La testimonianza, ricordo ancora il dispiacere e l'emozione del signor Bruno

La testimonianza, ricordo ancora il dispiacere e l'emozione del signor Bruno

Giuliano Mancinelli del consiglio di fabbrica

04.06.2013 - 13:14

0

Ormai l’era Buitoni era finita. Lo avevano capito anche in fabbrica. In qualche modo l’auspicavano perché il peso delle finanze consumate, la mancanza di una prospettiva avevano creato un disagio aziendale che non c’era mai stato prima. Nel 1985 Giuliano Mancinelli conosceva benissimo l’ambiente, aveva coordinato il consiglio di fabbrica già nel ‘62.
“Ricordo chiaramente - racconta - l’incontro che ho fatto con De Benedetti al centro direzionale di Fontivegge. La crisi Buitoni era ormai evidente, soprattutto per il ramo pastifici. L’obiettivo di De Benedetti era di mettere insieme l’attività che sviluppavano Buitoni-Perugina con le aziende Sme (Motta, Alemagna), creando un gruppo multinazionale che facesse capo a Perugia.
La preoccupazione c’era ed era palpabile  ma nell’arrivo di De Benedetti tutti vedevano un’ancora di salvataggio anche se sul piano politico-istituzionale non tutti la pensavano così. Ricordo che facemmo anche un ottimo accordo aziendale che teneva insieme le aspettative dei dipendenti e gli interessi dell’azienda riguardo a garanzie occupazionali e rilancio aziendale con l’allora dirigente Angelo Barozzi - sottolinea ancora Mancinelli - nominato da De Benedetti che qui non conosceva nessuno.
Fu comunque un momento difficile ma di forti speranze. Ci fu anche una certa tensione tra i dipendenti, tra quelli di Perugia e quelli di Sansepolcro in questa fase molto complicata. Mi viene poi in mente - aggiunge Mancinelli - l’incontro avuto con Bruno Buitoni che mi annunciò della trattativa in corso con De Benedetti. Ricordo che era molto dispiaciuto ed emozionato.
Il progetto di De Benedetti non andò poi in porto perché c’erano antagonisti forti che in qualche modo bloccarono la sua espansione. Quando poi arrivò la Nestlé si aprì una nuova fase, altrettanto complicata, diversa: avevamo a che fare con una multinazionale, le trattative si andavano a fare in Svizzera. Ricordo le polemiche e le proteste per la bandiera svizzera che sventolava sopra la Perugina, per loro era normale, per noi niente affatto”.


Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Stunt-man? No stunt-woman: due donne piroettano su auto in corsa

Stunt-man? No stunt-woman: due donne piroettano su auto in corsa

Roma, (askanews) - Lanciarsi su un auto in corsa e fare piroette attaccandosi al finestrino del passeggero; oppure salire sul bordo del cofano aperto, il tutto mentre la macchina sta andando a tutta velocità oppure sta effettuando testacoda a ripetizione. Accade in Namibia e le protagoniste sono due giovani ragazze che, nelle loro esibizioni, radunano centinaia e centinaia di fan, curiosi e ...

 
Legge elettorale: Alfano, posizioni con Renzi molto distanti

Legge elettorale: Alfano, posizioni con Renzi molto distanti

Roma, (askanews) - Sulla legge elettorale e sulla data delle elezioni "le posizioni rimangono molto distanti" con Matteo Renzi: lo dice il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, parlando a Fabriano a margine dell'inaugurazione del nuovo laboratorio tecnologico di Elica, leader mondiale nel mercato delle cappe da cucina. "No, finora le posizioni rimangono molto distanti. Spero si possano ...

 
Festa dei Ceri di Gubbio sbarca in Pennsylvania, per Sant'Ubaldo

Festa dei Ceri di Gubbio sbarca in Pennsylvania, per Sant'Ubaldo

Roma, (askanews) - La Festa dei Ceri di Gubbio sbarca oltreoceano e arriva nella piccola cittadina di Jessup, in Pennsylvania, dove si è festeggiato il giorno di Sant'Ubaldo. Si è così svolta prima la festa dei ceri grandi e successivamente la corsa dei ceri piccoli, guidati dai ragazzini. Il tutto accompagnato dalle benedizioni e l'omaggio ai ceraioli che non ci sono più. Oltre 10mila turisti ...

 
Macron incontra Putin: rafforzare relazioni sulla Siria

Macron incontra Putin: rafforzare relazioni sulla Siria

Versailles (askanews) - La Siria è stato il tema centrale del primo incontro fra il neo presidente francese Emmanuel Macron e il presidente russo Vladimir Putin, in visita ufficiale in Francia. "Sulla Siria, ho ricordato quali sono le nostre priorità e credo che potremo lavorare insieme - ha detto Macron dopo l'incontro avvenuto a Versailles - La nostra priorità assoluta è la lotta al terrorismo ...

 
Da sinistra: gli attori Christopher Laesso, Dominic West, il direttore Ruben Ostlund, l'attrice Elisabeth Mosse  e gli attori Claes Bang e Terry Notary di "The Square" 

Da sinistra: gli attori Christopher Laesso, Dominic West, il direttore Ruben Ostlund, l'attrice Elisabeth Mosse  e gli attori Claes Bang e Terry Notary di "The Square" 

CINEMA

La Palma d'Oro di Cannes assegnata a "The square"

La Palma d’oro del Festival del cinema di Cannes 2017 va a "The square", film del regista svedese Ruben Östlund. L’annuncio è stato dato poco dopo le 20.30 di domenica 28 ...

28.05.2017

Musica e balli invadono il centro

L'EVENTO

Musica e balli invadono il centro

La musica fa tappa nel cuore di Perugia. Una musica che sa di Alviano, ma ormai conosciuta in altre regioni d’Italia e in diversi Paesi del mondo. Si tratta della musica di ...

27.05.2017

Vince cinquantamila euro ai "Soliti ignoti"

Bel colpo

Vince cinquantamila euro ai "Soliti ignoti"

Ha vinto cinquantamila euro ai "Soliti ignoti". Protagonista della bella prova Roberto Marinetti, giovane di Gubbio, che ha partecipato come concorrente alla puntata del ...

27.05.2017