Il progetto del museo della boxe è rimasto in stand by

Dovrebbere nascere ad Assisi, ci sono anche i fondi ma sembra finito nel dimenticatoio

10.08.2012 - 10:03

0

L'Italboxe colleziona trionfi, gloria e medaglie a Londra. Allori che vanno ad arricchire una bacheca già piena e scintillante. Nella nobile arte del pugilato il Belpaese ha detto sempre la sua. Ha contribuito a scriverne la storia. Una storia che merita di non andare dispersa ed essere tramandata nei dettagli e che proprio nella verde Umbria, patria del presidente federale Franco Falcinelli, potrebbe veder nascere il "tempio" nazionale. E' datata di qualche anno, infatti, l'idea di realizzare ad Assisi il museo nazionale del pugilato. Una esposizione permanente per ospitare cimeli, foto, trofei e ovviamente tutti i documenti ufficiali di quella che è stata e continua ad essere una delle discipline sportive più amate dagli italiani. Non c'è soltanto l'idea,naturalmente. C'è già un dettagliato progetto, sono stati individuati i locali e - cosa più unica che rara di questi tempi - ci sono i soldi. La bellezza di un milione e 439mila 250 euro, come da graduatoria pubblicata su www. sportgoverno.it. Viene da pensare che tra qualche mese basterà fare un salto ad Assisi per ammirare i guantoni olimpici di Patrizio Oliva o la corda con cui si allenava Maurizio Stecca. Niente di tutto ciò. Il progetto per ora è fermo in qualche polveroso cassetto, nonostante i proclami e gli annunci più volte espressi dall'amministrazione comunale. Che fine ha fatto il museo che secondo i programmi doveva essere già completato? E il finanziamento? E' già stato incassato oppure è finito nella rete dei recenti tagli del governo? Domande che aspettano risposta, mentre gli atleti azzurri continuano a ben figurare e raccogliere medaglie sul ring di Londra. Vale la pena raccontare la storia nei dettagli. Nel 2009, mese di settembre, il presidente della Federazione chiede a tre esperti di pugilato, i giornalisti Dario Torromeo (Corriere dello Sport), Daniele Redaelli (Gazzetta dello Sport) e lo storico Gianfranco Colasante, di assumere l'incarico di curatori del museo.
Seguono gli incontri tra i tre consulenti e l'amministrazione comunale di Assisi, dopodiché Torromeo, Redaelli e Colasante si mettono al lavoro e nel corso del 2010 stilano il progetto. Il 30 settembre presentano le linee guida per la realizzazione e il 14 marzo del 2011 incassano una parte del compenso pattuito. Nel frattempo il Comune ribadisce pubblicamente la volontà di realizzare la struttura sul proprio territorio. Poi sulla vicenda scende il silenzio più totale. Al punto che i tre progettisti, a distanza di mesi, sollecitano Falcinelli a chiedere spiegazioni all'amministrazione. Il Comune risponde sostenendo che il progetto presentato (un fascicolo di circa cinquanta pagine, molto articolato e accolto molto positivamente dagli architetti) non è completo. I tre replicano stizziti. Del resto visto il progetto, la contestazione di incompletezza non sembra avere ragione di esistere. E poi perché solo ora - e dopo sollecito - il Comune comunica che considera la documentazione non completa? La sostanza è che tutto si è fermato. Nonostante il museo sia stato finanziato e la somma messa a disposizione figuri nella sezione "trasparenza" del sito www.sportgoverno. it. Appunto: trasparenza. Che fine ha fatto il museo della boxe? E' già ko al primo round?

Giuseppe Silvestri

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Tokyo (askanews) - Shinzo Abe alla prova della verità. Il 22 ottobre in Giappone si vota per la Camera dei rappresentanti, un passaggio importante per il premier nipponico che ha indetto le elezioni anticipate con il doppio obiettivo di ottenere un mandato per la riforma costituzionale e dirottare in ambito sociale l'extragettito che dovrebbe giungere dal 2020 grazie all'incremento della tassa ...

 
Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Milano (askanews) - Nel variegato mondo del prosecco, occupa un posto di eccellenza. Un'eccellenza garantita dal territorio su cui nasce, quelle colline adagiate tra le asperità delle Dolomiti e la laguna veneta. E dalla sapienza degli uomini che qui lo producono da oltre 140 anni. Il Conegliano Valdobbiadene prosecco superiore Docg è il frutto di questo lembo di terra fortunata, 15 Comuni nelle ...

 
Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Roma, (askanews) - Ancora non è troppo tardi per approvare le riforme che farebbero riconsiderare al leader dell'opposizione kenyana Raila Odinga la sua decisione di ritirarsi dalle elezioni presidenziali del 26 ottobre. Lo ha affermato lo stesso Odinga parlando con la stampa dopo le dimissioni di Roselyn Akombe, membro della Commissione elettorale che si è detta convinta della parzialità di ...

 
A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

Ischia, (askanews) - I sette ministri dell'interno delle principali democrazie industrializzate del mondo si incontrano a Ischia per il vertice del G7 su contrasto al terrorismo, anche via web, e lotta ai foreign fighters di ritorno dai territori liberati dall'Isis. In tanti però sono scesi in piazza per chiedere ai grandi politiche diverse e che tutelino i diritti umani. Ecco alcune voci del ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017