Sconfigge la sclerosi laureandosi

La storia

Sconfigge la sclerosi laureandosi

23.07.2017 - 21:27

0

“Lo studio mi ha restituito la vita”. Lo dice, con un sorriso che le illumina il volto, Antonietta Mezzetti, quarantasette anni, moglie e madre di due figli, residente a Mongiovino, che ha deciso di raccontarsi al nostro giornale. La sua storia è di quelle intricatissime, di quelle che sembrano riannodarsi su loro stesse senza che sia possibile venirne mai a capo. Ma è anche una di quelle storie a lieto fine che possono spronare altri ad affrontare e vincere le difficoltà della vita. “Ero una ragazza come tante altre, avevo un fidanzato e un lavoro. Poi a 24 anni mi è stata diagnosticata una sclerosi a placche”. Inizia così la storia di Antonietta. Ed inizia qui un percorso a dir poco tortuoso. “Mi sono curata e sono riuscita ad avere una prima figlia, ma nel 1997 ecco una neurite ottica, curata con camera iperbarica, nonostante il parere negativo dei medici. Poi, dal 2000, ho avuto altre ricadute. Persi la sensibilità su alcune parti del corpo ed iniziarono periodi molto difficili. I medici mi suggerirono cure a base di interferone, ma rifiutai perché volevo avere un secondo figlio e con quel farmaco, probabilmente, non ne avrei avuto la possibilità”. Da qui l'idea di affidarsi a cure alternative, dopo una lunga documentazione personale e l’approccio con la medicina naturale. “Mi ero quasi ripresa quando nel 2003 ho avuto una paresi che ha preso la parte sinistra del corpo, rendendomi non più autosufficiente. I medici mi avevano dato poche possibilità di ripresa, ma con la determinazione sono progressivamente migliorata e dopo appena un anno ho messo al mondo il secondo figlio che tanto desideravo. Avuto il figlio - racconta Antonietta - ho pensato di coronare il mio secondo sogno: completare gli studi che avevo interrotto. Mi sono così iscritta, era il gennaio 2008, a una scuola privata, ma dopo circa quattro mesi ho avuto ancora una peggioramento, che stavolta ha colpito la zona frontale della corteccia cerebrale, minando la memoria a breve termine. Ho pensato di non poter tornare a studiare, ma invece ce l’ho fatta, anche stavolta. Ho preso il diploma in quattro anni con la media dell’otto ed è stato per me un grande traguardo. Mi sono detta, perché non proseguire?” E Antonietta ha proseguito, si è iscritta all’Università, corso di scienze dell’educazione. "Non mi sono mai sentita malata, i studenti benché più piccoli d'età mi hanno fatta sentire una di loro e così esame dopo esame sono arrivata alla tesi. Ho studiato ogni esame sui campi di gara quando accompagnavo in giro per l’Italia mio marito e mio figlio alle gare di motocross”. Ma i guai si accumulano. “Mio figlio, durante un gara a Milano, ha subìto un brutto infortunio ed è stato costretto ad un mese di riabilitazione, così ho dovuto rimandare la discussione della tesi”. Ma Antonietta ci è comunque riuscita, mercoledì 19 luglio, discutendo una tesi dal tema “Lo sport che rieduca”, con relatrice Agnese Rosati. Volere è potere, nonostante tutto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Migranti, Fico: "Con l'Europa bisogna essere duri, molto duri"

Migranti, Fico: "Con l'Europa bisogna essere duri, molto duri"

Napoli, (askanews) - "La questione sui migranti, lo dico ormai da molto, è una questione che va assolutamente affrontata con l'Europa e bisogna essere duri con l'Europa, molto duri perché c'è stato un lavarsene le mani troppo grande in questi anni e allora è molto importante riuscire a tutelare e a mettere in salvaguardia tutte le persone che sono presenti sulle navi, come è stato fatto ieri con ...

 
Fico: con "società senza carceri" Beppe Grillo crea dibattito

Fico: con "società senza carceri" Beppe Grillo crea dibattito

Napoli, (askanews) - "Beppe nei suoi post dà sempre una visione del mondo e crea un dibattito": dal cortile della casa circondariale di Poggioreale, a Napoli, Roberto Fico risponde così a una giornalista che gli chiede di commentare il lungo post di Beppe Grillo in cui il fondatore del Movimento 5 Stelle parla di una "società senza carceri". Il presidente della Camera ricorda che il comico ha ...

 
Ambiente, Braga (Pd): bene ok Camera a commissione ecomafie

Ambiente, Braga (Pd): bene ok Camera a commissione ecomafie

Roma, (askanews) - "La Camera ha approvato in prima lettura la legge che istituisce anche nella XVIII Legislatura la Commissione d'inchiesta sulle ecomafie. Questo anche sulla base di una proposta a mia prima firma e sottoscritta dai colleghi del Pd. Ci auguriamo che il Senato possa approvare tempestivamente la legge e si possa dare vita in tempi rapidi a questa commissione d'inchiesta, che nella ...

 
Giusy Versace a Capri: "Lo Stato riconosca lo sport come diritto"

Giusy Versace a Capri: "Lo Stato riconosca lo sport come diritto"

Capri, (askanews) - L'atleta paralimpica Giusy Versace è stata premiata nell'ambito della manifestazione "Eccellenze a Capri". La neo-eletta deputata di Forza Italia, che in seguito a un grave incidente stradale indossa due protesi in fibra di carbonio al posto delle gambe, porta avanti le sue battaglie per lo sport e i disabili anche in Parlamento. Al forum sul turismo sportivo ha parlato della ...

 
Musicista umbro a Londra

Il riconoscimento

Musicista umbro a Londra

Il musicista tifernate Fabio Battistelli, venerdì 20 luglio, suonerà a Londra al King Place, una delle sale più importanti del Regno Unito. Fabio suonerà con musicisti di ...

16.07.2018

Il Savoia s'infortuna e sceglie di operarsi a Città di Castello

Cronaca

Il Savoia s'infortuna e sceglie di operarsi a Città di Castello

Emanuele Filiberto di Savoia sarà operato nell’ospedale di Città di Castello dopo un infortunio. Ha scelto di essere trasferito nell'ospedale tifernate dopo aver rotto il ...

16.07.2018

Alla fine Quincy Jones dirige tutti sul palco

Umbria jazz

Alla fine Quincy Jones dirige tutti sul palco

Sono solo alcuni dei tanti artisti che hanno incrociato la sua strada, pochissimi rispetto alla gran mole di lavoro svolto nel corso di settanta anni di musica, ma l’effetto ...

14.07.2018