Riconoscimento Unesco, l'ente Ceri non serve a nulla

Riconoscimento Unesco, l'ente Ceri non serve a nulla

E' quanto affermato dal ministro Ornaghi in risposta a un'interrogazione del deputato eugubino del Pdl Rocco Girlanda. Soddisfazione da parte del parlamentare

03.10.2012 - 20:08

0

Non è necessario costituire un apposito ente che curi in maniera unica ed integrale la promozione della Festa dei Ceri di Gubbio e del suo riconoscimento in ambito internazionale". Così il Ministro per i Beni e le Attività culturali, Lorenzo Ornaghi, ha risposto all'interrogazione presentata da Rocco Girlanda nello scorso mese di luglio, in relazione alla candidatura della Festa dei Ceri nella lista del patrimonio immateriale dell'Unesco. "La proposta di candidatura della Festa dei Ceri di Gubbio è parte delle proposte presentate il 31 marzo 2011 all'Unesco per l'inserimento nella lista rappresentativa del patrimonio culturale intangibile dell'umanità. Il 4 maggio 2011 la comunità proponente ha ricevuto dalla Sezione del patrimonio culturale intangibile la comunicazione della'acquisizione della proposta. Rispetto a tale lista il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha il compito di fornire supporto tecnico-scientifico nella preparazione delle candidature e di coordinare i soggetti coinvolti nel relativo processo. Nel corso della riunione del 21 marzo 2012 del Consiglio direttivo della Commissione italiana per l'Unesco è stato deciso di indicare all'unanimità, quale candidatura italiana per il 2013, le "Feste di grandi macchine a spalla". E' stato poi deciso di istituire la Lista propositiva nazionale per il patrimonio mondiale culturale e naturale  - continua la risposta del Ministro - e la Lista propositiva nazionale per il patrimonio mondiale immateriale, da cui attingere per le successive proposte di candidatura. In questo elenco è compresa la Festa dei Ceri. La costituzione di un ente che curi la promozione ed il riconoscimento della Festa stessa non è requisito espressamente richiesto dalle direttive operative che disciplinano le procedure di candidatura". "Ringrazio il Ministro Ornaghi per la pronta risposta e le delucidazioni fornite in merito - ha commentato Girlanda - anche in relazione al dibattito sviluppatosi in città a riguardo che, a tal proposito, mi vede sulla stessa posizione espressa dal Ministro, ossia la non indispensabilità dell'ente stesso, quanto meno in relazione al raggiungimento di un risultato che sarebbe quanto mai importante e meritato per la nostra città".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Roma (askanews) - "Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico e gli ha affidato il compito di verificare la possibilità di una intesa di maggioranza parlamentare tra M5s e Pd per costituire il governo". Meno di trentasei ore per rendere possibile quello che fino ad oggi sembrava impossibile: un governo di larghe intese ...

 
Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Roma, 23 apr. (askanews) - "The Happy Prince", il principe felice: prende il nome dalla favola di Oscar Wilde il film che Rupert Everett ha dedicato al grande scrittore irlandese, alla sua vita rutilante nella società londinese di fine Ottocento e al suo crollo quando la sua omosessualità divenne di pubblico dominio. Oscar Wilde è un ruolo che Everett ha ricoperto anche in teatro. Dal festival di ...

 
Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Sorrento, (askanews) - Intervistato al Festival di Sorrento, Rupert Everett racconta del suo impegno in un progetto caro al cuore dell'Italia, una serie tv Fox tratta dal "Nome della Rosa" di Umberto Eco, girata a Perugia: Guglielmo sarà John Turturro. E Umberto Eco, dice, Everett, sarebbe contento. "Penso che sarebbe contento: rispetto al film che doveva riassumere così tanti temi del libro, noi ...

 
Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

L'intervista

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

Paolo Fresu e Giovanni Sollima, sardo il primo, siciliano l’altro. Due musicisti eclettici e virtuosi che su sollecitazione dell’Orchestra da camera di Perugia hanno ...

18.04.2018