La ricostruzione, contatti e strategie che hanno segnato la fine di un'epoca

La ricostruzione, contatti e strategie che hanno segnato la fine di un'epoca

Gianfranco Faina, uno dei top manager di allora

04.06.2013 - 13:22

0

Il 1984 si era chiuso con pessimi presagi. Da due anni la famiglia aveva dato mandato al presidente, Bruno Buitoni, di trovare un partner disponibile ad effettuare una ricapitalizzazione di almeno 200 miliardi di lire, indispensabile per abbattere un indebitamento insostenibile ai tassi di interesse dell’epoca (20%), e aperto al mantenimento di un ruolo per la famiglia nel gruppo. Ma gli sforzi di Bruno non avevano avuto buon esito.
Aveva progettato delle alleanze italiane, con l’obiettivo di costruire un grande gruppo alimentare- dolciario diversificato nelle tecnologie, capace di attuare con forza la strategia “specialità italiane nel mondo”: la fusione gruppo Buitoni-Sme (Motta, Alemagna, Italgel, Bertolli, De Rica, Cirio) e successivamente un’associazione Buitoni- Parmalat-Italgrani (Ambrosio), ma i progetti naufragarono per il disinteresse della politica (il primo) e l’opposizione dei sindacati ai necessari tagli occupazionali e l’avversità di Barilla (tutti e due).
La famiglia aveva così deciso di guardare all’estero, dove il gruppo realizzava quasi il 50% del fatturato, affidandosi al grande “cuciniere” della finanza italiana, Enrico Cuccia di Mediobanca, ma era apparso subito chiaro che ciò significava cedere la maggioranza e mantenere, al massimo, una presenza simbolica dei Buitoni. Mediobanca, dopo aver visto fallire un possibile accordo con il gruppo francese Midy a seguito di un “freddo” incontro tra le famiglie e conseguente fuga di notizie, aveva presentato a settembre una nuova importante proposta, decisa questa volta a mettere i Buitoni con le spalle al muro.
La situazione finanziaria era infatti sempre più allarmante ed occorreva una soluzione in brevissimo tempo. Il nuovo promesso sposo era il gruppo francese Bsn- Danone, assistito dalla banca Lazard (banca “amica” di Mediobanca), decisamente interessato essendo attivo nel mercato della pasta, piatti cucinati e sughi con il marchio Panzani. Le trattative avanzavano spedite, anche se i francesi tiravano sul prezzo. Ma a fine novembre arriva la doccia fredda: da Parigi una ulteriore richiesta di miglioramento delle condizioni di acquisto e contemporaneamente dalla Comit di Milano la richiesta di rientrare nei fidi. I Buitoni si sentono traditi.
Decidono di aprire trattative parallele e, nei primi giorni del 1985, ricevono una dichiarazione di interesse da parte della Cir di Carlo De Benedetti. L’ingegnere è una star emergente dello scenario industriale europeo e, nella circostanza, conferma le sue eccezionali doti di visione e rapidità decisionale, chiudendo la trattativa in pochi giorni.

Gianfranco Faina

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

I Want to believe: tra Hirst e X-Files, l'arte di credere

I Want to believe: tra Hirst e X-Files, l'arte di credere

Milano (askanews) - "I Want to Believe" diceva il famoso manifesto della serie "X Files". Un messaggio che oggi è di estrema attualità anche nel campo dell'arte, come sta a dimostrare - guarda caso - la colossale mostra di Damien Hirst (anche lui probabilmente un alieno sospetterebbe l'agente Fox Mulder) allestita a Palazzo Grassi e Punta della Dogana a Venezia. Proprio sul "desiderio di credere" ...

 
Sisma Ischia, il salvataggio dei due fratellini: stanno bene

Sisma Ischia, il salvataggio dei due fratellini: stanno bene

Ischia (askanews) - Hanno passato tutta la notte e tutta la mattina sepolti sotto le macerie, ma ce l'hanno fatta: queste immagini dei Vigili del Fuoco mostrano il salvataggio dei due fratellini rimasti sepolti per ore sotto le macerie della loro casa di Ischia. Un terzo fratello, di soli 7 mesi, era stato salvato in mattinata, così come erano già in salvo il padre e la madre. Stanno tutti bene.

 
Trump e la "tomba degli imperi": gli Usa restano in Afghanistan

Trump e la "tomba degli imperi": gli Usa restano in Afghanistan

Fort Myer, Virginia, (askanews) - La tomba degli imperi getta la sua ombra minacciosa anche sugli Stati Uniti. La guerra iniziata in Afghanistan 16 anni fa, subito dopo gli attentati dell'11 settembre 2001, sembra diventata un rompicapo insolubile per la Casa bianca, di ieri come di oggi. 17 diversi comandanti statunitensi non sono venuti a capo di nulla davanti alla incrollabile resilienza ...

 
Alle falde del Kilimangiaro torna in Umbria

Bevagna

Alle falde del Kilimangiaro torna in Umbria

Sono iniziate questa mattina, martedì 22 agosto, le riprese a Bevagna della troupe di “Alle falde del Kilimangiaro”. Al programma televisivo della Rai il compito di ...

22.08.2017

Ecco Miss Umbria

La scelta

Ecco Miss Umbria

Venti principesse per un trono, quello di regina della bellezza umbra. Sarà incoronata lunedì sera 21 agosto, in piazza del Municipio a San Giustino, Miss Umbria 2017 che ...

21.08.2017

il gabibbo striscia la notizia

"STRISCIA LA NOTIZIA" IN LUTTO

E' morto il Gabibbo: Gero Cardarelli stroncato da un male incurabile

E' morto Gero Cardarelli, che per 27 anni è stato la vera anima del Gabibbo. Gero era infatti l'uomo che animava, da dentro, il celebre pupazzo rosso di "Striscia la notizia"....

20.08.2017