Gianfranco Rosi, il campione capace di rinascere

Gianfranco Rosi, il campione capace di rinascere

Una vera icona dello sport di tutti i tempi che ha stupito il mondo per la volontà di rialzarsi ogni volta che veniva dato per finito

18.06.2013 - 14:27

0

L'Umbria è stata per decenni la culla del pugilato italiano e la nascita del Corriere dell'Umbria ha accompagnato e portato a conoscenza dei tanti appassionati le gesta del più grande campione che la regione abbia mai avuto. Gianfranco Rosi, il pugile nato ad Assisi il 5 agosto del 1957, è stato uno dei più longevi rappresentanti della noble art ed uno degli sportivi umbri che ha raggiunto i più alti risultati in carriera. Gianfranco, ragazzino dal fisico gracile, va in palestra per "fare un po' di muscoli" ma i suoi maestri, Franco Falcinelli prima e Giovanni Bocciolini dopo, si accorgono del suo talento e lo spingono a fare la scelta di vita nello sport.
Già nel 1976Rosi conquista da dilettante il titolo italiano dei pesi superleggeri e poi i successi vengono uno dietro l'altro. Rosi ripaga quelli che gli sono stati intorno,compreso l'impareggiabile amico-sponsor Alvaro Chiabolotti, raggiungendo tutti i traguardi. Quando il Corriere dell'Umbria muove i suoi primi passi, anche Gianfranco Rosi si affaccia al professionismo e le sue gesta, grazie anche alla generosità di Alvaro Chiabolotti, cominciano ad essere conosciute pure all'estero, soprattutto in Francia dove sono frequenti gli incontri organizzati a Cannes e dintorni. Il grande salto è la conquista del titolo europeo il 7 luglio 1984 a Perugia contro lo spagnolo Perico Fernandez. Sembra un sogno finalmente coronato, ma la terribile doccia fredda viene dalla sconfitta per ko contro l'inglese Honeyghan nel gennaio 1985. In pochi credono che Rosi possa riprendersi, invece il 28 gennaio 1987 Gianfranco strappa il titolo europeo dei pesi medi al superfavorito britannico Pyatt.
Sempre nel 1987 dopo due difese vittoriose del titolo continentale arriva l'apoteosi: la conquista della corona mondiale Wbc a Perugia contro il messicano Lupe Aquino. E' il 2 ottobre 1987 ed è trionfo. Ma dopo pochi mesi, nel 1988, l'8 luglio, a Sanremo, arriva un duro ko contro Don Curry. A questo punto punto nessuno crede più nelle possibilità del trentenne pugile umbro tranne pochi amici tra cui l'inseparabile Giovanni Bocciolini e Alvaro Chiabolotti che affronta le spese di una rischiosa trasferta negli Usa per tentare il colpaccio.
E Rosi fa il miracolo: il 15 luglio 1989ad Atlantic City batte il detentore del titolo Ibf Van Horn e torna in Italia con la corona. Da qui la leggenda di Rosi va avanti con un record di difese impressionante. Saranno 11 i match mondiali vinti. Poi nel 1994 a Las Vegas la sconfitta iridata contro Vincent Pettway. Rosi però vuole continuare e nel 1995 vince a Liverpool la sfida per il titolo iridato Wbo contro Verno Phillips. Ma scoppia il caso doping e Rosi non avendo superato il test, si vede togliere il titolo che viene riassegnato a Phillips.
incontrano di nuovo ma l'inglese vince ai punti e Rosi, a quaranta anni, annuncia ufficialmente il ritiro dalla carriera. Sembrerebbe una storia di sport finita ma, a sorpresa, dopo sei annidi stop, nel2003GianfrancoRosi annuncia il suo clamoroso ritorno, sempre con Giovanni Bocciolini e Alvaro Chiabolotti al suo fianco. La federazione italiana non prevede visti a pugili di questa età e quindi Rosi si tessera all'estero e comincia a boxare il 14 dicembre a Fiume contro il rumeno Sebe, poi seguiranno altri incontri sempre all'estero, a Belgrado e a Budapest doveRosi sembra dimostrare la sua assoluta competitività a livello internazionale. Intanto però si incrinano i rapporti all'interno dello staff e c'è un nuovo divorzio da Chiabolotti.
Rosi affronta così i suoi ultimi match senza lo sponsor di sempre. Ad Amburgo l'incontro salta per una febbre improvvisa e a San Marino contro il francese Roselia, Rosi, dopo essere stato in vantaggio ai punti, subisce un terrificante ko nel finale che lo costringe al ricovero in ospedale. E' il 2006 e la carriera agonistica di Rosi finisce qui. Gianfranco poi ha continuato ad interessarsi al pugilato prima venendo eletto consigliere federale e poi come tecnico federale nazionale. Incarichi che il pugile umbro ha ricoperto con grande professionalità ed impegno costante. Un modo diverso di vivere il mondo della boxe, fuori dal ring invece che tra le corde. Ma per la storia del pugilato e dello sport umbro rimarrà per sempre ...un mito ineguagliabile.

