L'eremo delle carceri nella solitudine antica del parco del Subasio

L'eremo delle carceri nella solitudine antica del parco del Subasio

L'Umbria da scoprire: un itinerario tra spiritualità e storia sulle orme di Francesco e dei suoi confratelli in un luogo mistico per chi cerca l’interiorità nella bellezza della natura

12.04.2013 - 10:04

0

Tra spiritualità, storia e paesaggio un itinerario in quel di Assisi può portare fuori dalle mura, uscendo da Porta Cappuccini per inoltrarsi fino all’eremo delle Carceri. Un’ora e mezza, per chi vuole lasciare l’auto in città, e fare la salita a piedi, fino ad arrivare all’antica lecceta, alle querce secolari, all’eremo che fu luogo di meditazione di Francesco e dei suoi confratelli. Qui nel dodicesimo secolo non vi era altro che una cappella dei benedettini, che, la tradizione vuole, la donarono a Francesco, che aveva trovato in una grotta il luogo in cui rifugiarsi a pregare e meditare.

Nel bosco altre grotte,dove vivevano in solitudine Bernardo da Quintavalle, Rufino, Masseo, Egidio, Silvestro,Andrea Cacioli e Antonio da Stroncone, alternando alla solitudine in questi luoghi l’andare per il mondo a predicare, arricchiti nell’animo dalla meditazione. Fu, a partire dal 1378, frate Paoluccio Trinci di Foligno a dare il via all’attuale assetto dell’eremo, seguito da Bernardino da Siena, nel XV secolo. Il convento, quasi incastonato in una rupe, tra pietra e natura, ebbe subito un’impronta di grande misticità, che il luogo ha mantenuto negli inevitabili ampliamenti dei secoli successivi. In successione vi sono alcuni dei luoghi legati alle leggende di Francesco: entrando nel cortile il pozzo la cui acqua scaturì per le sue preghiere, la chiesina ricca di memorie, il primitivo oratorio, luogo di preghiera del Santo e dei suoi confratelli, stretti passaggi di pietra per arrivare alle cellette. Uscendo nel bosco, la lecceta dell’eremo protetta dai frati, con esemplari secolari, che verrebbe fatto di chiamare foresta, una foresta misteriosa e fitta, si incontrano l’elce dove benedì gli uccelli, il ponticello che permette di attraversare il fosso che,secondo la leggenda,Francesco fece diventare arido con le sue preghiere.

I visitatori che oggi si inoltrano verso l’eremo troveranno i frati, silenziosi,discreti, attenti a non interrompere il legame spirituale che si crea, quasi sempre con il luogo ma se interpellati a rispondere e a introdurre, con il racconto, nell’anima e nella storia dell’eremo e del bosco. Attualmente all’eremo delle Carceri sono presenti due comunità che qui dimorano tutto l’anno: una composta da quattro fratelli dell’ordine dei frati minori francescani, l’altra da tre sorelle delle clarisse missionarie del Santissimo Sacramento, anch’esse francescane. A piccoli gruppi o persone singole è possibile chiedere ospitalità nella foresteria adiacente al convento. Dicono i fratelli e le sorelle: “Si offre la partecipazione alla vita di preghiera guidata dalla comunità dei frati. Chi viene all’eremo delle Carceri viene per vivere la dimensione francescana”. La permanenza è stabile e per non più di 5 giorni. A Porziano, luogo dallo straordinario cielo notturno, ha sede l’osservatorio privato del Gruppo astrofili monte Subasio, uno dei più grandi in Umbria, di importanza nazionale.

In alcune particolari serate, segnalate sul sito del gruppo, è possibile partecipare all’osservazione degli astri anche a chi non fa parte del gruppo. Il parco del Subasio è anche luogo di prodotti tipici di grande pregio, vini Doc e Igt, olio extravergine Dop“Umbria - Colli Assisi-Spoleto”, miele, farro, tartufo, ma anche formaggi che portano il retrogusto delle erbe dei pascoli locali. Una ricetta della tradizione contadina umbra, che qui ha una pregevole impronta locale, è il tortino d’erbe selvatiche e patate: erbe selvatiche del Subasio scottate in acqua leggermente salata,patate lessate e schiacciate, poco sale e olio extravergine Colli Assisi - Spoleto. Una squisitezza fatta di semplicità, come si addice a questi luoghi.

Rita Boini

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Altro

Milano torna sui massimi, bene Tim e Buzzi Unicem

Le Borse europee chiudono positive, ad accezione di Francoforte, sostenute dagli acquisti su tlc e costruzioni, mentre Wall Street prosegue in flessione nel giorno del vertice Opec, in cui obiettivo è estendere gli attuali tagli alla produzione.  

 
Grande folla per l'apertura della Torre di Fondazione Prada

Grande folla per l'apertura della Torre di Fondazione Prada

Milano (askanews) - C'era una grande folla, fin da prima dell'apertura dei cancelli, per salutare l'apertura al pubblico della Torre, l'edificio che completa e arricchisce la sede milanese di Fondazione Prada in largo Isarco. La Torre, alta 60 metri e realizzata in cemento bianco strutturale a vista, è l'ultimo tassello del grande progetto dello studio OMA e, benché apparentemente si presenti con ...

 
Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

L'intervista

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

Paolo Fresu e Giovanni Sollima, sardo il primo, siciliano l’altro. Due musicisti eclettici e virtuosi che su sollecitazione dell’Orchestra da camera di Perugia hanno ...

18.04.2018