Ternana, da Zadotti strali per lo stato dello stadio: "Che tristezza non essere capiti"

Ternana, da Zadotti strali per lo stato dello stadio: "Che tristezza non essere capiti"

Il presidente diffonde una nota polemica che suona rivolta all'amministrazione comunale

08.09.2013 - 19:01

0

Il presidente della Ternana Calcio pubblica una nota polemica sul sito della Ternana Calcio che suona rivolta all'amministrazione comunale. La "fatiscenza" dello stadio, malgrado sia un simbolo cittadino, il conseguente disagio a ospitarvi società sportive e i conseguenti sforzi fatti dalla società per porre rimedio. Ecco da cosa parte Francesco Zadotti per dire che certi sacrifici non sarebbero stati contraccambiati. Risultato: uno stadio "abbandonato" ma non solo per scarsità di fondi ma anche per "noncuranza". Di seguito l'intervento integrale.

"Negli ultimi due anni è cresciuto in me l’orgoglio di appartenere a questa città e non sopporto l’idea di dare una cattiva impressione nell’ospitare le società sportive in uno stadio che mostra evidenti segni di degrado. Da quando ho accettato l’incarico mi sono dedicato, sin da subito, anche con il mio sacrificio personale e lavorativo, a far fronte alla fatiscenza dello stadio nella convinzione che esso rappresenti, ancor prima che la squadra di calcio, la città e la sua gente. Innegabili sono gli immensi sforzi finanziari assunti dalla proprietà che non si è mai tirata indietro, intervenendo, al di là di ogni accordo o convenzione, con tutte le opere necessarie.

Valga per tutti un solo esempio: per l’adeguamento dello stadio alle normative vigenti nell’anno 2011 sono stati spesi oltre 400mila euro e nel 2012 oltre 700mila, consentendo così l’omologazione dello stesso, mai ottenuta prima d’ora, a tutto vantaggio della fruibilità del 'Liberati' di proprietà comunale. Che tristezza non essere capiti ed avere degli interlocutori che continuano ad anteporre gli obblighi di una convenzione ai propri naturali doveri civici e morali. Piccolezze insopportabili. Ancor più laddove vengono ignorati e sottovalutati, talvolta derisi, gli impegni che ci siamo assunti prima di tutto per buon senso ed amor proprio.

Terni possiede un grande patrimonio, lo stadio. Un patrimonio abbandonato non solo per mancanza di risorse, ma per noncuranza e trascuratezza. Non prendersene cura significa mancare di rispetto alla città di Terni, ai suoi cittadini e ai suoi tifosi. La città di Terni e la sua squadra hanno avuto un passato importante; deve continuare ad essere una realtà viva che conserva la dignità dei grandi. Lo dico io che da questa città sono stato adottato. E vorrei continuare ad esserne fiero. Mi auguro solo che chi deve comprendere, comprenda. E si metta al lavoro".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump riceve Macron: "Da matti l'accordo con l'Iran"

Trump riceve Macron: "Da matti l'accordo con l'Iran"

Roma, (askanews) - "Da matti l'accordo con l'Iran": così il presidente statunitense dalla Casa Bianca dove riceve il francese Emmanuel Macron. Proprio l'accordo con Teheran firmato da Barack Obama assieme alla diplomazia internazionale è uno dei temi caldi dell'incontro fra Parigi e Washington: Macron aveva per missione cercava di convincere Trump a non recedere dall'accordo, perdendo anni di ...

 
Inaugurata la prima statua di donna davanti a Westminster

Inaugurata la prima statua di donna davanti a Westminster

Londra, (askanews) - Non solo le statue di Winston Churchill, di Gandhi e di Mandela davanti al parlamento britannico; c'è finalmente anche la statua di una donna, l'attivista per i diritti femminili Millicent Fawcett, svelata nel centesimo anniversario del voto alle donne. La statua realizzata dall'artista Gillian Wearing, è stata inaugurata dalla premier Theresa May accanto al sindaco di Londra ...

 
Trump-Macron in abito nero, Melanie-Brigitte sfoggiano il bianco

Trump-Macron in abito nero, Melanie-Brigitte sfoggiano il bianco

Roma, (askanews) - Il presidente americano Donald Trump ha ricevuto alla Casa Bianca il presidente francese Emmanuel Macron. I due capi di Stato, in elegante completo scuro, erano accompagnati dalle rispettive moglie, Melanie e Brigitte, entrambe in completo bianco. Melanie con anche un cappello a larghe tese.

 
Economia

Bose europee contrastate, a Milano bene il lusso

Le Borse europee chiudono contrastate, sulla scia del ribasso di Wall Street dopo che i rendimenti decennali americani hanno toccato la soglia del 3% per la prima volta da gennaio 2014. A Milano l'indice Ftse Mib segna +0,22% oltre quota 24mila punti. In progresso Londra +0,36%, deboli i listini di Francoforte -0,17% e Parigi -0,10%, dove il fermo di Vincent Bolloré per un'inchiesta su presunte ...

 
I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

quinta edizione

I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

La quinta edizione di Encuentro, in programma a Perugia e Terni dal 2 al 6 maggio, sarà quella dei grandi immaginari che si incontrano e dialogano tra loro. La letteratura in ...

24.04.2018

Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018