Il parco degli equivoci

18 luglio 2012

18.07.2012 - 17:24

0

Agorà Il parco degli equivoci Domenica scorsa, con il concerto di Sting, al Campo di Santa Giuliana, si è conclusa alla grande anche l'edizione 2012 di Umbria Jazz che ha portato nuovamente all'attenzione nazionale ed internazionale la nostra regione almeno per gli estimatori di questo genere di musica. L'operazione musicale ha avuto un ritorno turistico e di immagine di primo ordine. E di questo deve essere dato atto agli organizzatori, alle istituzioni pubbliche ed agli sponsor che hanno reso possibile la grande manifestazione.
Ma adesso vorrei tornare su un altro avvenimento artistico di tutta altra natura, che si è svolto domenica 8 luglio alla Piana fiorita di Castelluccio di Norcia. Già lo scorso anno nel mese di luglio, l'istituzione Omaggio all'Umbria, con il suo direttore artistico, il soprano Laura Musalla, aveva organizzato nella stessa Piana di Castelluccio un concerto con la presenza del violinista di fama mondiale Uto Ughi. Il concerto aveva avuto i suoi sensibili patroni nella regione dell'Umbria, nella provincia di Perugia, nel Comune di Norcia ed in altre istituzioni pubbliche e private che avevano colto l'importanza promozionale dell'avvenimento.
Anche quest'anno il concerto si presentava sotto i migliori auspici non solo per la presenza di un così eccelso artista coadiuvato dai filarmonici di Roma e ripreso dal primo canale della Rai ma anche per il concorso di pubblico attratto dalla bellezza dei luoghi e dal fascino delle musiche interpretate con rara maestria dall'incomparabile maestro del violino Uto Ughi.
Le istituzioni pubbliche e private che avevano sostenuto l'iniziativa dello scorso anno, avevano rinnovato il loro impegno per la buona riuscita della manifestazione che avrebbe avuto incomparabile ritorno di immagine e quindi turistico per la zona. Se non che, come quasi ampiamente rilevato dagli organi di informazione che si sono occupati dell'avvenimento, i responsabili del parco in cui è compresa la Piana del Castelluccio si sono comportati in modo che la manifestazione non avesse le facilitazioni che il numeroso pubblico, accorso per il concerto, avrebbe meritato. Senza passare nuovamente in rassegna le disfunzioni già ampiamente menzionate sui giornali, giova ricordare ai gestori del parco che il pubblico che frequenta concerti di musica classica, è sommamente rispettoso del luogo dove essi si svolgono; che il parco di Castelluccio non è destinato al ripopolamento della fauna protetta, ma attraversato da una strada asfaltata e da numerosi viottoli che ne consentono la godibilità e la fruibilità delle bellezze naturali. Con la conseguenza che ogni iniziativa diretta a far conoscere tali bellezze naturali, da parte di un pubblico rispettoso dell'ambiente deve essere incoraggiata e non ostacolata. Speriamo che chi di dovere intenda questi consigli, altrimenti c'è il concreto rischio che la manifestazione scelga altri siti più ospitali e gestiti con maggiore sensibilità e lungimiranza.

Giorgio Casoli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Francia, in stato di fermo il miliardario Bolloré

Francia, in stato di fermo il miliardario Bolloré

Parigi, (askanews) - Il miliardario francese Vincent Bolloré è stato fermato a Nanterre per "corruzione di funzionari pubblici stranieri" in riferimento a due vicende a Lomé in Togo e a Conakry in Guinea. I magistrati sospettano che il leader del gruppo Bolloré abbia facilitato l'ascesa al potere di leader africani fornendo consulenze e servizi di comunicazione a prezzo inferiore al mercato. Lo ...

 
Salute

I 60 anni di Enterogermina, farmaco icona Made in Italy

Il probiotico italiano prodotto nello stabilimento Sanofi di Origgio (Varese) festeggia il suo sessantesimo compleanno in un momento di grande fermento per gli studi sul microbiota umano, la flora batterica intestinale. Mantenerla in equilibrio è fondamentale per il benessere dell’intero organismo

 
Cena glamour per Trump e Macron, le first lady rubano la scena

Cena glamour per Trump e Macron, le first lady rubano la scena

Mount Vernon (Virginia), (askanews) - Lo sfarzo di Mount Vernon, la dimora storica di George Washington in Virginia, una cena a base di agnolotti e sogliola di Dover, l'eleganza delle due first lady Melania e Brigitte - la prima in nero, la seconda in giallo - e soprattutto il feeling tra i due presidenti Donald Trump ed Emmanuel Macron. Due ore di convivio, durante le quali a rubare la scena ...

 
Altro

Attesa finita, tornano gli Avengers

Esce domani 25 aprile Avengers: Infinity War. Nuovo attesissimo film Marvel che arriva nelle sale in concomitanza con il decimo anniversario dei Marvel Studios. Il terzo capitolo degli Avengers e diciannovesimo sarà distribuito in circa 900 copie da The Walt Disney Company Italia. Gli Avengers si sono divisi in due fazioni durante la Guerra Civile, inoltre Hulk e Thor erano impegnati tra lo ...

 
I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

quinta edizione

I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

La quinta edizione di Encuentro, in programma a Perugia e Terni dal 2 al 6 maggio, sarà quella dei grandi immaginari che si incontrano e dialogano tra loro. La letteratura in ...

24.04.2018

Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018