Partiti senza giustificazioni

25 luglio 2012

25.07.2012 - 19:21

0

Malgrado la tassazione, diretta e indiretta, abbia raggiunto anzi superato il limite insopportabile del 70% del reddito delle persone normali e malgrado il reclamizzato successo di Monti alla conferenza di Bruxelles che avrebbe costretto alla resa la cancelleria Merkell ed i suoi alleati, lo spettro del baratro economico si sta paurosamente avvicinando per l'Italia, in preda alla recessione più nera, alla devastante disoccupazione ed al divario, che ha superato la quota di 500 punti, tra i titoli del debito pubblico nostrano rispetto ai bonds tedeschi.
Questa situazione drammatica in parte è dovuta alla debolezza del governo Monti, i cui componenti non hanno saputo far di meglio che adottare, per far cassa, misure ragionieristiche a scapito delle classi più indifese, lasciando pressoché intatti i santuari di loro estrazione. Ma è dovuta in gran parte alla irresponsabilità dei politici che, con i loro veti incrociati, hanno impedito qualunque necessaria ma seria manovra di effettivo risanamento. I partiti politici attuali non si sono dimostrati strumenti di vera democrazia, ma consorterie egoistiche dedite alla prevalente tutela degli interessi di parte anziché a quelli generali dei cittadini.
Le riforme risanatrici e soprattutto quelle dirette ad eliminare gli sprechi della politica e del carrozzone istituzionale, sono state di fatto impedite od osteggiate oltre la resistenza del pavido governo Monti. Non si sono soppresse le migliaia di enti inutili, vero e proprio rifugio dei giubilati della politica e fonte di voragini nella spesa pubblica. Non si sono soppressi nel parlamento e negli enti locali, i gruppi politici che richiedono miliardi di spesa. Non si sono semplificate le costosissime procedure burocratiche che, per sperimentata esperienza, intralciano anziché facilitare, ogni proficua iniziativa delle imprese e dei cittadini. Non si sono tagliate le spese militari e soprattutto quelle contrarie allo spirito pacifico della nostra costituzione. Non si è attuata ancora la promessa di riforma istituzionale, grazie alla quale, mediante opera di necessaria e moderna semplificazione, si sarebbero potute risparmiare tante risorse da impiegare in modo più proficuo.
Non si è intrapresa una seria manovra contro gli sprechi, soprattutto nel campo dei farmaci, degli approvvigionamenti della pubblica amministrazione, delle consulenze ecc... Non si è compiutamente realizzata una lotta contro la corruzione, contro l'economia sommersa ed in particolare contro quella criminale, contro la speculazione selvaggia ecc...
Si può dire che il governo Monti è stato insediato da poco. Ma a distanza di nove mesi, tenendo conto della pressante emergenza, c'era da aspettarsi di più che l'adozione di soli pannicelli caldi. Quelli che non hanno giustificazione alcuna, se non di mera demagogia e di mero interesse di bottega, sono i partiti politici attuali che giustamente meritano la sfiducia di tutti i cittadini onesti, che vedono clamorosamente delusi le proprie aspettative.

Giorgio Casoli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Galleria Borghese, respiri e urla per riavvicinarci al sublime

Galleria Borghese, respiri e urla per riavvicinarci al sublime

Roma (askanews) - Sovvertire l'abitudine all'arte, per restituire il senso, riferito al sublime, della vera esperienza artistica. È questa l'idea di fondo che presiede all'intervento di Daniele Puppi nella Galleria Borghese di Roma, dove ha presentato la mostra sonora "Respira". Quello che accade, nelle stanze che ospitano i capolavori del Canova, di Caravaggio o del Bernini, è l'esperienza di un ...

 
Dalla pizza alla frutta alla "tortellino", come cambiano i gusti

Dalla pizza alla frutta alla "tortellino", come cambiano i gusti

Napoli (askanews) - Dal Napoli pizza Village 2017, appena conclusosi sul lungomare del capoluogo partenopeo, emergono le nuove tendenze di gusto per la pizza del futuro, pensate e interpretate dai top player della pizzeria mondiale. Dalla pizza con la frutta di Gianfranco Iervolino, all'audace pizza Tortellino di Stefano Callegari, passando dalla pizza fritta "Battilocchio della Masardona" di ...

 
Da Duchamp a Cattelan, l'arte contemporanea conquista il Palatino

Da Duchamp a Cattelan, l'arte contemporanea conquista il Palatino

Roma, (askanews) - Sono oltre 100 le opere della mostra "Da Duchamp a Cattelan, Arte contemporanea sul Palatino". Venti le grandi installazioni come l'Archipensiero di Gianni Pettena o il luogo di raccoglimento multiconfessionale e laico di Michelangelo Pistoletto o "After Love" di Vedovamazzei, alias la casetta sbilenca di Buster Keaton, o "Gli occhi di Segantini" di Luca Vitone, riproduzione ...

 
Il senatore forzista Renato Schifani canta "Vita spericolata"

Il senatore forzista Renato Schifani canta "Vita spericolata"

Roma, (askanews) - Renato Schifani, senatore di Forza Italia ed ex Presidente del Senato, in versione cantante. Ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, il senatore forzista si è cimentato nel cantare un pezzo famosissimo, 'Vita Spericolata' di Vasco Rossi, accompagnato da 'l'Orchestrina' della trasmissione.

 
Morgan al tramonto

Moon in June

Morgan al tramonto

Nelle immagini di Claudio Bianconi alcuni frangenti del concerto di Morgan a Isola Maggiore sullo sfondo del lago Trasimeno illuminato dalla bellissima luce del tramonto 

26.06.2017

Ironia amara a Moon in June con Morgan

Isola Maggiore

Ironia amara a Moon in June con Morgan

Il tramonto stupendo, la location insuperabile e raccolta nelle sue dimensioni a misura umana, la leggera brezza serale: come sempre il “miracolo” di Moon in June presentava ...

26.06.2017

Wesseltoft e Morgan all'Isola Maggiore

Moon in June 2017

Wesseltoft e Morgan all'Isola Maggiore

Con un live molto particolare e suggestivo del pianista Bugge Wesseltoft (nella foto)  si aprirà la terza edizione di Moon in June targata Associazione Sergioperlamusica, ...

23.06.2017