Ha un tumore al seno ma il medico sbaglia diagnosi: il caso finisce in tribunale

Ha un tumore al seno ma il medico sbaglia diagnosi: il caso finisce in tribunale

Costretta a operarsi d'urgenza e ad intraprendere una lunga serie di terapie, la signora ha denunciato il professionista. Al via il processo a Città di Castello

17.05.2013 - 19:41

0

Una diagnosi che non ha colto la gravità della situazione e a seguito della quale una signora di 51 anni è stata costretta a intraprendere una dura lotta contro un tumore al seno. Un medico è stato denunciato e ieri a Città di castello è iniziato il processo. La signora, che vive ad Assisi, ha raccontato la sua storia, a partire da quando aveva segnalato al suo medico un nodulo al seno e lui l'aveva rassicurata dicendole di non preoccuparsi. Poi l'anno successivo si rivolge ad una clinica di Perugia per il controllo e  arriva la terribile diagnosi: gli esami riscontrano infatti due tumori al seno destro, uno palpabile e l'altro no, più un linfonodo del cavo ascellare. Dopo lo shock, la signora decide di rivolgersi all'istituto europeo oncologico del professor Veronesi (Ieo), a Milano, dove viene operata. L'intervento si risolve con una mastectomia totale di un seno e parziale dell'altro, e con l'asportazione di tutti i linfonodi ascellari. E l'operazione si porta dietro anche una lunga serie di terapie. Nel gennaio del 2010 la signora sporge denuncia contro il medico che non aveva diagnosticato subito la gravità della situazione e il suo caso è approdato ieri mattina nell'aula di tribunale di Cittàdi Castello, davanti al giudice Daniele Cenci.

Servizio integrale nel Corriere dell'Umbria del 17 maggio
A cura di Paolo Puletti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Juncker chiude il telefono senza rispondere: "Era Merkel"

Juncker chiude il telefono senza rispondere: "Era Merkel"

Roma, (askanews) - Siparietto per il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker in conferenza stampa a Bruxelles: tira fuori dalla tasca il telefono che vibra dicendo ai giornalisti "scusate, è mia moglie", chiude senza rispondere, e poi sorridendo dice "No, era la signora Merkel". Risate in sala.

 
Fincantieri, Francia annuncia nazionalizzazione "temporanea" Stx

Fincantieri, Francia annuncia nazionalizzazione "temporanea" Stx

Roma, (askanews) - La Francia alza le barricate pubbliche contro le ambizioni di acquisizione del gruppo di cantieristica Stx da parte dell'italiana Fincantieri. Il ministro dell'Economia e delle Finanze, Bruno Le Maire, ha infatti annunciato durante una conferenza stampa a Bercy la drastica decisione di procedere ad una nazionalizzazione temporanea di Stx, allo scopo di "difendere gli interessi ...

 
Fincantieri, Mario Giro: "Preoccupante la mossa di Macron"

Fincantieri, Mario Giro: "Preoccupante la mossa di Macron"

Roma, (askanews) - "Abbastanza preoccupante questa mossa di Macron, mi sembra che i francesi si stiano avvitando su se stessi": così il viceministro degli Affari esteri Mario Giro, negli studi di askanews, ha commentato la decisione di nazionalizzare la società Stx dei cantieri francesi di Saint-Nazaire, di cui Fincantieri ha acquisito il controllo con il 66,6%. "C'è un contratto firmato, non si ...

 
Gentiloni: richiesta collaborazione autorità libiche è svolta

Gentiloni: richiesta collaborazione autorità libiche è svolta

Roma (askanews) - La questione dei migranti deve essere affrontata con un "impegno comune" europeo, l'Italia fa "la sua parte" ma "pretende un atteggiamento positivo da parte dell'Ue". Lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, al termine del colloquio con il presidente del Partito socialdemocratico tedesco Martin Schulz. "la richiesta che ci è pervenuta dalle autorità libiche di ...

 
"Marsciano arriviamo"

Loredana Bertè a Musica per i Borghi

"Marsciano arriviamo"

“Nonostante non ce l’abbia fatta purtroppo a tornare al cento per cento in sesto per la data zero. Oggi abbiamo fatto le prove per mettere il tour ‘in sicurezza’. Grazie a ...

27.07.2017

Lyrick in salsa pop

Paolo Cardinali, direttore artistico del teatro Lyrick

Assisi

Lyrick in salsa pop

Nell’estate rovente del Comune di Assisi dove le certezze vacillano a colpi di tweet, una cosa è certa: la stagione del teatro Lyrick è pronta a partire sotto la direzione ...

27.07.2017

"No a una nuova stagione, lavoriamo sull'intreccio politica-stampa"

Gli autori di Boris

"No a una nuova stagione, lavoriamo sull'intreccio politica-stampa"

Quel giorno, al Palladium, si presentavano le prime puntate della terza serie di Boris. Quando Luca Vendruscolo e Mattia Torre, due dei tre sceneggiatori, arrivarono al ...

27.07.2017