Napolitano: “La società ha bisogno dello spirito di Assisi” - FOTOGALLERY

Il Capo dello Stato ad Assisi in occasione della ricorrenza del Santo Patrono d’Italia

06.10.2012 - 20:45

0

Assisi come città dell'incontro, del confronto e del dialogo. Un luogo dove anche i non credenti si uniscono con ideali universali, del vero senso dell'umanità, del futuro e della speranza dei giovani. Il Presidente Giorgio Napolitano ha espresso un messaggio chiaro: "Abbiamo bisogno in tutti i campi di apertura, di reciproco ascolto e comprensione, di avvicinamento e unità nella diversità. Abbiamo cioè bisogno dello spirito di Assisi".

Servizio completo all'interno dell'edizione del Corriere dell'umbria
A cura di Marina Rosati



La giornata del Presidente ad Assisi
Tanta l'emozione ad Assisi per l'arrivo del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del cardinal Ravasi, in occasione del convegno "Dio questo sconosciuto", interessante dialogo tra credenti e non credenti, moderato dal direttore del Corriere della Sera, Ferruccio De Bortoli. Tanti applausi e forse anche un po' di apprensione, visto l'allarme di ieri sera per un falso pacco bomba.
Napolitano incita a recuperare i valori persi Prima di prendere parte al confronto con monsignor Ravasi, Napolitano ha dato subito la soluzione secondo lui alle diversità di religione e di cultura: "Il messaggio di Assisi – ha detto – è chiaro. Il messaggio è il dialogo. Dalla schiettezza del dialogo possono venire nuovi stimoli e un rilancio morale del Paese".
Oltre che nel dialogo, il presidente della Repubblica ha identificato nella riappropriazione di un forte senso morale, la strada da percorrere per affrontare l'attuale periodo di crisi dell'economia e dei valori. "C'è un acuto bisogno oggi, come in pochi altri momenti della storia recente, - ha dichiarato al pubblico di Assisi - di una ripresa di slancio ideale e di un senso morale". "L'Italia – ha continuato - deve affrontare prove aspre per la crisi finanziaria ma quel che acuisce l'incertezza e produce grave disorientamento è l'inadeguatezza del quadro politico. I tanti fenomeni di degrado del costume e di scivolamento nell'illegalità, - ha dichiarato il presidente -, insieme ad annose inefficienze istituzionali ed amministrative, provocano un fuorviante rifiuto della politica". E allora ecco che arriva l'appello per tutti, politici e non, a cercare e perseguire il bene comune. "Nell'attuale fase di profonda incertezza e inquietudine - ha spiegato -, la società italiana ha bisogno che venga rivisitata e riaffermata più fortemente la nozione di bene comune e quella di interesse generale".
Il cardinal Ravasi: "Il male peggiore è l'amoralità" A proposito della mancanza di valori il cardinal Ravasi ha condiviso con il presidente della Repubblica la necessità di tornare ad un maggior senso di moralità. "I nostri giorni – ha dichiarato Ravasi - non sono più immorali del passato, però abbiamo una malattia peggiore che è quella della amoralità, della totale indifferenza, superficialità e banalità per cui il colore che domina è il grigio ed è per questo che si ha anche l'arroganza nel mostrarsi immorali". "Questo vuoto, cioè il nulla - ha aggiunto Ravasi - noi vogliamo colmarlo e le parole che abbiamo ascoltato (riferendosi al discorso di Napolitano ndr) riescono a colmare il vuoto e quindi a continuare a farci sperare nell'umanità".
No a contrapposizioni tra credenti e non credenti Nel periodo storico attuale l'Italia deve mettere in campo, secondo Napolitano, ulteriori sforzi. "Una convergenza di sforzi, però, che rischierebbe di essere resa più ardua, se non compromessa, dall'insorgere di contrapposizioni tra forze che si ponessero come rappresentanti sul terreno politico dei credenti o degli osservanti, da un lato, dei non credenti o non osservanti dall'altro, in particolare su questioni controverse e delicate inerenti a scelte soggettive delle persone e dei rispettivi nuclei famigliari. Mi auguro perciò – ha aggiunto Napolitano – che sia possibile affrontare tali questioni fuori da antitetiche rigidità pregiudiziali e anche da forzose strettoie normative. Abbiamo bisogno in tutti i campi di apertura, di reciproco ascolto e comprensione, di dialogo, di avvicinamento e unità nella diversità. Abbiamo bisogno, cioè, dello spirito di Assisi". E a proposito di scelte religiose il presidente della Repubblica precisa: ''Ho avuto un'educazione religiosa e ho attraversato la mia adolescenza con i riti religiosi, ma mi sono distaccato da una prassi che di per sè non garantiva la risposta ai miei interrogativi e mi sono calato in un'altra vita, che prescindeva da quella domanda".
La presidente Marini a Napolitano: "Grazie per il sostegno alle Regioni"  Ad Assisi è intervenuta anche la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini. "Stiamo vivendo giorni difficili, - ha detto - nei quali condotte illegali e immorali colpiscono l'immagine ed il ruolo del sistema delle autonomie locali. Dobbiamo avere la forza di reagire con rigore e determinazione ma anche essere capaci di salvaguardare il ruolo delle autonomie locali che hanno saputo esaltare quelle virtù civiche delle comunità locali tradotte nella capacità di fare impresa, tutelare l'ambiente e il proprio territorio, difendere il paesaggio, promuovere reti di solidarietà sociale". La presidente poi rivolgendosi a Napolitano ha detto: "Grazie per il sostegno e l'incoraggiamento che ci ha rivolto nei giorni scorsi, per l'assunzione di provvedimenti urgenti volti a salvaguardare il ruolo dell'istituzione regionale dalle degenerazioni a cui stiamo assistendo in queste settimane".

