Cambia la sanità, crescono i posti letto per i casi meno gravi

Umbria

Cambia la sanità, crescono i posti letto per i casi meno gravi

20.07.2014 - 09:47

0

Stop ricoveri inappropriati, sì alla “deospedalizzazione”. Sono gli imperativi del nuovo piano sanitario, ancora sottoforma di bozza, che sarà preadottato entro l’estate per poi essere sdoganato in autunno. Nascono le cosiddette “unità complesse di cure primarie” e le “aggregazioni funzionali territoriali”. Le prime sono “forme organizzative complesse che operano in forma integrata all’interno di strutture e presidi individuati dalle Regioni, con una sede di riferimento ed eventuali altre sedi dislocate sul territorio”. Avranno carattere multiprofessionale, con l’integrazione della medicina specialistica con quella di medicina generale. Nello specifico ogni aggregazione della medicina generale e della pediatria sarà funzionalmente collegata ad una unità complessa. Le aggregazioni di medicina generale (che cancellano tutte le altre forme di ‘associazionismo’ medico), una per bacino d’utenza di non più di 30mila abitanti, rappresentano “l’insieme dei professionisti che hanno in carico il cittadino che esercita la scelta nei confronti del singolo medico”, è scritto nel piano.

Le due nuove realtà si occuperanno di fornire tutti i servizi sanitari territoriali (medicina generale, specialistica, assistenza infermieristica, attività territoriale ambulatoriale e domiciliare), erogazione della ricetta elettronica e aggiornamento cartella clinica informatizzata. L’accessibilità all’assistenza territoriale sarà garantita “per tutto l’arco della giornata per tutti i giorni della settimana”. Ci sarà continuità, su tutti i fronti, tra ospedali e servizi di territorio. Distretti e case della salute saranno organizzati in base a questi nuovi cardini. Il modello di riorganizzazione è quello sperimentato Marsciano, Castiglione del Lago e Città della Pieve. Nel gruppo di medici ci sarà anche una figura dedicata alla terapia del dolore e una unità speciale di accoglienza permanente per l’assistenza domiciliare nei casi più gravi. Per i casi meno gravi, anche per smaltire le code ai pronto soccorso, ecco il numero “116-117” per le guardie “non urgenti”. Cambia il ruolo delle farmacie: avranno parte attiva nella prevenzione e nella cura delle cronicità.

Aumentano anche i posti delle residenze protette: ad oggi in Umbria se ne contano 250, in parte arrivati dalla trasformazione dei letti degli “acuti”. Entro un biennio dovrebbero diventare 400, grazie al supporto del privato convenzionato. Novità anche sulla lungo-degenza. La Regione ha anche chiesto a tutti gli ospedali umbri, soprattutto laddove non c’è un reparto dedicato, di istituire degli spazi con posti letto post ricovero. L’ospedale di Perugia ne avrà uno a prescindere, figlio della fusione delle medicine. E’ questo un intervento mirato per ridurre l’utilizzo dei “posti letto aggiuntivi”, ossia le vergognose barelle nelle corsie.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Casa abusiva? Rischi poco, guadagni molto. Ma ci perdiamo tutti

Casa abusiva? Rischi poco, guadagni molto. Ma ci perdiamo tutti

Roma, (askanews) - Come ti faccio una casa abusiva (non fatelo!). La casa abusiva costa meno a chi la costruisce su un terreno di proprietà, 100 metri quadrati costano 155mila euro. Abusivi, 65mila. Si risparmia sui documenti del permesso: visure, progetto, relazione sui materiali certificati sanitari, strutturali, paesaggistici. Si risparmia sui costi da versare al Comune: oneri di ...

 
Il card. Parolin incontra Putin a Sochi

Il card. Parolin incontra Putin a Sochi

Sochi, (askanews) - Stretta di man calorosa e incontro a Sochi, nella residenza estiva del presidente russo, tra il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin e il leader del Cremlino, Vladimir Putin. "Grazie per l'invito - ha detto Parolin a Putin - che mi è stato rivolto da lei e dalle autorità di questo Paese e grazie anche per l'accoglienza e la possibilità di incontrarci in ...

 
Scoperto a Gerusalemme un mosaico bizantino unico del VI secolo

Scoperto a Gerusalemme un mosaico bizantino unico del VI secolo

Roma, (askanews) - Un mosaico bizantino del sesto secolo che porta inciso il nome dell'imperatore Giustiniano e quello di un abate: è la rara scoperta di un gruppo di archeologi israeliani nella città vecchia di Gerusalemme. Come spiega David Gellman, direttore degli scavi: "Eravamo molto vicini agli scavi quando ho notato che alcune tessere invece che bianche, erano posizionate ad angolo diverso ...

 
Il terremoto? Costa più della prevenzione, ecco le cifre

Il terremoto? Costa più della prevenzione, ecco le cifre

Roma, (askanews) - Il terremoto costa più della prevenzione: ecco le cifre. L'Italia è divisa in 4 zone sismiche La 1 e la 2 sono considerate ad alto rischio; in queste zone, oltre il 56% degli edifici sono pre-1970 e sono stati quindi costruiti senza alcuna tecnica antisismica. Solo il 5% degli edifici è stato costruito dopo il 2000, con tecniche moderne e norme restrittive. Nella sola zona 1 ...

 
Su Youtube torna il talk show "Pour parler"

Foligno

Su Youtube torna il talk show "Pour parler"

Pour Parler, l’ormai rinomato talk show in onda su youtube condotto e ideato dal folignate  Giacomo Innowhite, torna a fare colpo con una nuova e interessante intervista. Ad ...

23.08.2017

Alle falde del Kilimangiaro torna in Umbria

Bevagna

Alle falde del Kilimangiaro torna in Umbria

Sono iniziate questa mattina, martedì 22 agosto, le riprese a Bevagna della troupe di “Alle falde del Kilimangiaro”. Al programma televisivo della Rai il compito di ...

22.08.2017

Ecco Miss Umbria

La scelta

Ecco Miss Umbria

Venti principesse per un trono, quello di regina della bellezza umbra. Sarà incoronata lunedì sera 21 agosto, in piazza del Municipio a San Giustino, Miss Umbria 2017 che ...

21.08.2017