Lavoro e salute, il pasticcio dell’Ilva

1 agosto 2012

01.08.2012 - 13:31

0

I successi conseguiti dagli atleti italiani nelle olimpiadi di Londra,opportunamente reclamizzati ed esaltati dai nostri organi di informazione, non devono e non possono distrarci dai problemi essenziali che stiamo vivendo sia nel campo dell'economia che nel settore politico.
Il primo problema che ci angustia è quello conseguente al sequestro disposto dall'autorità giudiziaria delle acciaierie Ilva di Taranto, dove rischiano oltre dodicimila dipendenti e quindi oltre dodicimila famiglie,di rimanere senza lavoro e quindi senza sostentamento. É quello dell'autorità giudiziaria un provvedimento astrattamente giusto perchè mira alla salvaguardia dell'ambiente, gravemente compromesso da anni dei residuati della combustione necessaria per la produzione dell'acciaio. Ma è un provvedimento concretamente incauto per le conseguenze che immediatamente produce, in un periodo così delicato che sta attraversando la nostra economia e particolarmente l'occupazione del sud, che vive una crisi spaventosa che rischia di mettere sul lastrico migliaia di persone.
La compromissione ambientale è un fatto che dura da decenni, e cioè da quando l'impianto siderurgico è stato installato. Intervenire a tutela della salute pubblica soltanto oggi, è viziato e in primo luogo da intempestività perchè si poteva intervenire molto tempo prima, quando c'erano tempo e mezzi per farlo. Di fronte all'inerzia e alla sostanziale acquiescenza del passato e di fronte ad una irresponsabile compromissione dell'ambiente e della salute dei cittadini, dovevasi una buona volta intervenire.
Ma poiché i provvedimenti anche dell'autorità giudiziaria si calano in situazioni concrete, l'intervento della procura e del Gip di Taranto, doveva essere calibrato in modo tale da concedere un congruo termine per la definitiva rimozione di un così grave inconveniente, sotto comminatoria di chiusura dello stabilimento. Si sarebbe così evitata l'immediata chiusura del posto di lavoro per migliaia di lavoratori e si sarebbe avviata in modo definitivo e ragionevole la procedura di risanamento dell'ambiente. Per conseguire la quale le comunità interessate, lo stato e la stessa impresa avrebbero potuto e dovuto trovare i mezzi. Confidiamo pertanto che il tribunale del riesame contemperando le esigenze di giustizia con quelle sociali, si conformerà a tale opportuna soluzione, revocando il sequestro ed assegnando all'impresa un congruo termine perentorio per rimuovere i danni che ha provocato.

Giorgio Casoli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Tokyo (askanews) - Shinzo Abe alla prova della verità. Il 22 ottobre in Giappone si vota per la Camera dei rappresentanti, un passaggio importante per il premier nipponico che ha indetto le elezioni anticipate con il doppio obiettivo di ottenere un mandato per la riforma costituzionale e dirottare in ambito sociale l'extragettito che dovrebbe giungere dal 2020 grazie all'incremento della tassa ...

 
Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Milano (askanews) - Nel variegato mondo del prosecco, occupa un posto di eccellenza. Un'eccellenza garantita dal territorio su cui nasce, quelle colline adagiate tra le asperità delle Dolomiti e la laguna veneta. E dalla sapienza degli uomini che qui lo producono da oltre 140 anni. Il Conegliano Valdobbiadene prosecco superiore Docg è il frutto di questo lembo di terra fortunata, 15 Comuni nelle ...

 
Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Roma, (askanews) - Ancora non è troppo tardi per approvare le riforme che farebbero riconsiderare al leader dell'opposizione kenyana Raila Odinga la sua decisione di ritirarsi dalle elezioni presidenziali del 26 ottobre. Lo ha affermato lo stesso Odinga parlando con la stampa dopo le dimissioni di Roselyn Akombe, membro della Commissione elettorale che si è detta convinta della parzialità di ...

 
A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

Ischia, (askanews) - I sette ministri dell'interno delle principali democrazie industrializzate del mondo si incontrano a Ischia per il vertice del G7 su contrasto al terrorismo, anche via web, e lotta ai foreign fighters di ritorno dai territori liberati dall'Isis. In tanti però sono scesi in piazza per chiedere ai grandi politiche diverse e che tutelino i diritti umani. Ecco alcune voci del ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017