Femminicidi, una lunga scia di sangue

Roberta Zanetti venne sequestrata dall'ex marito, sgozzata e finita con un colpo di fucile a Castel Viscardo nell'Orvietano

07.08.2013 - 14:33

0

Quello di Roberta Zanetti, giovane infermiera, in lite con il compagno per la separazione e l’affidamento della figlioletta nata dal rapporto, fu un omicidio agghiacciante: la donna - era il 1994 - venne sequestrata, sgozzata con un coltellaccio e finita con un colpo di fucile a Castel Viscardo nell’Orvietano. L’assassino, che si era barricato in casa, assediato dai carabinieri, si arrese dopo aver parlamentato con il magistrato, Paolo Micheli, ora in corte di Cassazione. Orrendo quel fatto di sangue. Eppure non era stato il primo e neppure l’ultimo: anzi negli anni successivi in tutta l’Umbria i delitti a sfondo sessuale o quelli di genere (definiti come “femminicidi”) sono purtroppo aumentati. A dismisura. La più piccola delle vittime, due anni e sette mesi, si chiamava Maria. Viveva in una modesta casa in Alta Val Tiberina con il padre e la madre. La uccise il datore di lavoro del suo papà che, hanno scritto i giudici in sentenza, avrebbe abusato sessualmente di questo piccolo angelo. Ora l’uomo, un piccolo imprenditore edile di Sansepolcro, sta scontando l’ergastolo. E la madre una condanna a una dozzina di anni. A tornare indietro con la memoria si scopre un piccolo esercito di vittime, giovani e meno giovani, la cui vita è stata stroncata dalla gelosia di un qualche Otello di provincia, se non di campagna, da conviventi respinti, da spasimanti tremendamente possessivi, da cinici mariti padroni. Ecco una lista nera, incompleta per motivi di spazio. Clara venne freddata con una fucilata in Valnerina dal coniuge ossessionato dalla gelosia, tanto da metterle davanti, prima di ucciderla in camera da letto, un foglio di quaderno e una penna e da intimarle: “Scrivi i nomi dei tuoi amanti”. A Città di Castello, in una palazzina liberty, venne uccisa, barbaramente, negli anni Settanta, la segretaria dell'Itis, Maria Teresa, 25 anni, di Città della Pieve di cui si era invaghito un uomo che voleva averla per forza (“con le buone o con le cattive”) e che, al suo rifiuto, la massacrò di botte e la finì con il cric dell’auto. Mafalda spirò, negli scantinati dell’ospedale di Perugia, per “l’abbraccio fatale” dell'amante (le frantumò le costole), al quale aveva comunicato di non voler proseguire la relazione adulterina. Bianca, al contrario, finì la sua esistenza annegata nelle acque del Topino a Valtopina: anche in questo caso per essersi rifiutata di proseguire il rapporto col suo drudo. Catia Roberta, ancora minorenne, venne strangolata e annegata in un fosso a Chiusi Scalo dal suo fidanzatino che l’aveva messa incinta, ma rifiutava di assumersi le proprie responsabilità. Lorena diventò bersaglio del fucile del suo convivente (da sei mesi stavano insieme) e sotto gli occhi del figlio a Lisciano Niccone, in un cascinale con vista sul Lago: aveva osato redarguire il compagno per le scarse attenzioni che le riservava. Due donne insieme vittime della identica furia omicida ad Assisi: il marito, che non accettava la separazione, massacrò a coltellate Fatima e mentre, se ne andava dall'abitazione con le mani insanguinate, colpì a morte anche l’unica testimone, Annunziata, 85 anni. Irene, che aveva deciso di lasciare il marito, venne sgozzata da quest’ultimo in un appartamento di Madonna Alta a Perugia; l’uomo tentò poi il suicidio. L’assassino raccontò di averla baciata dopo averle tagliato la gola. Annarita, madre di tre figli, fu ammazzata con un colpo di fucile: aveva osato separarsi e voleva l'affidamento del bambino ancora minorenne. Nel chiostro di San Pietro a Perugia, Daniela, madre di due figlie, fu raggiunta da più colpi di pistola esplosi dal marito geloso, dal quale viveva separata in casa. La giovane Michela, che aveva rifiutato di rimettersi insieme al fidanzato violento, venne freddata a colpi di pistola in una vigilia di Natale, a Madonna Alta di Perugia. Della tragica e orrenda fine di Meredith Kercher, nel casolare di via della Pergola 7, a Perugia, sono stati scritti più di una dozzina di libri e proiettate fiction e persino ricostruzioni filmate; fu uccisa a coltellate, forse nel corso di un festino di sesso e droga al quale si era rifiutata di prendere parte (il processo è ancora in corso). Mariana Mihaela fu raggiunta da una serie di coltellate dell’amante geloso - che non voleva accettare la fine della loro storia -, davanti alle amiche e all'anziana signora a casa della quale svolgeva le mansioni di badante. Barbara, madre di due figli e in attesa della terza, morì soffocata in camera da letto nella sua villetta di Compignano di Marsciano: suo marito è stato condannato all’ergastolo. Una lunga scia di sangue che non accenna a fermarsi.

