Convention Pdl, prima Brunetta show e poi Berlusconi: "Equitalia? La modifichiamo"

L'ex ministro intervistato a Umbriafiere: "Monti? Un mostrino, ma noi di cavolate ne abbiamo fatte". Il Cavaliere: "Possiamo vincere, via l'Irap in tre anni"

18.02.2013 - 10:33

0

E' l'ex ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, il protagonista della più importante manifestazione del Pdl in Umbria per la campagna elettorale delle elezioni politiche. All'incontro erano presenti oltre 600 persone. Intervistato dai quattro direttori delle testate giornalistiche dell'Umbria, oltre all'Ansa, il relatore del Popolo della Libertà dell'ultima Legge di stabilità ha risposto a tutte le domande e incollato i circa 500 partecipanti alla sedie del centro congressi di Umbriafiere. Un esempio lo offre la vicenda Mps con l'ex ministro che sottolinea: "Stigmatizzo il linciaggio del cittadino Mussari".
Dopo l'intervento di apertura di Rocco Girlanda, coordinatore regionale del partito - che ha sottolineato il valore della rimonta della coalizione di centrodestra, fondata su "proposte concrete che interessano gli italiani e non vuote agende" - Brunetta è stato al centro del dibattito sul modello americano dell'"Uno contro tutti", che ha preceduto il collegamento telefonico da Arcore di Silvio Berlusconi. A tutti i partecipanti all'evento, a cui hanno presenziato tutti i vertici politici ed istituzionali del Pdl umbro, è stata regalata una copia del libro dell'ex Ministro, "Maledetto spread".

"Via l'Irap in tre anni e una nuova Equitalia" L'intervento dell'ex premier Berlusconi non ha deluso i presenti. L'esordio è un inno alla vittoria: "Possiamo farcela, ricordo ancora a memoria il dato delle europee in Umbria, il 35,27%". Poi si rivolge a Brunetta e recita l'equazione liberale. In sostanza, meno tasse e più economia. E' un Berlusconi arrembante, che cala l'asso delle nuove proposte. Una: "Equitalia? Abbiamo un progetto in 8 punti per modificarla. Deve cambiare funzionamento. perché il governo tecnico le ha imposto un comportamento sbagliato". Due: "L'Irap è un'imposta assassina, la toglieremo in tre anni".

L'intervento di Brunetta Il contatto telefonico con Arcore si chiude così. E il palco resta all'ex ministro Brunetta, che non recide le sue radici socialisti e rivendica: "la riforma della pubblica amministrazione è di sinistra, è per la gente. I ricchi i servizi sanitari e sociali se li devono pagare". Poi l'attacco a Napolitano, reo di essere "autoassolutorio nell'attaccare i partiti che criticano Monti". Spazio anche alle stilettate al Professore ("è un mostrino, lui e anche il suo governo") e alle fondazioni bancarie. Conclusione con un minimo di autocritica per l'ex ministro. Brunetta risponde così alla domanda del perché del calo di consensi del Pdl: "Di cavolate ne abbiamo fatte tante, ma tante. Ed è giusto che la gente ci abbia punito. Ma è anche giusto che quando proponiamo e facciamo cose buone la gente ci dia al consenso".

Servizio fotografico a cura di Giancarlo Belfiore

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Roma (askanews) - "Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico e gli ha affidato il compito di verificare la possibilità di una intesa di maggioranza parlamentare tra M5s e Pd per costituire il governo". Meno di trentasei ore per rendere possibile quello che fino ad oggi sembrava impossibile: un governo di larghe intese ...

 
Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Roma, 23 apr. (askanews) - "The Happy Prince", il principe felice: prende il nome dalla favola di Oscar Wilde il film che Rupert Everett ha dedicato al grande scrittore irlandese, alla sua vita rutilante nella società londinese di fine Ottocento e al suo crollo quando la sua omosessualità divenne di pubblico dominio. Oscar Wilde è un ruolo che Everett ha ricoperto anche in teatro. Dal festival di ...

 
Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Sorrento, (askanews) - Intervistato al Festival di Sorrento, Rupert Everett racconta del suo impegno in un progetto caro al cuore dell'Italia, una serie tv Fox tratta dal "Nome della Rosa" di Umberto Eco, girata a Perugia: Guglielmo sarà John Turturro. E Umberto Eco, dice, Everett, sarebbe contento. "Penso che sarebbe contento: rispetto al film che doveva riassumere così tanti temi del libro, noi ...

 
Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

L'intervista

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

Paolo Fresu e Giovanni Sollima, sardo il primo, siciliano l’altro. Due musicisti eclettici e virtuosi che su sollecitazione dell’Orchestra da camera di Perugia hanno ...

18.04.2018