La ricostruzione, contatti e strategie che hanno segnato la fine di un'epoca

La ricostruzione, contatti e strategie che hanno segnato la fine di un'epoca

Gianfranco Faina, uno dei top manager di allora

04.06.2013 - 13:22

0

Il 1984 si era chiuso con pessimi presagi. Da due anni la famiglia aveva dato mandato al presidente, Bruno Buitoni, di trovare un partner disponibile ad effettuare una ricapitalizzazione di almeno 200 miliardi di lire, indispensabile per abbattere un indebitamento insostenibile ai tassi di interesse dell’epoca (20%), e aperto al mantenimento di un ruolo per la famiglia nel gruppo. Ma gli sforzi di Bruno non avevano avuto buon esito.
Aveva progettato delle alleanze italiane, con l’obiettivo di costruire un grande gruppo alimentare- dolciario diversificato nelle tecnologie, capace di attuare con forza la strategia “specialità italiane nel mondo”: la fusione gruppo Buitoni-Sme (Motta, Alemagna, Italgel, Bertolli, De Rica, Cirio) e successivamente un’associazione Buitoni- Parmalat-Italgrani (Ambrosio), ma i progetti naufragarono per il disinteresse della politica (il primo) e l’opposizione dei sindacati ai necessari tagli occupazionali e l’avversità di Barilla (tutti e due).
La famiglia aveva così deciso di guardare all’estero, dove il gruppo realizzava quasi il 50% del fatturato, affidandosi al grande “cuciniere” della finanza italiana, Enrico Cuccia di Mediobanca, ma era apparso subito chiaro che ciò significava cedere la maggioranza e mantenere, al massimo, una presenza simbolica dei Buitoni. Mediobanca, dopo aver visto fallire un possibile accordo con il gruppo francese Midy a seguito di un “freddo” incontro tra le famiglie e conseguente fuga di notizie, aveva presentato a settembre una nuova importante proposta, decisa questa volta a mettere i Buitoni con le spalle al muro.
La situazione finanziaria era infatti sempre più allarmante ed occorreva una soluzione in brevissimo tempo. Il nuovo promesso sposo era il gruppo francese Bsn- Danone, assistito dalla banca Lazard (banca “amica” di Mediobanca), decisamente interessato essendo attivo nel mercato della pasta, piatti cucinati e sughi con il marchio Panzani. Le trattative avanzavano spedite, anche se i francesi tiravano sul prezzo. Ma a fine novembre arriva la doccia fredda: da Parigi una ulteriore richiesta di miglioramento delle condizioni di acquisto e contemporaneamente dalla Comit di Milano la richiesta di rientrare nei fidi. I Buitoni si sentono traditi.
Decidono di aprire trattative parallele e, nei primi giorni del 1985, ricevono una dichiarazione di interesse da parte della Cir di Carlo De Benedetti. L’ingegnere è una star emergente dello scenario industriale europeo e, nella circostanza, conferma le sue eccezionali doti di visione e rapidità decisionale, chiudendo la trattativa in pochi giorni.

Gianfranco Faina

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Maire Tecnimont, nuovo traguardo per progetto russo Amursky

Maire Tecnimont, nuovo traguardo per progetto russo Amursky

San Pietroburgo, (askanews) - Nuovo passo di Maire Tecnimont nel progetto da 3,9 miliardi di euro, Amursky Gas Processing Plant, per il ritrattamento del gas che la società italiana ha firmato lo scorso anno e che sta portando avanti in Russia nella regione orientale di Amur per il gruppo Gazprom. Maire Tecnimont ha siglato a San Pietroburgo, nell'ambito del Forum economico internazionale, ...

 
Iveco Bus pronta alla sfida della sostenibilità nel Tpl

Iveco Bus pronta alla sfida della sostenibilità nel Tpl

Torino, (askanews) - Si è svolta all'Innovation Park di Torino la seconda tappa del Mobility Innovation Tour, l'iniziativa articolata in cinque incontri in altrettante città italiane, nata per analizzare modelli di sviluppo sostenibile per il trasporto pubblico mettendo a confronto tutti gli attori coinvolti: istituzioni, aziende di trasporto pubblico locali e produttori di mezzi pubblici. ...

 
Barilla lancia Winparentig: essere genitori risorsa per l'azienda

Barilla lancia Winparentig: essere genitori risorsa per l'azienda

Milano, (askanews) - Quando parliamo di famiglia e lavoro tendiamo a usare verbi come conciliare, trovare un equilibrio che nascondono una deformazione culturale, come se i genitori fossero costantemente alla ricerca di una difficile convivenza tra queste due sfere della vita quotidiana. Nei fatti diventare mamme o papà può essere una opportunità anche sul lavoro, come sanno in Barilla dove è ...

 
Altro

Milano ancora in rosso con banche, vola lo spread

Le Borse europee tengono, mentre Milano perde ancora terreno sulle incertezze legate al nuovo esecutivo Lega-M5S. L'indice Ftse Mib cede l'1,54%; lo spread tra Btp e Bund sale a 206 punti base e torna ai livelli segnati nell'aprile. Debole Parigi -0,11%, in progresso Londra +0,18% e Francoforte +0,65%, male Madrid -1,70% sul rischio di instabilità politica. A Piazza Affari tonfo per il comparto ...

 
Due Mondi tra realtà e sogno

Tutte le star del festival

Due Mondi tra realtà e sogno

Il Minotauro sarà l'opera inaugurale della 61esima edizione del festival dei Due Mondi. Il testo, ispirato al libro di Durrenmatt, è reso in musica della compositrice Silvia ...

25.05.2018

I My Mine presentano il nuovo album

I My Mine

Italo disco

I My Mine presentano il nuovo album

Venerdì 25 maggio i My Mine presenteranno al Mishima di Terni il nuovo album “83-18” che rappresenta il loro ritorno sulla scena della musica elettronica. La band simbolo ...

24.05.2018

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018