Giorgio Lungarotti, la firma del vino umbro famosa nel mondo

Giorgio Lungarotti, la firma del vino umbro famosa nel mondo

Il 16 aprile si spegne il pioniere dell'enologia della nostra regione. Un miracolo sulle colline di Torgiano, eredità raccolta con successo

10.09.2013 - 16:44

0

Ci sono persone che, nell'immaginario, non muoiono mai. Una di queste - non è retorica - è Giorgio Lungarotti. L'inventore del vino umbro. Se questa regione esiste nella mappa dell'enologia nazionale e internazionale nella produzione d'eccellenza, si deve proprio a lui. Al maestro della civiltà del bere. Pioniere dell'enologia italiana, Giorgio Lungarotti muore il 16 aprile 1999. Va a miglior vita a 89 anni. Ciò che ha realizzato, il suo impulso, la strada che ha tracciato, sono ancora vive e riconosciute a distanza di così tanto tempo. Anzi, valorizzate. Intanto il suo miracolo. O, come da molti viene definita, la sua favola.
A Torgiano, Lungarotti avviò in silenzio una piccola rivoluzione. L'azienda di famiglia vendeva vino dignitoso. Tanto, buono,ma niente di più. Giorgio che ha studiato agraria e fatto viaggi all'estero affianca il padre, reimposta i vigneti e si dedica alla viticoltura specializzata. Una scelta coraggiosa, perfino temeraria dopo essere passato dalla mezzadria e aver abbandonato le altre colture e attività. Vino, solo vino di qualità. Un nettare che col tempo otterrà riconoscimenti importanti e prestigiosi a livello italiano ed internazionale. Conquistò la fama nel 1962 con la produzione del vino "Rubesco", a cui due anni dopo seguì il"Rubesco Riserva", successivamente chiamato "Vigna Monticchio". All'estero l'Umbria comincia ad essere conosciuta per questo prodotto, insieme ad un'altra etichetta: il "San Giorgio".
Lungarotti è ai vertici e vince la scommessa della sua vita. Un successo che è un esempio e che imprime coraggio ad altri produttori. Una scommessa nella scommessa, il lungimirante Giorgio la vince con una scelta che suscitò non poche polemiche negli ambienti enologici: quella di allungare l'affinamento del vino in bottiglia. Una scelta contro la tradizione imperante negli anni Sessanta di lunghi invecchiamenti in botte. Innovatore nel rispetto della tradizione Giorgio Lungarotti, uno che non si è mai messo a copiare gli altri, seguire mode.
Ha preferito strade meno battute come la valorizzazione dei vitigni locali assieme alla cura delle varietà "internazionali". E' il 1968 quando viene attribuito a Torgiano, primo territorio in Umbria a potersi fregiare di questo prestigioso titolo, il marchio di Doc per il rosso e il bianco. E' del 1990 - con valore retroattivo alla vendemmia del 1983 - il marchio di Docg per il "rosso riserva". E' stato un precursore, avanti di 30 anni Lungarotti, nelle intuizioni, come quella di diversificare le attività. Con la collaborazione e la cura della moglie Maria Grazia Marchetti, storica dell'arte, "signora del vino" dalle belle intuizioni, fonda a Torgiano il Museo del vino e il Museo dell'olivo e dell'olio.
Nel 1987 ecco la Fondazione Lungarotti che valorizza il grande patrimonio culturale legato all'agricoltura italiana attraverso attività di ricerca, espositive ed editoriali. Nel 1981 a Torgiano, fonda il Banco di Assaggio deiVini d'Italia (Bavi) in collaborazione con il ministero dell'agricoltura e la Regione che ne diventerà poi il principale gestore e dieci anni dopo Giorgio viene insignito dal presidente della Repubblica Francesco Cossiga dell'onorificenza di cavaliere del lavoro. Quando se ne va, i numeri delle Cantine Lungarotti parlano di un fatturato di 60 miliardi di lire e di 150 dipendenti. L'azienda ha continuato a guardare lontano in questi anni, affiancando alle intuizioni dell'inventore del vino umbro (sempre ben presenti), il lavoro delle sorelle Chiara Lungarotti e TeresaSeverini.
Un impegnoche continua ad aprirsi all'innovazione e all'enoturismo come garanzia anche di comunicazione della tradizione e del "territorio". Lungarotti ha chiuso l'ultimo biennio con un valore dell'export in crescita del 35%, con vendite in oltre 50 Paesi nel mondo. Complessivamente i vini delle Cantine Giorgio Lungarotti contano poco oltre due milioni di bottiglie all'anno, prodotte nei 250 ettari. Dalle splendide colline di Brufa adesso il lavoro di Lungarotti si spinge fino a Montefalco. Vigneti giardino nei quali si organizzano pranzi, merende, incontri di lavoro, eventi. Vino sì, ma anche il suo mondo. Fatto di terra e cielo, del sudore e dell'ingegno dell'uomo. Resta una proprietà di famiglia il resort 5 stelle "Le Tre Vaselle". Un altro simbolo del legame del borgo di Torgiano con la cantina dell'inventore del vino d'eccellenza umbro.

