Da Assisi si leva il grido di pace che scuote il mondo

Da Assisi si leva il grido di pace che scuote il mondo

Wojtyla chiama nella città di Francesco tutte le religioni per un incontro interconfessionale che si ripeterà nel 1993, nel 2002 e nel 2011

11.06.2013 - 15:19

0

Da San Rufino sino alla Basilica di San Francesco una fiumana di genti. Colorata e multiforme. Trentamila pellegrini a testimoniare una data storica: 27 ottobre 1986, la Prima Giornata del dialogo, della preghiera delle religioni del mondo per la pace. Collegate attraverso le televisioni, milioni di persone: alla fine saranno un miliardo. Ad aderire all’invito di papa Giovanni Paolo II furono 62 rappresentanti delle diverse confessioni, accompagnati da 200 invitati. Complesso e preoccupante il contesto storico durante il quale si svolse l’incontro che, di fatto, spinse Wojtyla a creare questo momento di raccoglimento universale: da sei anni si stava combattendo il conflitto tra Iran e Iraq. Beirut era in fiamme per il conflitto tra sunniti e sciiti. Tra Est e Ovest la cortina di ferro era ancora spessa e il dialogo sul disarmo nucleare fra Reagan e Gorbaciov da costruire. Per non parlare dell’eterna crisi israelopalestinese. In Africa, appena otto giorni prima, in un sospetto incidente aereo era morto il presidente del Mozambico, Samora Machel: simbolo del rinascimento del continente nero, il giorno del funerale la moglie Graca accusò senza mezzi termini il Sudafrica di aver ucciso il marito. Insomma, un quadro geo politico sconfortante che richiedeva un forte gesto di “rottura” per costruire. Queste le parole a conclusione di quell’indimenticabile giorno di Wojtyla: “Ciò che abbiamo fatto ad Assisi, pregando e testimoniando a favore del nostro impegno per la pace, dobbiamo continuare a farlo ogni giorno. Ciò che abbiamo fatto oggi è di vitale importanza per il mondo. Il fatto stesso che siamo venuti ad Assisi da varie parti del mondo, è in se stesso un segno di questo sentiero che l’umanità è chiamata a percorrere”. Concretamente, quel giorno, gran parte delle nazioni chiamate a far tacere i propri cannoni aderirono all’invito che veniva da Assisi: tutti i Paesi dell’America Latina con la sola eccezione del peruviano “Sendero Luminoso”; in Africa al “Polisario” che si era impegnato a sospendere le operazioni contro il Marocco si unirono l’angolana “Unita” e il sudanese “Splm”. In Medioriente ai libanesi di Gemayel, alle milizie cristiane, ai capi sciiti e sunniti, si aggiunse il governo israeliano; accettò pure il presidente dell’Iraq Saddam Hussein e, al silenzio ufficiale di Teheran, si contrappose un comunicato del “Mujahedein del popolo” che dichiararono la loro adesione. Arafat, in una lettera, parlò della “profonda eco” che l’appello aveva avuto tra il popolo palestinese. In Asia alla risposta positiva di Sihanuk, si aggiunsero i kmer rossi; mentre in Sri Lanka il governo e i 5 gruppi Tamil diedero la loro adesione. Importantissimo, poi, il telegramma di Ronald Reagan in cui affermò: “Nei miei incontri con Gorbaciov in Islanda abbiamo compiuto notevoli passi avanti verso il traguardo di un mondo più sicuro e stabile. Gli Usa faranno la loro parte nei negoziati di Ginevra per confermare i progressi raggiunti a Reykjavik”. Fu poi la Guerra dei Balcani, il 9 e 10 gennaio 1993, a portare alla Seconda giornata del dialogo: “Non ci sarà pace - disse in quell’occasione Wojtyla - se non ci sarà rinuncia alle ambizioni, alla sete di potere, alla volontà di sopraffare gli altri, alla mancanza del rispetto altrui”. Poi la Terza Giornata, il 24 gennaio del 2002, all’indomani del terrificante crollo delle Torri gemelle. “L’umanità - spiegò Giovanni Paolo II - ha bisogno di pace sempre, ma ancora di più ne ha bisogno ora”. E il 27 ottobre 2011, infine, Papa Ratzinger stesso volle riconvocare la Giornata della preghiera multireligiosa per celebrare il venticinquennale di quello che è stato, e resterà, uno storico giorno.

A cura di Riccardo Regi 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

British Airways, Ramsay e Mr Bean nel video per raccolta fondi

British Airways, Ramsay e Mr Bean nel video per raccolta fondi

Milano (askanews) - Niente steward né hostess: a spiegare le misure di sicurezza a bordo degli aerei British Airways è gente come lo chef stellato Gordon Ramsay, l'attrice Gillian Anderson o Jim Broadbent, che ha vestito i panni del professor Lumacorno in "Harry Potter". Alcune delle personalità più amate del mondo british si sono infatti messe al servizio della compagnia aerea britannica per una ...

 
Vacanze e traffico: sabato 5 agosto bollino nero dell'estate

Vacanze e traffico: sabato 5 agosto bollino nero dell'estate

Roma, (askanews) - Vacanze e traffico: al via il piano dei servizi per l'esodo estivo 2017 messo a punto da Viabilità Italia. Il bollino nero contrassegna l'intera giornata di sabato 5 agosto, giornata in cui è prevista la più alta concentrazione delle partenze, ma tutti i weekend, a partire dall'ultimo fine settimana di luglio, sono a bollino rosso. La maggiore concentrazione di traffico per i ...

 
Brasile, in migliaia in piazza per manifestare a favore di Lula

Brasile, in migliaia in piazza per manifestare a favore di Lula

Rio de Janeiro (askanews) - Migliaia di cittadini brasiliani sono scesi in piazza a Rio de Janeiro per manifestare in favore dell'ex presidente Inazio Lula, condannato in primo grado, il 13 luglio 2017, a 9 anni e mezzo di reclusione con l'accusa di corruzione. Secondo l'accusa Lula, presidente per 2 mandati, dal 2003 al 2011, avrebbe ricevuto un appartamento da un'azienda in cambio di favori per ...

 
Poste: risparmio e territorio, pilastri dell'economia italiana

Poste: risparmio e territorio, pilastri dell'economia italiana

Arpino, (askanews) - Il risparmio postale affonda le sue radici nel territorio italiano. I libretti di risparmio postali sono una tradizione: nati 142 anni fa, sono ora oltre 30 milioni, per un ammontare complessivo dei depositi di 323 miliardi di euro, di cui circa 204 miliardi di euro in Buoni Fruttiferi e circa 119 miliardi di euro depositati sui Libretti di Risparmio. Punto di forza delle ...

 
Premio a Isabelle Adriani

Taormina

Premio a Isabelle Adriani

Prestigioso riconoscimento per l’attrice perugina Isabelle Adriani, nome d’arte di Federica Federici, che sabato 22 luglio al Teatro romano di Taormina verrà premiata come ...

20.07.2017

Il concerto Ciammarughi-Dj Ralf

Universo Assisi

Il concerto Ciammarughi-Dj Ralf

20.07.2017

E alla fine vinse la musica

Il concerto di Dj Ralph e Ramberto Ciammarughi

E alla fine vinse la musica

Alla fine il tanto atteso e discusso concerto sul Monte Subasio c'è stato. Non più al Mortaro, considerati i limiti di decibel troppo bassi per le esigenze dei musicisti, ma ...

20.07.2017