Una scelta decisa

11 luglio 2012

11.07.2012 - 14:35

0

Secondo il parere largamente prevalente, almeno in coloro che avrebbero realisticamente studiato il problema, la crisi della giustizia era individuabile in un sistema processuale elefantiaco, in una normazione penale farraginosa e soprattutto in carenze di carattere organizzativo, tra cui primeggiavano l'enorme parcellizzazione delle sedi giudiziarie sul territorio e la conseguente mancanza di personale all'altezza dei compiti che erano stati loro affidati. Bisogna dare atto al governo ed in particolare al ministro di Grazia e Giustizia, avvocato Severino,di aver affrontato con decisione il problema, realizzando, sia pure nell'ambito ristretto della delega conferita dal Parlamento, la riduzione degli uffici giudiziari in conformità delle reali esigenze reclamate da tempo da tutti i cittadini in buona fede.
La riforma governativa infatti, fermo rimanendo il limite di almeno tre tribunali per distretto di Corte di Appello, ha tagliato 37 tribunali e 38 procure della repubblica; ha eliminato 220 sedi distaccate dei tribunali; ha sensibilmente ridotto le sedi dei giudici di pace, creando accorpamenti e modifiche territoriali. In questo modo verranno garantiti, oltre al risparmio di spese, la maggiore razionalizzazione dei servizi, la migliore specializzazione dei giudici, l'impiego più utile del personale. Quindi un miglior funzionamento della giustizia a costi ridotti, con l'unico disturbo per la comodità degli utenti, costretti a non avere gli uffici sotto casa, ma agevolmente raggiungibili con i mezzi di trasporto disponibili per tutti.
In Umbria saranno soppressi il Tribunale di Orvieto, le sedi distaccate dei tribunali e 13 sedi dei giudici di pace. In modo tale che, con opportuni ritocchi territoriali, rimarranno nella regione e quindi nel distretto della Corte di Appello dell'Umbria, 3 soli tribunali: quello di Perugia, quello di Terni e quello di Spoleto, più che sufficienti per coprire le esigenze del territorio regionale. A fronte degli enormi vantaggi che provocheranno tali interventi organizzativi minacciano di insorgere gli avvocati e le popolazioni abitanti nelle zone interessate dai provvedimenti restrittivi disposti dal governo. Costoro si propongono di far valere il loro dissenso attraverso i parlamentari delle rispettive zone. Questo atteggiamento, campanilistico e sollecitato da piccoli ed angusti interessi, non può essere condiviso e deve essere anzi combattuto, perché assecondarlo significherebbe volere perpetuare una delle maggiori cause del pessimo funzionamento della giustizia, e perpetuare l'inerzia dei governi, scoraggiandoli dal prendere iniziative necessarie ma contrarie agli egoismi di campanile o di sparute corporazioni. Significa anche alimentare il mugugno contro il disagio attuale e contro ogni manovra per eliminarlo. A questo gioco qualsiasi persona di buon senso non può starci.


Giorgio Casoli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Earth Day 2018, come eravamo: la Terra 20 anni fa

Earth Day 2018, come eravamo: la Terra 20 anni fa

Un'app per viaggiare nel tempo e osservare la Terra com'è oggi o com'era 20 anni fa: si chiama Worldview e l'ha messa a punto la Nasa in occasione della Giornata della Terra e permette inoltre di catturare le immagini preferite, tra foreste e ghiacciai, e di condividere le immagini. E' possibile rivedere vecchi incendi, uragani rimasti memorabili e assistere al modo in cui una tempesta nasce e ...

 
L'elicottero Drago 15 in azione per domare le fiamme nel bosco
L'incendio

L'elicottero Drago 15 in azione per domare le fiamme nel bosco

Un incendio è divampato sabato 21 aprile tra i boschi intorno ad Acqualacastagna, razione del comune di Spoleto al confine con  Terni. Il rogo si è sviluppato in un’area particolarmente impervia che ha complicato non poco le operazioni di contenimento e spegnimento da parte dei vigili del fuoco intervenuti sul posto con quattro mezzi. E' stato anche richiesto l’intervento di un mezzo aereo da ...

 
La regina Elisabetta II festeggia il suo 92mo compleanno

La regina Elisabetta II festeggia il suo 92mo compleanno

Londra (askanews) - La regina Elisabetta II festeggia il suo 92mo compleanno con i tradizionali spari di auguri e con un concerto di beneficenza con Tom Jones, Kylie Minogue e Shaggy. Per celebrare il compleanno della monarca sono stati sparati 41 colpi a Hyde Park e 62 alla Torre di Londra, mentre al castello di Windsor la banda ha suonato "Happy Birthday" durante il cambio della guerdia. In ...

 
Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

L'intervista

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

Paolo Fresu e Giovanni Sollima, sardo il primo, siciliano l’altro. Due musicisti eclettici e virtuosi che su sollecitazione dell’Orchestra da camera di Perugia hanno ...

18.04.2018