Ternana, da Zadotti strali per lo stato dello stadio: "Che tristezza non essere capiti"

Ternana, da Zadotti strali per lo stato dello stadio: "Che tristezza non essere capiti"

Il presidente diffonde una nota polemica che suona rivolta all'amministrazione comunale

08.09.2013 - 19:01

0

Il presidente della Ternana Calcio pubblica una nota polemica sul sito della Ternana Calcio che suona rivolta all'amministrazione comunale. La "fatiscenza" dello stadio, malgrado sia un simbolo cittadino, il conseguente disagio a ospitarvi società sportive e i conseguenti sforzi fatti dalla società per porre rimedio. Ecco da cosa parte Francesco Zadotti per dire che certi sacrifici non sarebbero stati contraccambiati. Risultato: uno stadio "abbandonato" ma non solo per scarsità di fondi ma anche per "noncuranza". Di seguito l'intervento integrale.

"Negli ultimi due anni è cresciuto in me l’orgoglio di appartenere a questa città e non sopporto l’idea di dare una cattiva impressione nell’ospitare le società sportive in uno stadio che mostra evidenti segni di degrado. Da quando ho accettato l’incarico mi sono dedicato, sin da subito, anche con il mio sacrificio personale e lavorativo, a far fronte alla fatiscenza dello stadio nella convinzione che esso rappresenti, ancor prima che la squadra di calcio, la città e la sua gente. Innegabili sono gli immensi sforzi finanziari assunti dalla proprietà che non si è mai tirata indietro, intervenendo, al di là di ogni accordo o convenzione, con tutte le opere necessarie.

Valga per tutti un solo esempio: per l’adeguamento dello stadio alle normative vigenti nell’anno 2011 sono stati spesi oltre 400mila euro e nel 2012 oltre 700mila, consentendo così l’omologazione dello stesso, mai ottenuta prima d’ora, a tutto vantaggio della fruibilità del 'Liberati' di proprietà comunale. Che tristezza non essere capiti ed avere degli interlocutori che continuano ad anteporre gli obblighi di una convenzione ai propri naturali doveri civici e morali. Piccolezze insopportabili. Ancor più laddove vengono ignorati e sottovalutati, talvolta derisi, gli impegni che ci siamo assunti prima di tutto per buon senso ed amor proprio.

Terni possiede un grande patrimonio, lo stadio. Un patrimonio abbandonato non solo per mancanza di risorse, ma per noncuranza e trascuratezza. Non prendersene cura significa mancare di rispetto alla città di Terni, ai suoi cittadini e ai suoi tifosi. La città di Terni e la sua squadra hanno avuto un passato importante; deve continuare ad essere una realtà viva che conserva la dignità dei grandi. Lo dico io che da questa città sono stato adottato. E vorrei continuare ad esserne fiero. Mi auguro solo che chi deve comprendere, comprenda. E si metta al lavoro".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 "In nessun modo la realizzazione dell'obiettivo riformatore, per come concepito dalla maggioranza, potrà portare alla liberalizzazione delle armi in Italia, la detenzione ed il porto delle quali risultano disciplinate da disposizioni normative rigorose sulle quali il Governo non avverte alcuna esigenze di intervenire, trattandosi di leggi che rappresentano, ...

 
Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 "In nessun modo la realizzazione dell'obiettivo riformatore, per come concepito dalla maggioranza, potrà portare alla liberalizzazione delle armi in Italia, la detenzione ed il porto delle quali risultano disciplinate da disposizioni normative rigorose sulle quali il Governo non avverte alcuna esigenze di intervenire, trattandosi di leggi che rappresentano, ...

 
Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 "In nessun modo la realizzazione dell'obiettivo riformatore, per come concepito dalla maggioranza, potrà portare alla liberalizzazione delle armi in Italia, la detenzione ed il porto delle quali risultano disciplinate da disposizioni normative rigorose sulle quali il Governo non avverte alcuna esigenze di intervenire, trattandosi di leggi che rappresentano, ...

 
Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 "In nessun modo la realizzazione dell'obiettivo riformatore, per come concepito dalla maggioranza, potrà portare alla liberalizzazione delle armi in Italia, la detenzione ed il porto delle quali risultano disciplinate da disposizioni normative rigorose sulle quali il Governo non avverte alcuna esigenze di intervenire, trattandosi di leggi che rappresentano, ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018