Arrestato l’assassino di Sforna

Arrestato l’assassino di Sforna

A più di quindici anni dalla morte dell'imprenditore di Bettona la polizia ungherese ha preso il colpevole

03.02.2013 - 15:06

0

Fu una vittima collaterale di una guerra tra bande sanguinarie e spietate. Venne ammazzato in Ungheria, a pochi chilometri da Budapest, per tutta una serie di coincidenze a lui sfavorevoli. Un delitto - meglio una strage, degna della Chicago di Al Capone- rimasto irrisolto per più di tre lustri. A perdere la vita, in maniera così brutale e choccante, fu l'imprenditore bettonese Nazzareno Sforna, allora poco più che trentenne. In Italia Sforna gestiva una ditta di trasporti, ma aveva investito parte dei suoi guadagni in una azienda agricola a pochi chilometri dalla capitale ungherese. Stava cercando, in quei giorni, di acquistare dei cavalli per allevarli nella sua nuova attività.
Un"giallo" fitto e impenetrabile durato una eternità per i familiari e per la figlia che oggi ha vent'anni. Ma ieri la polizia ungherese ha annunciato di aver risolto il caso: il responsabile di quello che fu un vero e proprio massacro è stato arrestato e ha confessato. Si tratterebbe di un ex poliziotto, leader di un gruppo malavitoso, che era entrato in conflitto con il potente capo di una banda avversaria e che aveva organizzato, per liberarsi del rivale, un vero e proprio agguato con almeno una mezza dozzina di uomini armati di tutto punto.
Quel giorno Nazzareno Sforna aveva fissato un appuntamento con un certo Zoltan, allevatore di cavalli, individuato leggendo degli annunci commerciali. L'imprenditore di Bettona, però, non sapeva che Zoltan era un boss della mala ungherese. Lo aveva conosciuto come allevatore di cavalli e aveva preso appuntamento con lui per acquistarne alcuni. Ma prima voleva, giustamente, vederli. Si erano incontrati, Sforna e Zoltan, alla periferia di Budapest. L'italiano, che viaggiava con la sua auto, era stato invitato a salire sulla vettura del potenziale venditore per andare a vedere l'allevamento. Sforna aveva accettato anche perché, durante il viaggio di una ventina di chilometri, avrebbe potuto approfondire i discorsi sull'acquisto degli animali. Ma quando la vettura di Zoltan, guidata da uno dei suoi uomini, si fermò a un semaforo, perché era scattato il "rosso", in piena campagna e prima di una curva a gomito, da una scarpata laterale a sinistra e da uno spiazzo a destra, spuntarono degli uomini armati di kalashnikov che scatenarono un inferno di piombo. Una vera azione da commando militare. Per Zoltan e Sforna non ci fu scampo: morirono sul colpo, raggiunti da un numero imprecisato di pallottole. La polizia ungherese capì subito che si trattava di un regolamento di conti tra bande (a terra vennero recuperati più di cento bossoli) e che Sforna altro non era stato che una vittima che si era trovata nel posto sbagliato, al momento sbagliato, su quella maledetta vettura. La famiglia di Nazzareno Sforna (che aveva lasciato, per quel viaggio di affari in Ungheria, la moglie, una polacca, una figlioletta e i suoi genitori a Bettona) incaricò un legale - l'avvocato Ubaldo Minelli - di seguire il caso. Il legale andò più volte in Ungheria, per sollecitare le indagini, ma gli investigatori e la magistratura magiara non erano riusciti a trovare il bandolo della matassa. Adesso, dopo quindici anni, la clamorosa svolta. Che dovrebbe chiarire anche il movente della strage di Budapest, visto che i lanci di agenzia dicono che l'ex poliziotto ha confessato il delitto.

Elio Clero Bertoldi

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Il rapper italiano Ghali, che sta scalando le classifiche delle hit più ascoltate e che vanta decine di milioni di visualizzazioni su Youtube, è stato scelto dal leader dell'intrattenimento digitale Ubisoft per rendere omaggio all'ultimo capitolo della saga di "Assassin's Creed" (Assassin's Creed Origins), il videogioco da 110 milioni di copie, in uscita il 27 ottobre. Ghali veste i panni del ...

 
Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

El Alamein (askanews) - Le autorità egiziane e più di 35 delegazioni straniere hanno commemorato il 75esimo anniversario della battaglia di El Alamein del 1942, importante vittoria alleata sui nazisti, in un Egitto in lutto per la morte ieri in un attentato di almeno 35 poliziotti. La cerimonia si è svolta al cimitero della Commonwealth War Graves Commission, dove riposano i resti dei soldati ...

 
Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Capri (askanews) - Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, boccia la proposta di doppia moneta lanciata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dal palco del convegno dei giovani imprenditori. "No, non ci convince la doppia moneta - ha detto Boccia a margine del meeting degli under 40 di Confindustria - riteniamo che possa incrementare solo elementi inflattivi. La grande sfida del ...

 
Bilancio positivo per il "Concerto dai balconi"

Il centro torna a vivere

Bilancio positivo per il "Concerto dai balconi"

A Terni ha colto nel segno il "Concerto dai balconi" che ha richiamato tantissime persone in piazza del Mercato fino alla tarda serata di sabato 21 ottobre. Le performance ...

22.10.2017

Concerto dai balconi di piazza del Mercato

Tanta gente in centro

Concerto dai balconi di piazza del Mercato

A Terni, fino alla tarda serata di sabato 21 ottobre, si è svolta con grande successo, in piazza del Mercato, l’iniziativa "Concerto dai balconi", organizzata ...

21.10.2017

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017