A cura di Elio Clero Bertoldi

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Libano, premier Hariri sospende dimissioni su richiesta di Aoun

Libano, premier Hariri sospende dimissioni su richiesta di Aoun

Beirut (askanews) - Nuovo colpo di scena nel complicato e complesso quadrante politico libanese. Il premier Saad Hariri, rientrato a Beirut quasi tre settimane dopo le dimissioni choc annunciate a sorpresa e in diretta dalla capitale saudita Ryad il 4 novembre scorso, ha reso noto di avere accolto la richiesta del presidente Michel Aoun di sospendere le sue dimissioni. Hariri, che ha presenziato ...

 
Devastante siccità in Portogallo, un fiume totalmente prosciugato

Devastante siccità in Portogallo, un fiume totalmente prosciugato

Roma, (askanews) - Ai confini dell'Alentejo, regione centrale del Portogallo, un allevatore di bestiame che ha già perso 20 mucche dalla fine dell'estate, guarda con tristezza i pascoli bruciati dal sole e altro non spera che vedere cadere la pioggia. E proprio all'estremità dei suoi terreni scorreva il fiume Figueiro, affluente del Tago, oggi completamente prosciugato. "Non ho mai visto il fiume ...

 
Ratko Mladic condannato all'ergastolo dal tribunale dell'Aia

Ratko Mladic condannato all'ergastolo dal tribunale dell'Aia

L'Aia (askanews) - Il Tribunale penale internazionale dell'Aia ha condannato in primo grado all'ergastolo Ratko Mladic, l'ex capo militare serbo bosniaco soprannominato il "Macellaio dei Balcani". Mladic è stato riconosciuto colpevole di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l'umanità per il conflitto in Bosnia del 1992-1995. Prima della lettura della sentenza, l'ex capo militare dei ...

 
L'idolo millennial Beatrice Vendramin si racconta in un libro

L'idolo millennial Beatrice Vendramin si racconta in un libro

Milano (askanews) - La bella e grintosa Beatrice Vendramin non ha ancora 18 anni ma è già una star. Idolo dei Millennials con oltre 700mila follower su Instagram, è stata Emma la protagonista della serie Disney Alex&Co e ora ha deciso di rendere pubblico il suo diario trasformandolo in un libro "I piedi per terra, la testa nel cielo". "Ho voluto raccontare semplicemente quello che ho fatto fino ...

 
Melissa e Cyrille, musica al femminile

Jazz Club Perugia

Melissa e Cyrille, musica al femminile

Melissa Aldana e Cyrille Aimée saranno concerti al femminile al Jazz Club Perugia. La sassofonista cilena, con il suo quartetto, suonerà nella Sala Raffaello dell’hotel ...

21.11.2017

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

L'esclusiva di "Chi"

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

Fabrizio Frizzi passeggia con accanto la moglie Carlotta e la figlia Stella. Ecco le prime foto pubblicate in esclusiva dal settimanale "Chi" dopo l'ischemia che ha colpito ...

21.11.2017

Don Matteo tra scene natalizie e cena col cast

Spoleto

Don Matteo tra scene natalizie e cena col cast

E’ gia atmosfera natalizia a Spoleto grazie a Don Matteo. Tra luminarie, giochi di luce e una grande slitta che ha fatto capolino lunedì 20 novembre in corso Garibaldi dove ...

20.11.2017