Lavoro e salute, il pasticcio dell’Ilva

1 agosto 2012

01.08.2012 - 13:31

0

I successi conseguiti dagli atleti italiani nelle olimpiadi di Londra,opportunamente reclamizzati ed esaltati dai nostri organi di informazione, non devono e non possono distrarci dai problemi essenziali che stiamo vivendo sia nel campo dell'economia che nel settore politico.
Il primo problema che ci angustia è quello conseguente al sequestro disposto dall'autorità giudiziaria delle acciaierie Ilva di Taranto, dove rischiano oltre dodicimila dipendenti e quindi oltre dodicimila famiglie,di rimanere senza lavoro e quindi senza sostentamento. É quello dell'autorità giudiziaria un provvedimento astrattamente giusto perchè mira alla salvaguardia dell'ambiente, gravemente compromesso da anni dei residuati della combustione necessaria per la produzione dell'acciaio. Ma è un provvedimento concretamente incauto per le conseguenze che immediatamente produce, in un periodo così delicato che sta attraversando la nostra economia e particolarmente l'occupazione del sud, che vive una crisi spaventosa che rischia di mettere sul lastrico migliaia di persone.
La compromissione ambientale è un fatto che dura da decenni, e cioè da quando l'impianto siderurgico è stato installato. Intervenire a tutela della salute pubblica soltanto oggi, è viziato e in primo luogo da intempestività perchè si poteva intervenire molto tempo prima, quando c'erano tempo e mezzi per farlo. Di fronte all'inerzia e alla sostanziale acquiescenza del passato e di fronte ad una irresponsabile compromissione dell'ambiente e della salute dei cittadini, dovevasi una buona volta intervenire.
Ma poiché i provvedimenti anche dell'autorità giudiziaria si calano in situazioni concrete, l'intervento della procura e del Gip di Taranto, doveva essere calibrato in modo tale da concedere un congruo termine per la definitiva rimozione di un così grave inconveniente, sotto comminatoria di chiusura dello stabilimento. Si sarebbe così evitata l'immediata chiusura del posto di lavoro per migliaia di lavoratori e si sarebbe avviata in modo definitivo e ragionevole la procedura di risanamento dell'ambiente. Per conseguire la quale le comunità interessate, lo stato e la stessa impresa avrebbero potuto e dovuto trovare i mezzi. Confidiamo pertanto che il tribunale del riesame contemperando le esigenze di giustizia con quelle sociali, si conformerà a tale opportuna soluzione, revocando il sequestro ed assegnando all'impresa un congruo termine perentorio per rimuovere i danni che ha provocato.

Giorgio Casoli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La costituente pro-Maduro assume potere legislativo
VENEZUELA

La costituente pro-Maduro assume potere legislativo

Caracas (askanews) - L'assemblea costituente legata al presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato il 19 agosto 2017 di aver assunto i poteri dal parlamento, che è invece controllato dall'opposizione al presidente. In una riunione, l'assemblea ha adottato un decreto che autorizza ad "assumere tutte le funzioni per legiferare su materie direttamente collegate con la garanzia della pace, ...

 
Incendio a Cosenza, tre morti. In cenere le opere di Telesio
IL FATTO

Incendio a Cosenza, tre morti. In cenere le opere di Telesio

Cosenza (askanews) - Un rogo divampato in un appartamento a corso Telesio, nel centro storico di Cosenza, ha causato la morte di tre persone che sono rimaste intrappolate nell'edificio avvolto dalle fiamme. Il fuoco ha divorato anche il vicino Palazzo Ruggi d'Aragona, storico edificio-museo del 1100 di proprietà della famiglia Bilotti. Sono andati in fumo tra l'altro manoscritti originali dal ...

 
Barcellona, il ministro spagnolo: smantellata tutta la cellula terroristica
TERRORISMO

Barcellona, il ministro spagnolo: smantellata tutta la cellula terroristica

Barcellona (askanews) - La cellula terroristica di Ripoll, che è dietro al doppio attacco a Barcellona e Cambrils di due giorni fa, è stata "smantellata". L'ha affermato il 19 agosto 2017 il ministro dell'Interno Juan Ignacio Zoido, mentre la polizia caccia ancora l'ultimo latitante. "La cellula è stata completamente smantellata", ha detto il ministro ai giornalisti. I componenti erano 12, molti ...

 
Alla Darsena il Duo Bucolico

Notte in pista

Alla Darsena il Duo Bucolico

Sabato, 19 agosto, sarà il caso di muoversi verso il Lago Trasimeno, come di consueto. Alla Darsena si fa sul serio: sul palco del locale di Castiglione del Lago si esibirà ...

18.08.2017

Ancora un disco "tiratissimo" per Olden

Novità discografiche

Ancora un disco "tiratissimo" per Olden

Ci sono voluti quasi tre mesi per metterci a parlare di questo disco, perché d’estate le cose da raccontare in provincia son tante. Ma finalmente eccoci qua, a dirvi che il ...

18.08.2017

Un direttore per il Teatro Stabile dell'Umbria

Il toto nome

Un direttore per il Teatro Stabile dell'Umbria

Il suo nome, Franco Ruggieri, (scritto subito sotto il logo del Teatro Stabile), è sparito dal depliant con il programma della Stagione di prosa 2017-2018 del teatro ...

18.08.2017