Monti ad Assisi per il concerto di Natale: “L’Italia ce la farà”

Per il presidente del Consiglio l'ascolto di Morricone in Basilica, visita alla cripta di San Francesco, alla cappella di San Nicola e cena in refettorio  

17.12.2012 - 09:03

0

Germogli di speranza sono quelli seminati dal presidente del Consiglio Mario Monti, giunto ieri ad Assisi insieme alla moglie Elsa, per la prima volta da premier, in occasione del 27esimo concerto di Natale organizzato dal Sacro convento che ha avuto luogo nella solenne e suggestiva cornice della basilica di San Francesco e che sarà trasmesso in eurovisione su Rai Uno il 25 dicembre.“ L’Italia ha conquistato credibilità e fiducia in Europa e nel mondo”, ha affermato Monti alla vigilia della sua visita nella città serafica, convinto che “il peggio è passato” e che “l’Italia non è deragliata e ce la farà”.
Un messaggio di fiducia al quale ha fatto eco quello del presidente del Senato Renato Schifani, che al suo arrivo ad Assisi, “centro della riflessione e della speranza”, ha detto ai giornalisti: “Dobbiamo credere in questa grande Italia”. Un concerto maestoso e soave che ha visto protagonista un maestro d’eccezione, il premio Oscar alla carriera Ennio Morricone, nel dirigere l’Orchestra sinfonica nazionale della Rai e il coro dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia e alcune voci soliste, fra le quali anche quella di Massimo Ranieri. Al termine del concerto, sotto uno scroscio di pioggia, Monti e Schifani si sono recati nella cripta che custodisce le spoglie del Santo. Dopo aver pregato e acceso una candela sulla tomba del Poverello, il custode del Sacro convento padre Giuseppe Piemontese e il direttore della sala stampa padre Enzo Fortunato hanno condotto i due presidenti nella cappella di San Nicola, recentemente inaugurata dopo una lunga opera di restauro, dove il custode ha mostrato loro il “Codice 338”, l’originale Cantico delle creature scritto da San Francesco, che il premier aveva definito di recente “un poetico inno alla vita”.
Il premier ha accolto quindi l’invito ad unirsi alla cena nel refettorio del Sacro, dove con semplicità e condivisione francescana sono state servite pietanze della tradizione natalizia. Il pasto si è concluso con il ringraziamento del premier che ha ricevuto in dono dai frati la lampada votiva in segno di riconoscenza e gratitudine.

A cura di Sara Caponi

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano (askanews) - E' grazie a scienza, tecnologia e alle sempre più evolute procedure di indagine che per i responsabili dei delitti è sempre più difficile rimanere impuniti. Oggi l'indagine scientifica ha assunto un ruolo fondamentale. Basti pensare che in uno degli ultimi casi di cronaca è bastato un singolo capello ritrovato sul luogo di un grave delitto di sangue per trovare e catturare gli ...

 
Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Los Angeles (askanews) - Una stella sulla Walk of Fame, la celebre passeggiata degli artisti a Los Angeles, per Dwayne "The Rock" Johnson. L'attore americano, ex culturista 45enne, reso celebre dai ruoli da duro in film come "Il re scorpione", "Fast & Furious" fino ai recenti remake di "Baywatch" e "Jumanji" si è aggiudicato l'ambito riconoscimento che consacra le più famose star di Hollywood. ...

 
Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Genova (askanews) - "È assolutamente un'importantissima conquista di civiltà". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando l'approvazione della legge sul biotestamento, a margine dell'assemblea di Dems a Genova. "Voglio ringraziare - ha sottolineato il Guardasigilli - tutti i parlamentari che hanno concorso all'approvazione di questo importante atto normativo che ci fa ...

 
Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Genova (askanews) - "Lavoriamo per dare un risultato chiaro perché credo che l'ipotesi di nuove elezioni o di larghe intese non sia nell'interesse del Paese". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando, a margine dell'assemblea di Dems a Genova, l'ipotesi di un Gentiloni bis in caso di una situazione di stallo dopo le prossime elezioni.

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017