L'Umbria diventa terra di conquista delle mafie

L'Umbria diventa terra di conquista delle mafie

Criminalità organizzata: fa scalpore l'omicidio di Luigi Castiglione, vittima di una faida calabrese ucciso a colpi di pistola a Perugia per ordine della 'ndrangheta

16.07.2013 - 14:33

0

Quello di Luigi Castiglione, vittima di una faida che si era scatenata in Calabria e ucciso a colpi di pistola all’Elce da un amico di infanzia per ordine delle 'ndrine, non è stato l’unico omicidio di mafia in Umbria. Dietro le sbarre, a Perugia, nell’ottobre del 1975, fu ammazzato Angelo La Barbera, esponente di primo piano di Cosa Nostra ai tempi di Stefano Bontade e di don Tano Badalamenti. L’omicidio, consumato nell’infermeria del carcere di piazza Partigiani, fu eseguito da tre siciliani di tre province diverse e tutti di nome Giuseppe e rappresentò il vero inizio della “guerra di mafia”, che sei anni più tardi spazzò via le vecchie gerarchie e che portò ai vertici i “viddani” di Corleone, capeggiati da Totò Riina e Bernardo Provenzano. E in carcere, sempre a Perugia, venne impiccato - aprile del 1983 - Ciro Ruoppo, che appena arrivato nel capoluogo umbro, si mise a sparlare in cella - lui era amico e fan di Luigi Giuliano, detto “o lione” (poi divenuto collaboratore di giustizia) della Nuova Famiglia - di don Raffaele Cutolo, il capo della Nuova camorra organizzata. Ruoppo venne processato, a sua insaputa, da una “corte” immediatamente formata dai cutoliani ospiti nella struttura carceraria perugina e la sentenza di morte venne eseguita, due giorni più tardi, nella sala docce del carcere. Sette i cutoliani condannati dalla giustizia ordinaria per questo brutale e assurdo omicidio. Fuori dal carcere venne ucciso nel 1978 Domenico Barbaro, calabrese, esponente di una famiglia in lotta dagli inizi degli anni Cinquanta con i Mammoliti (faida sanguinosissima iniziata nel 1954), che dopo 24 anni di detenzione, era tornato libero. E abitava nella piana di Assisi. I killer lo sorpresero una mattina mentre stava lavorando nella vigna: gli spararono con la lupara e fuggirono con una auto di colore rosso. Sei anni fa, a settembre, a morire fu Salvatore Conte, camorrista e collaboratore di giustizia. Conte, membro di una banda di pentiti di varie mafie che si erano messi insieme per consumare tutta una serie di reati in Umbria e non solo, venne attirato in una trappola in un cascinale di campagna a Castel del Piano e freddato a pistolettate dai suoi complici su mandato del capobanda, che lo riteneva pericoloso e non più affidabile in quanto consumatore abituale di cocaina. Il cadavere fu, la sera dopo, trasferito e interrato ai margini di un bosco al confine tra i comuni di Perugia e Gubbio, dove venne ritrovato e dissepolto. Il processo agli esecutori materiali e al mandante è in itinere. Si sospettano quali omicidi di mafia anche l’assassinio del piccolo imprenditore calabrese Roberto Provenzano, ammazzato con un colpo di calibro 9 alla tempia nel suo appartamento di via Monte Fumaiolo a Ponte Felcino nel 2005 (caso irrisolto); quello di Pazi Gramos, albanese, crivellato da colpi di pistola insieme ai suoi due nipoti, in via della Scuola a Ponte San Giovanni nell’ottobre del 1999, da un commando di napoletani, sospettati di essere collegati alla camorra; quello di un perugino assassinato, di notte, sullo spiazzo di un distributore di benzina a Collestrada da un detenuto siciliano, in permesso premio, perché si rifiutava o non era in grado di trovare un lavoro, necessario al recluso per ottenere gli agognati benefici di legge. E ha tutti i crismi del delitto mafioso, se non altro per la tecnica utilizzata, l’omicidio di un sfortunato operaio ternano, il cui cadavere, nel 2001, venne ritrovato “incaprettato” nell’orto, proprietà della vittima, a Terni: forse si era trovato nel posto sbagliato, al momento sbagliato. Il caso è stato riaperto, mesi fa, dalla polizia scientifica nazionale, nella speranza che le più raffinate e sofisticate tecniche medico-legali offrano, a dodici anni di distanza dai fatti, uno spunto investigativo e facciano scoprire la verità e il responsabile di un delitto tanto barbaro e crudele.

Elio Clero Bertoldi

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Brexit, i 27 leader Ue approvano le linee guida del negoziato

Brexit, i 27 leader Ue approvano le linee guida del negoziato

Bruxelles (askanews) - I leader dei Ventisette Paesi dell'Unione europea, esclusa la Gran Bretagna, hanno approvato le linee guida per il negoziato sulla Brexit. "Per fare progressi sufficienti abbiamo bisogno di una risposta britannica seria" ha annunciato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk nella conferenza stampa finale del vertice di Bruxelles. "Voglio assicurarvi che non appena ...

 
Sette visioni, arte su arte in Galleria

Perugia

Sette visioni, arte su arte in Galleria

Promenade è un percorso ideato da Roberto Biselli all’interno della Galleria Nazionale dell’Umbria, sostenuto da Marco Pierini, direttore della Galleria e dall'asessore alla ...