In bici lungo tutta l'Africa

La storia

In bici lungo tutta l'Africa

13.10.2017 - 12:30

0

Ben 9001 miles. Al via un'altra sfida di Ivan Bianconi. Sabato 7 settembre ha iniziato il suo tentativo di essere il primo italiano a percorrere, in un anno, tutta la costa ovest dell'Africa fino a Città del Capo, in sella a una bici e in solitaria.
La rotta è già segnata, partito da Foligno, attraverserà la Spagna, il Portogallo per arrivare nello stretto di Gibilterra. E poi giù in Africa dal Marocco fino al sud Africa via Senegal e Mauritania.
Ivan dispone di tutte le attrezzature per l'autosufficienza, e già sa che ci sarà qualche "deviazione" nella Repubblica del Congo, la Democratica Repubblica del Congo e il nord del Camerun. Sua compagna di viaggio la bici, ma non una due ruote qualunque.
La salsa fargo, mountain bike da touring su cui Ivan è partito , è stata costruita ad "hoc" per questa epica impresa.
Un telaio appositamente realizzato, con 14 rapporti, una bici che non ha bisogno di manutenzione e resistente agli urti, con cui potrà attraversare guadi non sempre facili. Anche la cinghia è speciale una, gates carbon drive, composta da fibra di carbonio. Porterà con sé una tenda, un filtro per l'acqua, pannelli solari per la tecnologia, fornelli.
Lui, un atleta di 34 a tutto tondo con il senso per l'avventura "addosso" che non vede l'ora di partire, stare dentro il deserto.
"Ho scelto l'Africa - ha detto con orgoglio alla partenza - perché te la devi giocare. Molti, sono luoghi selvaggi e tutto è all'estremo. Oggi c'è una strada e, a un certo punto non c'è più perché una tormenta di sabbia l'ha resa invisibile. Amo sentirmi in viaggio. Lì sei sempre l'ospite, ma c'è sempre un posto per te nel mondo". Ma Ivan non è alla sua prima impresa.
La sua passione per i viaggi in solitaria in sella alla sua bici è nata grazie al triathlon: quando il suo allenatore di nuoto per prepararlo a una stagione di allenamenti duri, gli ha consigliato di correre o andare in bici.
Si è innamorato di questo sport dalla prima uscita in una giornata di sole tra la natura in totale libertà.
Ha sempre viaggiato sin da piccolo e accompagnava il padre negli spostamenti per lavoro. Poi, crescendo , ha iniziato a viaggiare e man mano che imparava a farlo si è spinto sempre oltre.
Dalla Romania al Messico e poi il Venezuela, Cuba (si fa prima a dire quali sono i luoghi che non ha visto). Il primo viaggio in bici è stato in Irlanda. Lì Ivan Bianconi ha scoperto che non sarebbe stato l'unico.
Dopo l'Etiopia, lo Zimbabwe, l'Asia centrale, ma quella della Pamir highway è stata una delle sue sfide più grandi durante la quale Ivan ha visto la morte in faccia.
Ha pedalato in condizioni estreme fino a 4600 metri, con strade dissestate e cambiamenti climatici repentini. E' la seconda strada internazionale più alta al mondo, che attraversa l'altopiano omonimo passando per l'Afghanistan, Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan. Lo scorso anno in Costa Rica e Nicaragua.
Ogni anno un "viaggio a tema" in cui regnano sovrane, incertezza, sfida continua, adrenalina. "Bisogna conquistarsi tutto - precisa Ivan - ogni istante e non con la forza, ma con il cuore. Mentre pedali, entri in simbiosi con l'acqua, il vento, le persone che incontri, devi far parte del tutto. In quei momenti il sorriso o l'abbraccio assumono il vero senso e ti fanno sentire il re di un grande regno".

Sonia Brugnoni

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Trento (askanews) - A cento anni di distanza, la Grande Guerra è per molti giovani solo un capitolo da leggere, magari da studiare, nei manuali di Storia. Nel piccolissimo borgo di Ossana nella val di Sole, invece, il sacrificio dei soldati sui due fronti di quella guerra devastante è ancora oggi ricordato e vissuto come un patrimonio della comunità. E qui è stato quindi deciso, con una insolita ...

 
Cultura

l mondo di Don Camillo e Peppone in una mostra che celebra Guareschi

Fino al 15 luglio a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra ‘Don Camillo, Peppone e il crocifisso che parla’ è dedicata all’opera di Giovannino Guareschi. In concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore, 70 scatti di Osvaldo Civirani raccontano la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak. Un racconto nel racconto, che ...

 
Altro

Ecco come si tagliano i capelli nello spazio

Come ci si tagliano i capelli in orbita? Ce lo mostra l'agenzia spaziale russa Roskosmos che ha pubblicato sul suo sito web un video nel quale si vede il cosmonauta russo Anton Shkaplerov con una macchina speciale che taglia i capelli al suo collega Alexander Misurkin. Gli astronauti usano una macchina speciale, dotata di un tubo aspirapolvere che non fa disperdere i capelli tagliati a gravità ...

 
Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Roma, (askanews) - L'Ultima Spiaggia di Capalbio, uno degli stabilimenti balneari più conosciuti d'Italia, celebra lo storico traguardo dei 30 anni di attività con una raccolta di storie, aneddoti e contributi segnalati o scritti per l'occasione dai clienti. Foto, biglietti, cartoline, ricordi ma anche poesie per una realtà imprenditoriale di successo che non è mai stata soltanto uno stabilimento ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018