A cura di Federico Sciurpa

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

L'arresto per il delitto dei Parioli, due gambe in un cassonetto

L'arresto per il delitto dei Parioli, due gambe in un cassonetto

Roma, (askanews) - E' stato arrestato il presunto responsabile dell'omicidio di una donna a Roma; si tratta del fratello della vittima il cui cadavere fatto a pezzi era stato distribuito in vari cassonetti dei quartieri Parioli e Flaminio. I due abitavano assieme in un appartamento di via Guido Reni e avrebbero spesso litigato per questioni di soldi. La prima macabra scoperta è avvenuta la sera ...

 
Diana indimenticata icona di stile a 20 anni dalla morte

Diana indimenticata icona di stile a 20 anni dalla morte

Londra (askanews) - Ha cambiato il look alla monarchia inglese, ma non solo, è stata un'icona di eleganza e un simbolo del suo tempo. Vent'anni dopo la tragica morte di Lady Diana, il ricordo della "principessa del popolo" è ancora vivissimo. Per comprenderne meglio la figura a Londra è stata allestita a febbraio una mostra a Kensington Palace sulla sua personale concezione di stile. ...

 
La leonessa di Aleppo trasferita ha fatto un leoncino

La leonessa di Aleppo trasferita ha fatto un leoncino

Roma, (askanews) - Ha partorito un leoncino Dana, uno dei tredici animali dello zoo "Magic World" di Aleppo trasferiti dalla città semidistrutta a cura dell'associazione Four Paws. Dana si trova ora in una riserva vicino ad Amman, in Giordania, assieme agli altri animali trasferiti (altri quattro leoni, due tigri, due orsi neri asiatici, due iene e due cani). Poche ore dopo il trasferimento, il ...

 
Usa, rimosse statue sudiste a Baltimora, nessuna violenza

Usa, rimosse statue sudiste a Baltimora, nessuna violenza

Baltimora (askanews) - L'America ancora una volta divisa tra tolleranza e razzismo. Le statue dedicate ai principali protagonisti degli Stati Confederati d'America sono state velocemente rimosse dalle strade e dai parchi di Baltimora, in Maryland, pochi giorni dopo le violenze scoppiate nella vicina Virginia per la rimozione di monumenti simili. Le operazioni della polizia sono state seguite da ...

 
Daniel Craig sarà ancora 007

Cinema

Daniel Craig sarà ancora 007

Daniel Craig ha confermato che sarà nuovamente 007 nel 25esimo film della saga di James Bond. Ma sarà la sua ultima volta nel ruolo dell’agente segreto più famoso al mondo. ...

16.08.2017

Luara Freddi sarà mamma a 45 anni

Gossip

Luara Freddi sarà mamma a 45 anni

Laura Freddi sarà mamma all'età di 45 anni. Lo rivela il settimanale 'Chi', che nel numero in edicola da oggi pubblica le immagini della showgirl in dolce attesa. La diretta ...

16.08.2017

Al via il Festival Luci della Ribalta

Narni ospita il festival

Settima edizione

Al via il Festival Luci della Ribalta

Con il grande concerto inaugurale di lunedì 14 agosto, alle 21 e 30, nella splendida cornice della corte del palazzo comunale di Narni, prende ufficialmente il via il settimo ...

13.08.2017