Momenti di paura
per il vescovo Sorrentino
in viaggio in Amazzonia

ASSISI

Momenti di paura
per il vescovo Sorrentino
in viaggio in Amazzonia

Il presule a fianco dei Cappuccini, che la diocesi sostiene a favore di una popolazione indigena a rischio scomparsa, si è trovato venerdì mattina alle 8 ora locale, in una situazione di precarietà. Diretti in barca verso Tabatinga, sul fiume Solimoes, il motore è entrato improvvisamente in avaria

15.02.2014 - 13:02

0

Continua con entusiasmo nonostante qualche difficoltà e un po’ di paura il viaggio in Amazzonia della delegazione della diocesi di Assisi-Nocera Umbra e Gualdo Tadino guidata dal vescovo monsignor Domenico Sorrentino. Il gruppo, partito domenica scorsa nell’ambito del progetto Javarì, programma caritativo-missionario, a fianco dei Cappuccini, che la diocesi sostiene a favore di una popolazione indigena a rischio scomparsa, si è trovato venerdì mattina alle 8 ora locale, in una situazione di precarietà. Diretti in barca verso Tabatinga, sul fiume Solimoes, il motore è entrato improvvisamente in avaria; tutto intorno tronchi trasportati dalla corrente per il temporale notturno. Frei Paolo, che era alla guida della piccola imbarcazione, è riuscito a contattare due barche, che sono arrivate in soccorso. E' seguito il tutt'altro che facile trasbordo. Fortunatamente tutta la delegazione ora è in sicurezza nella casa del vescovo dell’Alto Solimojes, Mons.Alcimar Magalaes. “E’ la testimonianza della grande precarietà vissuta dai nostri frati e dalla popolazione locale – ha commentato monsignor Sorrentino – “.
E' seguito poi l'incontro con suor Patrizia che ha illustrato la difficilissima situazione degli indios che si trovano al confine tra Colombia Perù e Brasile e delle problematiche connesse alla diffusione di droga, prostituzione, pedofilia, traffico di organi. Nel pomeriggio c’è stata la visita all’isola di Santa Rosa in Perù e a Leticia in Colombia dove c'è stato l'incontro di monsignor Sorrentino e della delegazione con il vescovo locale monsignor Joses Jesus. Nonostante l’inconveniente sul fiume la missione vuole essere la testimonianza vera e reale del messaggio di Papa Francesco di “andare nelle periferie” e portare la speranza in Sud America, una delle zone del mondo più povere al mondo dove esiste una vera emergenza sociale e materiale. Nei giorni scorsi il gruppo, che tornerà il 28 febbraio, è stato ospitato prima dai Cappuccini di Bogotà, poi da monsignor Alcimar, vescovo dell'Alto Solimoes. Il viaggio è proseguito nella casa dei padri Cappuccini di Banjamin Constant, dove la delegazione ha visitato una casa di cura per lebbrosi e alcune baracche in legno, vivendo davvero da vicino la precarietà di famiglie poverissime. C’è stata poi la visita al santuario di Santa Maria do Amazonas, costruito da padre Benigno Falchi: "Abbiamo avuto la bella sorpresa – raccontano monsignor Sorrentino e alcuni membri del gruppo - di trovare nel santuario l’immagine della Madonna dipinta in ceramica da Fulberto Frillici di Gualdo Tadino; abbiamo anche visitato una scuola materna realizzata dagli stessi Cappuccini grazie anche alle offerte della nostra diocesi. Abbiamo visitato la chiesa di San Francesco, gestita dai cristiani laici, dove il sacerdote va una volta a settimana”.

Giovedì il vescovo e gli altri si sono recati nella zona del Javarì per poi spostarsi ed essere accolti dal Funai. “Ci hanno illustrato la volontà di rispettare la cultura e le etnie degli Indios, nonostante le difficoltà – raccontano ancora - . Hanno apprezzato l'opera dei nostri missionari, che accettano le tradizioni culturali dei vari popoli stanziati lungo il Javarì. Quindi visita al centro per la tutela della salute degli Indios”. Di grande interesse l'incontro con i laici missionari che operano tra gli Indios, utilizzando fondi donati dai cristiani della nostra diocesi. Giovedì sera concelebrazione nella chiesa di San Francesco e conviviale nella casa parrocchiale di Atalaja: la parrocchia è gestita da una suora; la casa e alcune sale sono state ristrutturate con fondi inviati sempre dalla diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino.

Dieci giorni, intensi dunque, nella foresta amazzonica a portare il conforto, l’aiuto e il messaggio francescano, a vivere in prima persona le difficoltà di una popolazione vivace e desiderosa di riscatto ma con tanti problemi storici, etnici ed economici alle spalle. Il vescovo insieme ai giovani Ra.mi e al Centro missionario sta vivendo questa povertà, questo disagio sociale che la diocesi  cerca di alleviare portando anche un aiuto materiale, circa 7mila euro, frutto del lavoro dei ragazzi delle scuole che, durante i laboratori pomeridiani, hanno realizzato dei piccoli manufatti venduti durante i mercati di Natale. 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Bali: l'eruzione del vulcano in timelapse

Bali: l'eruzione del vulcano in timelapse

Il vulcano Agung continua ad eruttare. Ecco le strabilianti immagini in timelapse dell'attività vulcanica nell'isola indonesiana di Bali. Il fotografo Wayan Kartika ha registrato, dalla mattina alla sera, i pennacchi di polvere grigiastra che si alzano con costanza dal cratere del vulcano, alto 3000 metri. Questa continua attività vulcanica di Augung, però, ha messo in allarme la popolazione ...

 
Formazione medici con simulazione hi tech contro tumore al rene

Formazione medici con simulazione hi tech contro tumore al rene

Roma, (askanews) - La terapia del tumore al rene passa anche per la formazione dei medici attarverso la realtà virtuale. Parte oggi da Roma la prima tappa del progetto Maestro presso l IPSE CENTER - Interactive Patient Simulation Experience - del Policlinico Universitario A. Gemelli, centro di simulazione interattivo nel quale gli operatori della salute sono chiamati a seguire percorsi di ...

 
Firenze, migranti come stelle cadenti su Ponte Vecchio

Firenze, migranti come stelle cadenti su Ponte Vecchio

Roma, (askanews) - Ponte Vecchio, icona di Firenze e del Rinascimento, diventa simbolo di collegamento tra popoli, città e culture diverse, tra passato e futuro, per far riflettere sulle frontiere di oggi e di ieri e sul fenomeno delle migrazioni. Fino al 7 gennaio, ogni giorno dalle 19 alle 24, Ponte Vecchio sarà illuminato dal progetto di videomapping sviluppato da Ied (Istituto Europeo di ...

 
Arriva la nuova Duster, suv di qualità con tanta tecnologia

Arriva la nuova Duster, suv di qualità con tanta tecnologia

Milano, 13 dic. (askanews) - Ancora più suv, ma anche più curata, elegante e con tanta tecnologia. E' la nuova Dacia Duster, il suv di segmento C che grazie all'ottimo rapporto qualità prezzo è il veicolo di categoria più venduto in Italia, con 64mila immatricolazioni nel 2017 e oltre 340mila dal lancio nel 2010. Francesco Fontana Giusti, direttore comunicazione Renault Italia: "Il cliente ideale ...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017