Notizie correlate:
L'intervento del segretario della Cgil Camusso

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

L'arresto per il delitto dei Parioli, due gambe in un cassonetto

L'arresto per il delitto dei Parioli, due gambe in un cassonetto

Roma, (askanews) - E' stato arrestato il presunto responsabile dell'omicidio di una donna a Roma; si tratta del fratello della vittima il cui cadavere fatto a pezzi era stato distribuito in vari cassonetti dei quartieri Parioli e Flaminio. I due abitavano assieme in un appartamento di via Guido Reni e avrebbero spesso litigato per questioni di soldi. La prima macabra scoperta è avvenuta la sera ...

 
Diana indimenticata icona di stile a 20 anni dalla morte

Diana indimenticata icona di stile a 20 anni dalla morte

Londra (askanews) - Ha cambiato il look alla monarchia inglese, ma non solo, è stata un'icona di eleganza e un simbolo del suo tempo. Vent'anni dopo la tragica morte di Lady Diana, il ricordo della "principessa del popolo" è ancora vivissimo. Per comprenderne meglio la figura a Londra è stata allestita a febbraio una mostra a Kensington Palace sulla sua personale concezione di stile. ...

 
La leonessa di Aleppo trasferita ha fatto un leoncino

La leonessa di Aleppo trasferita ha fatto un leoncino

Roma, (askanews) - Ha partorito un leoncino Dana, uno dei tredici animali dello zoo "Magic World" di Aleppo trasferiti dalla città semidistrutta a cura dell'associazione Four Paws. Dana si trova ora in una riserva vicino ad Amman, in Giordania, assieme agli altri animali trasferiti (altri quattro leoni, due tigri, due orsi neri asiatici, due iene e due cani). Poche ore dopo il trasferimento, il ...

 
Usa, rimosse statue sudiste a Baltimora, nessuna violenza

Usa, rimosse statue sudiste a Baltimora, nessuna violenza

Baltimora (askanews) - L'America ancora una volta divisa tra tolleranza e razzismo. Le statue dedicate ai principali protagonisti degli Stati Confederati d'America sono state velocemente rimosse dalle strade e dai parchi di Baltimora, in Maryland, pochi giorni dopo le violenze scoppiate nella vicina Virginia per la rimozione di monumenti simili. Le operazioni della polizia sono state seguite da ...

 
Daniel Craig sarà ancora 007

Cinema

Daniel Craig sarà ancora 007

Daniel Craig ha confermato che sarà nuovamente 007 nel 25esimo film della saga di James Bond. Ma sarà la sua ultima volta nel ruolo dell’agente segreto più famoso al mondo. ...

16.08.2017

Luara Freddi sarà mamma a 45 anni

Gossip

Luara Freddi sarà mamma a 45 anni

Laura Freddi sarà mamma all'età di 45 anni. Lo rivela il settimanale 'Chi', che nel numero in edicola da oggi pubblica le immagini della showgirl in dolce attesa. La diretta ...

16.08.2017

Al via il Festival Luci della Ribalta

Narni ospita il festival

Settima edizione

Al via il Festival Luci della Ribalta

Con il grande concerto inaugurale di lunedì 14 agosto, alle 21 e 30, nella splendida cornice della corte del palazzo comunale di Narni, prende ufficialmente il via il settimo ...

13.08.2017