Una scelta decisa

11 luglio 2012

11.07.2012 - 14:35

0

Secondo il parere largamente prevalente, almeno in coloro che avrebbero realisticamente studiato il problema, la crisi della giustizia era individuabile in un sistema processuale elefantiaco, in una normazione penale farraginosa e soprattutto in carenze di carattere organizzativo, tra cui primeggiavano l'enorme parcellizzazione delle sedi giudiziarie sul territorio e la conseguente mancanza di personale all'altezza dei compiti che erano stati loro affidati. Bisogna dare atto al governo ed in particolare al ministro di Grazia e Giustizia, avvocato Severino,di aver affrontato con decisione il problema, realizzando, sia pure nell'ambito ristretto della delega conferita dal Parlamento, la riduzione degli uffici giudiziari in conformità delle reali esigenze reclamate da tempo da tutti i cittadini in buona fede.
La riforma governativa infatti, fermo rimanendo il limite di almeno tre tribunali per distretto di Corte di Appello, ha tagliato 37 tribunali e 38 procure della repubblica; ha eliminato 220 sedi distaccate dei tribunali; ha sensibilmente ridotto le sedi dei giudici di pace, creando accorpamenti e modifiche territoriali. In questo modo verranno garantiti, oltre al risparmio di spese, la maggiore razionalizzazione dei servizi, la migliore specializzazione dei giudici, l'impiego più utile del personale. Quindi un miglior funzionamento della giustizia a costi ridotti, con l'unico disturbo per la comodità degli utenti, costretti a non avere gli uffici sotto casa, ma agevolmente raggiungibili con i mezzi di trasporto disponibili per tutti.
In Umbria saranno soppressi il Tribunale di Orvieto, le sedi distaccate dei tribunali e 13 sedi dei giudici di pace. In modo tale che, con opportuni ritocchi territoriali, rimarranno nella regione e quindi nel distretto della Corte di Appello dell'Umbria, 3 soli tribunali: quello di Perugia, quello di Terni e quello di Spoleto, più che sufficienti per coprire le esigenze del territorio regionale. A fronte degli enormi vantaggi che provocheranno tali interventi organizzativi minacciano di insorgere gli avvocati e le popolazioni abitanti nelle zone interessate dai provvedimenti restrittivi disposti dal governo. Costoro si propongono di far valere il loro dissenso attraverso i parlamentari delle rispettive zone. Questo atteggiamento, campanilistico e sollecitato da piccoli ed angusti interessi, non può essere condiviso e deve essere anzi combattuto, perché assecondarlo significherebbe volere perpetuare una delle maggiori cause del pessimo funzionamento della giustizia, e perpetuare l'inerzia dei governi, scoraggiandoli dal prendere iniziative necessarie ma contrarie agli egoismi di campanile o di sparute corporazioni. Significa anche alimentare il mugugno contro il disagio attuale e contro ogni manovra per eliminarlo. A questo gioco qualsiasi persona di buon senso non può starci.


Giorgio Casoli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Los Angeles (askanews) - Il tenore spagnolo Placido Domingo ha festeggiato, con un recital speciale al Dorothy Chandler Pavilion di Los Angeles, circondato da amici, cantanti e musicisti, i suoi 50 anni di carriera. Domingo, direttore generale della Washington National Opera e della Los Angeles Opera, esordì proprio nella città californiana il 17 novembre del 1967, senza immaginare - ha spiegato ...

 
Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Roma (askanews) - Nulla di fatto dopo l'incontro sulle pensioni a Palazzo Chigi tra Governo e sindacati. Gentiloni ha chiesto ai leader di Cgil, Cisl e Uil uno sforzo significativo di condivisione sulle pensioni e di sostenere il pacchetto delle misure; un documento di tre cartelle sullo stop al rialzo dell'età pensionabile per 15 categorie di lavori gravosi, e il fondo per la proroga dell'Ape ...

 
Addio a Malcolm Young, cofondatore degli AC/DC
Musica in lutto

Addio a Malcolm Young, cofondatore degli AC/DC

E' morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista, compositore e cofondatore del gruppo rock AC/DC. A dare la notizia è stata la stessa band sulla sua pagina web ufficiale. Nato a Glasgow, in Scozia, nel 1953, aveva fondato il gruppo australiano con suo fratello Angus nel 1973 a Sydney. Tra i tanti successi della band "Highway to hell" e "Back in black", considerato il secondo album più venduto di ...

 
Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Napoli (askanews) - Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella ha presenziato, in piazza del Plebiscito a Napoli, alla cerimonia del giuramento di 90 nuovi allievi della scuola militare della Nunziatella in occasione dei 230 anni dalla fondazione della prestigiosa scuola militare, voluta dal Re Ferdinando IV di Borbone il 18 novembre del 1787. Erano presenti anche il ministro della Difesa, Roberta ...

 
Mamma mia! con gli Abba in italiano

Assisi

Mamma mia! con gli Abba in italiano

Al teatro Lyrick di Assisi il 21 e il 22 novembre (ore 21.15) ospiterà Mamma mia!, tra le più celebri commedie musicali degli anni 2000  con le mitiche canzoni degli Abba. A ...

18.11.2017

Assisi diventa città dei cori

Grandi festival nascono

Assisi diventa città dei cori

Al via la prima edizione di Cantico Assisi Choral Fest rassegna dedicata ai cori in programma dal 20 al 23 novembre ad Assisi. Oltre mille coristi si esibiranno per quattro ...

18.11.2017

Gran finale all'insegna dell'India

Festival Popoli e Religioni

Gran finale all'insegna dell'India

E' tutto pronto per il gran finale della tredicesima edizione di Popoli e Religioni-Terni Film Festival con una giornata interamente dedicata all'India. La giornata si aprirà ...

18.11.2017