L’Umbria è una regione a rischio: frane e alluvioni sono dietro l’angolo

L’Umbria è una regione a rischio: frane e alluvioni sono dietro l’angolo

Scelte urbanistiche discutibili fra le principali cause all’origine del problema

20.08.2013 - 18:35

0

“Umbria in movimento” non è il titolo di uno studio su come sta cambiando la nostra regione, quanto la sintesi estrema di ciò che sta accadendo, da una ventina d’anni a questa parte, a un territorio che vede di giorno in giorno aumentare la propria precarietà dal punto di vista geologico. Un territorio sempre più fragile, quello dell’Umbria, interessato con frequenza sempre maggiore da pericolosissimi fenomeni di frane o di dissesti innescati da agenti atmosferici eccezionali.
I 910.285 chilometri quadrati sui quali si estende la regione presentano situazioni di rischio estremamente diffuso. Il servizio geologico regionale ha fornito di recente dati che non inducono certo all’ottimismo: 275 località sono tenute sotto controllo perche a rischio elevato a causa di “condizioni critiche per fenomeni di frana”; 40 centri abitati dichiarati “da consolidare” e un altro centinaio vanno tenuti ancor piu sotto la lente di ingrandimento dei controlli perche potenzialmente instabili.
Dai dati disponibili emerge, in estrema sintesi, che l’8,7% del territorio collinare montano e in frana (un valore in linea con la media nazionale che e dell’8,9%), con una superficie totale instabile pari a 651 chilometri quadrati e un numero molto elevato di singoli eventi (34.545) per la maggior parte quiescenti (73%) e riferibili a frane a cinematica lenta (88%).
L’Umbria e storicamente franosa, lo confermano anche studi di settore particolarmente dettagliati e la prevalente natura collinare-montana del suo territorio non l’aiuta di certo. Sta di fatto, pero, che negli ultimi decenni le situazioni di rischio sono aumentate, anche in virtù di azioni tutt’altro che virtuose da parte dell’uomo.
La dimostrazione sta tutta nell’aumento preoccupante di un altro fenomeno quanto mai devastante come quello delle alluvioni, eventi che fino agli anni Ottanta erano molto piu che sporadici e che con l’andare degli anni sono diventati appuntamenti quasi fissi appena l’intensità delle piogge raggiunge livelli importanti. Altra prova provata e il dato secondo il quale, non più tardi del 2003, tutti i 92 comuni umbri sono stati classificati a rischio idrogeologico dal ministero dell’Ambiente e dall’Unione delle Province italiane. Tra questi 40 sono a rischio frana, uno a rischio alluvione e 51 a rischio sia di frana che di alluvione.
Dati evidentemente preoccupanti, confermati da un altro report redatto dal ministero dell’Ambiente nel 2008, nel quale non sono presenti modifiche sostanziali per quel che riguarda l’estensione delle aree a rischio di frane e alluvioni in Umbria. Rilevazioni allarmanti, non c’e che dire,anche perché dimostrano come aree a elevata criticità dal punto di vista idrogeologico siano capillarmente diffuse in tutta la regione, e quanto il territorio umbro sia fragile anche a causa di un uso non corretto del suolo e delle acque. Luoghi “illuminanti” da questo punto di vista sono le aree vicino ai fiumi, dove salta agli occhi l’occupazione crescente delle zone di espansione naturale con abitazioni, insediamenti industriali e produttivi, oltre che occupazioni derivanti da pratiche agricole (recinzioni, modificazioni delle sponde e delle fasce vegetazionali riparie per sfruttare al massimo le superficie coltivabili).
Inoltre, nei centri maggiori come nei piccoli comuni e in crescita la presenza nelle zone esposte a pericolo di strutture ricettive turistiche o di strutture commerciali. Elemento che conferma come il consumo di suolo, che se non correttamente gestito e pianificato espone il territorio a effetti più gravi dei fenomeni connessi al rischio idrogeologico, sia fattore da considerare con particolare attenzione.
Le conferme, in questo senso non mancano: le più recenti sono quelle arrivate all’indomani del crollo di una parte della diga di Montedoglio, il 29 dicembre 2010, con relativa inondazione di zone consistenti dell’Alta valle del Tevere, ma anche a meta novembre 2012, quando un’ondata eccezionale di pioggia ha determinato l’esondazione del Tevere nella zona di Orvieto e Todi, costringendo centinaia di famiglie ad abbandonare le proprie case invase dall’acqua. Quanto a frane, l’elenco e ancora più lungo e interessa l’Umbria in tutta la sua estensione. Fra smottamenti vecchi e nuovi l’emergenza e continua.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Elena Mirò, dall'atelier creativo la donna contemporanea di Vanessa Incontrada

Elena Mirò, dall'atelier creativo la donna contemporanea di Vanessa Incontrada

'L'atelier', cantiere della creatività per la donna contemporanea, e la nuova collezione Spring/Summer 2018. A presentarli, con Vanessa Incontrada, è Elena Mirò, brand di Miroglio Fashion, con una sfilata nel flagship Store di Piazza della Scala a Milano. La partnership creativa tra Vanessa Incontrada ed Elena Mirò si consolida. "Tutta l'energia che ho assorbito è stata tradotta in idee di ...

 
"Get shorty", arriva su Timvision la serie tv acclamata negli Usa

"Get shorty", arriva su Timvision la serie tv acclamata negli Usa

Roma, (askanews) - Dal libro bestseller di Elmore Leonard, "Get shorty", nel 1995 era stato tratto il celebre film con John Travolta, ma oggi un enorme successo ha riscosso negli Stati Uniti l'omonima serie, che arriva in prima visione assoluta per l'Italia dal 22 febbraio su Timvision. La dark comedy per la tv "Get shorty", di cui vediamo una clip in esclusiva, è diretta da Davey Holmes, già ...

 
Siria, orrore a Ghouta: regime uccide 200 civili, 60 sono bambini

Siria, orrore a Ghouta: regime uccide 200 civili, 60 sono bambini

Damasco, (askanews) - Un massacro con quasi 200 morti fra i civili, di cui 60 bambini. È il bilancio di tre giorni di bombardamenti incessanti sulla roccaforte ribelle della Ghouta, a Est di Damasco, da parte del regime siriano di Bashar al-Assad. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, con sede in Gran Bretagna, l'attacco ha provocato 17 morti domenica 18, 127 morti lunedì 19 e 50 ...

 
Perché la regina di Danimarca sorride ai funerali del marito?

Perché la regina di Danimarca sorride ai funerali del marito?

Copenaghen, (askanews) - Circa 60 ospiti si sono stretti attorno alla famiglia reale danese per salutare il principe consorte Henrik, marito della regina Margherita II di Danimarca. Nelle immagini si vede la regina, 77 anni, che scende dall'auto vestita a lutto ma in più di un'occasione la si vede sorridente e quasi allegra. Presenti al funerale i figli della coppia, il principe ereditario ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018