Roberto Sabatini

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

I 110 anni del Centrale di Milano: il cinema più antico d'Italia

I 110 anni del Centrale di Milano: il cinema più antico d'Italia

Milano (askanews) - Un cinema, due sale e 110 anni di storia culturale di Milano passati fra le sue pareti e sui suoi schermi. È dal 1907 che il Cinema Centrale apre le porte nel cuore della città, in via Torino: ad oggi ha superato il secolo di vita in piena attività, nonostante le difficoltà del settore in generale e delle piccole sale in particolare. Una longevità che gli vale il titolo di ...

 
Delitto Garlasco, niente nuovo processo, Stasi resta in carcere

Delitto Garlasco, niente nuovo processo, Stasi resta in carcere

Roma, (askanews) - Alberto Stasi resta in carcere. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che ha respinto il ricorso straordinario presentato dall'ex studente della Bocconi contro la sentenza che il 12 dicembre portò alla sua condanna definitiva a 16 anni per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi, uccisa il 13 agosto 2007 nella sua villetta di Garlasco, nel Pavese. Il ricorso, depositato il 24 ...

 
Davide Toffolo: Levante una cantante? Abbiamo qualcosa in comune

Davide Toffolo: Levante una cantante? Abbiamo qualcosa in comune

Roma, (askanews) - Tre allegri ragazzi morti tornano per pochi ed esclusivi concerti in questa estate 2017 e lo fanno in compagnia di alcuni artisti de La Tempesta, l'etichetta discografica indipendente fondata nel 2000 dal gruppo nato a Pordenone nel 1994. Nel frattempo nel panorama musicale italiano si abusa del termine "indipendente" (o indie). Abbiamo chiesto al frontman del gruppo, il ...

 
Attacco hacker, i consigli dell'esperto: non pagate

Attacco hacker, i consigli dell'esperto: non pagate

Milano (askanews) - Due attacchi informatici hanno messo in ginocchio i sistemi di aziende e utenti in tutto il mondo a distanza di un mese. Attacchi da cui bisogna imparare in fretta a difendersi, spiega Dave Waterson, amministratore delegato della società di sicurezza informatica SentryBay. L'attacco avviene attraverso un "ransomware": un virus infetta i computer, rende inaccessibli i dati ...

 
Morto l'attore Michael Nyqvist

Lutto

Morto l'attore Michael Nyqvist

Michael Nyqvist, attore svedese, noto per avere recitato nelle vesti di Mikael Blomkvist nell'adattamento cinematografico della trilogia Millennium tratta dai romanzi di ...

28.06.2017

Morgan al tramonto

Moon in June

Morgan al tramonto

Nelle immagini di Claudio Bianconi alcuni frangenti del concerto di Morgan a Isola Maggiore sullo sfondo del lago Trasimeno illuminato dalla bellissima luce del tramonto 

26.06.2017

Ironia amara a Moon in June con Morgan

Isola Maggiore

Ironia amara a Moon in June con Morgan

Il tramonto stupendo, la location insuperabile e raccolta nelle sue dimensioni a misura umana, la leggera brezza serale: come sempre il “miracolo” di Moon in June presentava ...

26.06.2017