Arrestato l’assassino di Sforna

Arrestato l’assassino di Sforna

A più di quindici anni dalla morte dell'imprenditore di Bettona la polizia ungherese ha preso il colpevole

03.02.2013 - 15:06

0

Fu una vittima collaterale di una guerra tra bande sanguinarie e spietate. Venne ammazzato in Ungheria, a pochi chilometri da Budapest, per tutta una serie di coincidenze a lui sfavorevoli. Un delitto - meglio una strage, degna della Chicago di Al Capone- rimasto irrisolto per più di tre lustri. A perdere la vita, in maniera così brutale e choccante, fu l'imprenditore bettonese Nazzareno Sforna, allora poco più che trentenne. In Italia Sforna gestiva una ditta di trasporti, ma aveva investito parte dei suoi guadagni in una azienda agricola a pochi chilometri dalla capitale ungherese. Stava cercando, in quei giorni, di acquistare dei cavalli per allevarli nella sua nuova attività.
Un"giallo" fitto e impenetrabile durato una eternità per i familiari e per la figlia che oggi ha vent'anni. Ma ieri la polizia ungherese ha annunciato di aver risolto il caso: il responsabile di quello che fu un vero e proprio massacro è stato arrestato e ha confessato. Si tratterebbe di un ex poliziotto, leader di un gruppo malavitoso, che era entrato in conflitto con il potente capo di una banda avversaria e che aveva organizzato, per liberarsi del rivale, un vero e proprio agguato con almeno una mezza dozzina di uomini armati di tutto punto.
Quel giorno Nazzareno Sforna aveva fissato un appuntamento con un certo Zoltan, allevatore di cavalli, individuato leggendo degli annunci commerciali. L'imprenditore di Bettona, però, non sapeva che Zoltan era un boss della mala ungherese. Lo aveva conosciuto come allevatore di cavalli e aveva preso appuntamento con lui per acquistarne alcuni. Ma prima voleva, giustamente, vederli. Si erano incontrati, Sforna e Zoltan, alla periferia di Budapest. L'italiano, che viaggiava con la sua auto, era stato invitato a salire sulla vettura del potenziale venditore per andare a vedere l'allevamento. Sforna aveva accettato anche perché, durante il viaggio di una ventina di chilometri, avrebbe potuto approfondire i discorsi sull'acquisto degli animali. Ma quando la vettura di Zoltan, guidata da uno dei suoi uomini, si fermò a un semaforo, perché era scattato il "rosso", in piena campagna e prima di una curva a gomito, da una scarpata laterale a sinistra e da uno spiazzo a destra, spuntarono degli uomini armati di kalashnikov che scatenarono un inferno di piombo. Una vera azione da commando militare. Per Zoltan e Sforna non ci fu scampo: morirono sul colpo, raggiunti da un numero imprecisato di pallottole. La polizia ungherese capì subito che si trattava di un regolamento di conti tra bande (a terra vennero recuperati più di cento bossoli) e che Sforna altro non era stato che una vittima che si era trovata nel posto sbagliato, al momento sbagliato, su quella maledetta vettura. La famiglia di Nazzareno Sforna (che aveva lasciato, per quel viaggio di affari in Ungheria, la moglie, una polacca, una figlioletta e i suoi genitori a Bettona) incaricò un legale - l'avvocato Ubaldo Minelli - di seguire il caso. Il legale andò più volte in Ungheria, per sollecitare le indagini, ma gli investigatori e la magistratura magiara non erano riusciti a trovare il bandolo della matassa. Adesso, dopo quindici anni, la clamorosa svolta. Che dovrebbe chiarire anche il movente della strage di Budapest, visto che i lanci di agenzia dicono che l'ex poliziotto ha confessato il delitto.

Elio Clero Bertoldi

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Palermo, bambino vittima bullismo cerca di darsi fuoco a scuola

Palermo, bambino vittima bullismo cerca di darsi fuoco a scuola

Palermo (askanews) - Stanco di subire atti di bullismo ha cercato di darsi fuoco in classe. Protagonista della vicenda è un ragazzino che frequenta la seconda media di un istituto comprensivo di Cefalù, in provincia di Palermo. Lo studente, la mattina di lunedì 11 dicembre, si è cosparso di un liquido infiammabile ed ha minacciato di darsi fuoco con un accendino, venendo fortunatamente bloccato ...

 
A Roma per la prima volta una mostra del fotografo Steve McCurry

A Roma per la prima volta una mostra del fotografo Steve McCurry

Roma, (askanews) - Un'emozionante raccolta fatta di meravigliosi scatti realizzati in ogni angolo del mondo, per la prima volta fino al 7 gennaio in mostra nel nuovo spazio di Wegil a Trastevere, a Roma: si intitola "Leggere", è la mostra del fotografo americano Steve McCurry. La personale dell'artista statunitense è stata scelta per aprire la programmazione di Wegil il nuovo hub culturale ...

 
Dallo slow food allo slow drink, il gin punta sui giovani

Dallo slow food allo slow drink, il gin punta sui giovani

Milano (askanews) - L'elogio della lentezza non più solo nel mangiare ma anche nel bere, dallo slow food si passa allo slow drink puntando a conquistare i giovani passando per il variegato mondo del cocktail. È la strategia di Star of Bombay, l'ultimo nato in casa dei produttori di gin del gruppo Martini Bacardi: un prodotto completamente rifatto con grande attenzione alla scelta degli ...

 
Super Vacanze di Natale, Ruffini celebra 35 anni di cinepanettone

Super Vacanze di Natale, Ruffini celebra 35 anni di cinepanettone

Roma (askanews) - Un successo che dura da 35 anni. I film di Natale prodotti da De Laurentiis, dal primo "Vacanze di Natale" del 1983 all'ultimo "Dio salvi la regina", hanno incassato complessivamente 400 milioni, coinvolto più di 200 attori, e sono stati girati in 50 location, da Cortina D'Ampezzo a New York. Quest'anno, per celebrare il 35esimo compleanno del cosiddetto "cinepanettone", il 14 ...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017