo. Il Grifo non ha fatto una piega, nella ripresa ha alzato i giri del motore e negli ultimi minuti ha stretto d’assedio l’area rossoverde giungendo al pareggio al 92’ grazie a un rigore trasformato da Di Carmine (1-1). Un minuto, il secondo di recupero, diventato il miglior amico dei grifoni. Perché sei giorni più tardi, sabato 2 dicembre, è stato Falco con un destro da dentro l’area a permettere al Perugia di vincere al “Curi” contro il fanalino di coda Ascoli (1-0). Anche in questo caso decisivo il 92’. Quindi la sfida di sabato, 9 dicembre, quando all’Arechi la Salernitana è andata in vantaggio con Bocalon al 75’ ma il Perugia ha trovato - sempre al 92’ - il gol del pareggio grazie a Buonaiuto di testa (1-1).

LA VITTORIA CON L'ASCOLI

Cinque punti, quelli ottenuti in “zona Breda”, che certificano il primo risultato della cura dell’allenatore originario di Treviso: rimanere sempre in partita. E poi una migliore condizione atletica, l'incisività dei subentri e i numeri del suo Grifo in netta crescita.

Nicola Uras

SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE DELL'UMBRIA DI LUNEDì 11 DICEMBRE: CLICCA QUI PER LA COPIA DIGITALE

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Milano, (askanews) - "Guardi non fanno più notizia, sto iniziando a sbagliare i gerundi magari riesco a fare più notizia, visto che non parla mai del merito ma di queste cose. Tra l'altro a quei signori che hanno fatto i maestrini ho risposto che quella forma è corretta e lo dicono anche fior fiore di persone che si occupano di grammatica. Vedo sempre questi maestrini che ci correggono ...

 
Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

PyeongChang (askanews) - "Abbiamo voluto pensare a Carolina per riconoscenza, per gratitudine per questa meravigliosa carriera che ha fatto": così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha annunciato e motivato la scelta di Carolina Kostner come portabandiera azzurra alla cerimonia di chiusura dei Giochi olimpici invernali di PyeongChang. Un omaggio a tutta la sua carriera e un auspicio perché ...

 
Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

PyeongChang (askanews) - "Medaglie che hanno ancora più valore a fronte delle maggiori difficoltà che nel nostro Paese le donne continuano ad avere per poter fare sport a livelli importanti". In questo modo il presidente del Coni Giovanni Malagò ha voluto rendere omaggio alle molte medaglie conquistate da atlete nei Giochi invernali di PyeongChang.

 
Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

PyeongChang (askanews) - Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, da PyeongChang ha tracciato un bilancio della spedizione italiana alle Olimpiadi invernali sudcoreane. Dieci medaglie, di cui tre d'oro, "un risultato per il quale tutti avremmo firmato prima di partire". Un risultato che migliora quelli degli ultimi Giochi invernali e che ora, per le prossime edizioni, ci impone di fare ancora ...

 
I tanti universi del Fuseum

Alla scoperta dell'arte

I tanti universi del Fuseum

In mezzo al verde e alla natura di Montemalbe, bella collina di Perugia, da una casa museo s’alza il richiamo di una nuova stagione. Quella casa è l’universo dei tanti ...

23.02.2018

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

In concerto

Ritmo e adrenalina, c'è Caparezza

Qualcuno si ricorderà quella notte d’inverno di quattordici anni fa. Metà gennaio del 2004, giorno più giorno meno. A Perugia c’era ancora il Norman, e il più delle volte i ...

23.02.2018

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

Dal palco dell'Ariston

Ultimo e Moro, passaggio in Umbria

L’eco di Sanremo 2018 si fa sentire. Con l’arrivo di due big. Mercoledì 28 febbraio alle 17.30 il centro commerciale Quasar Village di Ellera di Corciano ospiterà il ...

23.02.2018