Una scelta decisa

11 luglio 2012

11.07.2012 - 14:35

0

Secondo il parere largamente prevalente, almeno in coloro che avrebbero realisticamente studiato il problema, la crisi della giustizia era individuabile in un sistema processuale elefantiaco, in una normazione penale farraginosa e soprattutto in carenze di carattere organizzativo, tra cui primeggiavano l'enorme parcellizzazione delle sedi giudiziarie sul territorio e la conseguente mancanza di personale all'altezza dei compiti che erano stati loro affidati. Bisogna dare atto al governo ed in particolare al ministro di Grazia e Giustizia, avvocato Severino,di aver affrontato con decisione il problema, realizzando, sia pure nell'ambito ristretto della delega conferita dal Parlamento, la riduzione degli uffici giudiziari in conformità delle reali esigenze reclamate da tempo da tutti i cittadini in buona fede.
La riforma governativa infatti, fermo rimanendo il limite di almeno tre tribunali per distretto di Corte di Appello, ha tagliato 37 tribunali e 38 procure della repubblica; ha eliminato 220 sedi distaccate dei tribunali; ha sensibilmente ridotto le sedi dei giudici di pace, creando accorpamenti e modifiche territoriali. In questo modo verranno garantiti, oltre al risparmio di spese, la maggiore razionalizzazione dei servizi, la migliore specializzazione dei giudici, l'impiego più utile del personale. Quindi un miglior funzionamento della giustizia a costi ridotti, con l'unico disturbo per la comodità degli utenti, costretti a non avere gli uffici sotto casa, ma agevolmente raggiungibili con i mezzi di trasporto disponibili per tutti.
In Umbria saranno soppressi il Tribunale di Orvieto, le sedi distaccate dei tribunali e 13 sedi dei giudici di pace. In modo tale che, con opportuni ritocchi territoriali, rimarranno nella regione e quindi nel distretto della Corte di Appello dell'Umbria, 3 soli tribunali: quello di Perugia, quello di Terni e quello di Spoleto, più che sufficienti per coprire le esigenze del territorio regionale. A fronte degli enormi vantaggi che provocheranno tali interventi organizzativi minacciano di insorgere gli avvocati e le popolazioni abitanti nelle zone interessate dai provvedimenti restrittivi disposti dal governo. Costoro si propongono di far valere il loro dissenso attraverso i parlamentari delle rispettive zone. Questo atteggiamento, campanilistico e sollecitato da piccoli ed angusti interessi, non può essere condiviso e deve essere anzi combattuto, perché assecondarlo significherebbe volere perpetuare una delle maggiori cause del pessimo funzionamento della giustizia, e perpetuare l'inerzia dei governi, scoraggiandoli dal prendere iniziative necessarie ma contrarie agli egoismi di campanile o di sparute corporazioni. Significa anche alimentare il mugugno contro il disagio attuale e contro ogni manovra per eliminarlo. A questo gioco qualsiasi persona di buon senso non può starci.


Giorgio Casoli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Infortunio a un'anca, Nadal si ritira dagli Australia Open

Infortunio a un'anca, Nadal si ritira dagli Australia Open

Melbourne, (askanews) - Il tennista numero uno al mondo Rafael Nadal si è ritirato dagli Australia Open durante il quarto di finale contro il croato Marin Cilic, per un infortunio a un'anca. Cilic, che avanza così in semifinale, incontrerà ora l'inglese Kyle Edmund, dopo che quest'ultimo ha battuto Grigor Dimitrov. Il maiorchino si è arreso al quinto set, dopo un time out al quarto durante il ...

 
Hong Kong, rilasciato il leader del movimento democratico 2014

Hong Kong, rilasciato il leader del movimento democratico 2014

Hong Kong (askanews) - Dopo una settimana di carcere è stato rilasciato su cauzione Joshua Wong. Il volto dell'imponente movimento filodemocratico dell'autunno 2014 a Hong Kong è stato condannato a tre anni di reclusione per aver ostacolato lo sgombero di un accampamento. È la sua seconda condanna al carcere per il suo ruolo nella "Rivolta degli ombrelli". "Mi aspetto di ritornare in prigione nel ...

 
Fiori e romanticismo, a Parigi sfila l'haute couture Chanel

Fiori e romanticismo, a Parigi sfila l'haute couture Chanel

Roma, (askanews) - Sfilata bon ton e romantica per Chanel che ha presentato al Gran Palais di Parigi la nuova collezione primavera-estate 2018 di haute couture durante la fashion week parigina. Fiori in testa e velette a coprire il viso, gonne lunghe, giacche abbottonatissime, stivaletti e colori pastello. In passerella nel giardino botticelliano di Karl Lagerfeld, circondate da siepi e ...

 
Un Codice di comportamento e due Premi per il recupero crediti

Un Codice di comportamento e due Premi per il recupero crediti

Roma (askanews) - Circa 70 miliardi di crediti gestiti, per oltre 36 milioni di posizioni, con crediti recuperati per oltre 8 miliardi: è l'identikit di Unirec, l'Unione nazionale delle imprese a tutela del credito, aderente a Confindustria, che associa oltre 200 aziende con quasi 20 mila addetti. "L'utilizzo dei servizi di recupero crediti - dice il presidente di Unirec Marco Pasini - è molto ...

 
Nomadi al di là del tempo

Palaevangelisti

Nomadi al di là del tempo

Dallo scorso 9 gennaio è in rotazione nelle radio il nuovo singolo dei Nomadi “Ti porto a vivere” dal nuovo album “Nomadi dentro”, nuova produzione di una delle band più ...

23.01.2018

Gli U2 a Barcellona bono

Gli U2 a Barcellona

MUSICA

U2, fissata la tappa italiana. Quando e dove comprare i biglietti

Gli U2 tornano in Europa: l’appuntamento con i fan italiani è fissato per l’11 e 12 ottobre 2018 al Mediolanum Forum di Assago (Milano). L’eXPERIENCE + iNNOCENCE Tour, dopo ...

16.01.2018

Morta Dolores OʼRiordan, frontwoman dei Cranberries

Lutto nel mondo della musica

Morta Dolores OʼRiordan, frontwoman dei Cranberries

La frontwoman dei The Cranberries, Dolores O'Riordan, è morta all'età di 46 anni. La cantante era a Londra per una breve sessione di registrazione. Nel 2017 il gruppo aveva ...

15.01.2018